Salute 21 Novembre 2016

Come sarà l’ospedale del futuro? «App e Big Data protagonisti», parlano IBM e Apple

Il futuro della sanità è digitale, a testimoniarlo i progetti all’avanguardia del Policlinico Abano Terme e dell’ospedale Vannini di Roma. Nezha (IBM-Apple): «App tecnologiche che agevolano il lavoro dei medici e degli infermieri». Rizzetti (Vannini): «Con tablet e smartphone per i medici meno possibilità d’errore»

Come saranno gli ospedali del futuro? L’evoluzione tecnologica, le strumentazioni all’avanguardia, la digitalizzazione degli archivi, saranno sicuramente gli indiscussi protagonisti. I dati che corrono tra le corsie, mettendo in comunicazione diverse strutture ospedaliere, guadagnano il pollice all’insù degli operatori sanitari che in recenti sondaggi ammettono di desiderare ospedali più all’avanguardia. Nel corso del Forum dell’Innovazione “S@lute 2016” organizzato a Milano di recente, la società canadese Mitel ha presentato i risultati di un’indagine condotta dall’Osservatorio Netics sul tema “Unified Communication & Collaboration in Sanità”. Obiettivo della ricerca era capire quanto fosse importante la tecnologia per medici e infermieri. Secondo i risultati della ricerca, l’interesse degli operatori sarebbe quello di poter utilizzare tecnologie che consentano di comunicare più velocemente tra colleghi, visto che, almeno il 10% del tempo in corsia, si perde cercando qualcuno o facendosi cercare, percentuale che sale al 16% se si parla di segreterie di reparto e sale operatorie.

Ma il futuro non è poi così lontano, almeno per alcune realtà ospedaliere. Parliamo, per esempio, del Policlinico Abano Terme che ha avviato una partnership con IBM per l’implementazione di due app utili a digitalizzare le attività del personale e migliorare l’assistenza ai pazienti. Le App Hospital RN e Hospital Lead, scaricabili su ipad e smartphone, sono utili a migliorare la collaborazione fra i membri dello staff e ad ottimizzare l’efficienza operativa. «L’obiettivo iniziale di questo progetto era creare una struttura di Mobile Solution – spiega Rand Nezha, Mobile Strategy Business Development di IBM+Apple -. La finalità del programma era collegare i dati disponibili con il rischio zero e poterli mettere corretti e in tempi veloci nelle mani dei medici. Questo procedimento, fatto in tempi brevi, consente ai medici di prendere decisioni rapide e intervenire sui pazienti». «Le nostre App si rivolgono ai diversi operatori sanitari – prosegue Nezha -. Infatti, una delle applicazioni si rivolge agli infermieri, serve per la digitalizzazione dei dati e offre la possibilità di monitorare i task inviati al paziente. La seconda App è dedicata ai caposala e serve per bilanciare il carico di lavoro attraverso gli infermieri del reparto e intervenire nei momenti giusti laddove richiesto. L’obiettivo è estendere il servizio anche ai medici e agli amministrativi e creare tante altre applicazioni che comunichino tra di loro».

Ad entrare nel futuro anche l’ospedale Vannini di Roma con il Dossier Sanitario Elettronico (DSE), un database digitale che potenzia ed ottimizza i servizi ospedalieri offerti, consentendo ai medici di visualizzare, attraverso tablet e smartphone, le immagini radiologiche e tutti i precedenti clinici degli assistiti. «La risposta dei medici è stata sicuramente positiva» commenta Antonio Rizzetti, ingegnere e responsabile dei servizi tecnici dell’ospedale. «I vantaggi per il medico sono tanti ma soprattutto poter studiare la storia clinica pregressa del paziente senza possibilità d’errore con un semplice supporto digitale – prosegue Rizzetti -. La possibilità di errore diventa inferiore. È da segnalare che il Vannini è un ospedale di frontiera, dove il numero dei pazienti stranieri spesso supera quello degli italiani. Molto spesso capita che ci siano problemi di comprensione di nomi, cognomi, al posto di una C una K, insomma errori all’apparenza irrisori, ma che poi possono generare confusione per esempio tra cartelle cliniche. Il DSE – conclude – evita questo genere di errori e consente la certezza dell’identificazione della persona. Inoltre, il nostro servizio si avvale anche di un braccialetto elettronico che viene consegnato al paziente e interagisce con il sistema per ulteriore precisione nella digitalizzazione dei dati. Il medico tramite tablet fotografa il braccialetto e automaticamente ha a disposizione tutta la storia clinica del paziente».

Articoli correlati
Patto per la salute, Giulia Grillo: «Ascolteremo i protagonisti della sanità per raccogliere idee e modelli innovativi»
L’8, il 9 e il 10 luglio, per tre giorni consecutivi, il ministero della Salute ascolterà i protagonisti della sanità italiana, in vista della definizione del Patto per la Salute 2019-21. L’accordo sarà stipulato da Governo e Regioni per progettare le politiche sanitarie del prossimo triennio. La tre giorni sarà una vera e propria maratona […]
Sanità, innovazione, accessibilità e tecnologie. Al via a Catanzaro il XIX convegno nazionale ingegneria clinica
Il rapporto tra sanità, tecnologie, accessibilità ed autentico valore dei servizi è al centro del XIX Convegno dell’Associazione Italiana Ingegneri Clinici, che si tiene a Catanzaro dal 16 al 18 maggio 2019 e che propone come titolo “Tecnologie, accessibilità, esiti: l’ingegneria clinica per una sanità di valore”. Oltre dieci mesi di lavoro sono serviti per […]
Innovazione digitale in sanità: White Wall è la start-up vincitrice dell’Open Innovation contest lanciato da Aiop Giovani
Nell’ambito della 55ª Assemblea Generale dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata (Aiop) che si è svolta a Cernobbio, si è tenuta anche la prima edizione di “StartAiop. Alla ricerca di soluzioni innovative per la sanità”, il programma di Open Innovation lanciato da Aiop Giovani e rivolto alle start-up che hanno sviluppato idee all’avanguardia applicabili al settore sanitario. […]
«Il Paese cerca scopritori di possibilità di cure» l’appello di Scaccabarozzi (Pres. Farmindustria) agli studenti di medicina del Campus di Roma
Non più solo in corsia. Oggi i medici servono anche nel settore farmaceutico. È questo il messaggio emerso dall’incontro: “Il farmaco dalla ricerca di base alla terapia: sinergie tra accademia e impresa sulle nuove prospettive occupazionali del settore farmaceutico”, in Università Campus Bio-Medico di Roma. All’evento hanno partecipato Massimo Scaccabarozzi, Presidente di Farmindustria, Alessandro Mugelli, […]
MolMed al 22° congresso dell’American Society of Gene and Cell Therapy sull’innovazione continua nella produzione dei vettori virali per uso clinico
Il congresso dell’ASGCT, considerato il più importante del settore, coinvolge medici, scienziati, ricercatori e tecnici da tutto il mondo con l’obiettivo di progredire le conoscenze e promuovere l’innovazione nell’applicazione clinica delle terapie geniche e cellulari a beneficio dei pazienti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti