Voci della Sanità 16 Dicembre 2021 16:10

Assistenza sanitaria, ricerca scientifica e innovazione: nasce la Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-medico

La Fondazione, costituita per essere ancora più vicina al progresso medico-scientifico a favore della salute delle persone, opererà in stretta sinergia con l’Università Campus Bio-Medico di Roma nel perseguimento degli obiettivi e nel rispetto dei valori che ne ispirano da sempre l’azione: la Scienza per l’Uomo

Assistenza sanitaria, ricerca scientifica e innovazione: nasce la Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-medico

Il Consiglio di Amministrazione dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, riunitosi mercoledì 15 dicembre 2021, ha proceduto alla nomina del CdA della “Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico” (in breve “Fondazione Policlinico UCBM”).

La Fondazione Policlinico UCBM, costituita dall’ Università Campus Bio-Medico di Roma e dai suoi Enti promotori, Associazione Campus Bio-Medico e Campus Bio-Medico Spa, assumerà dal 1° gennaio 2022 la gestione del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico.

Membri del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Policlinico UCBM saranno l’Ing. Carlo Tosti (Presidente), l’Avv. Fabio Angelini, il Dott. Marco Ferlazzo, la Dott.ssa Chiara Fiorani, il Dott. Alessandro Pernigo, il Dott. Stefano Piccaluga, l’Ing. Paolo Sormani. Il CdA della Fondazione resterà in carica per 3 anni.

La Fondazione Policlinico Ucbm porterà avanti lo sviluppo del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico mantenendo la sua peculiare vocazione negli ambiti dell’assistenza alla persona, della ricerca scientifica e dell’innovazione in campo biomedico e sanitario, sia clinico che traslazionale. Continuerà ad agire in stretta sinergia con l’Università Campus Bio-Medico di Roma, a supporto della quale opera sin dalla sua nascita, nel 1994, con la stessa unità di intenti e nel rispetto dei valori che ispirano da sempre la sua azione, secondo l’ispirazione del Beato Alvaro del Portillo.

Nel corso della stessa riunione il CdA di UCBM ha approvato il nuovo Statuto dell’Università. Gli enti promotori dell’Università Campus Bio-Medico di Roma hanno poi designato i 6 componenti del nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Università (che entrerà in funzione il 1 gennaio 2022 e resterà in carica per i prossimi 3 anni) nelle figure della Dott.ssa Chiara Fiorani, della Dott.ssa Sara Galluzzo, della Prof.ssa Cristina Masella, del Dott. Alessandro Pernigo, del Dott. Andrea Rossi, dell’Ing. Carlo Tosti. Essi si uniscono al prof. Raffaele Calabrò, Rettore dell’Università, in quanto tale, membro di diritto del Consiglio d’Amministrazione.

Nel corso della seduta, il Presidente Felice Barela, nel ricordare che l’attuale Consiglio concluderà il suo mandato il 31 dicembre prossimo, ha ringraziato sentitamente tutti i Consiglieri e i Revisori per il buon lavoro svolto assieme che ha consentito una significativa crescita in questi tre anni e mezzo dell’Università e del Policlinico in tutti i campi: attività formativa, curriculare e post laurea; ricerca; attività clinica; terza missione.

«Basti pensare – ha sottolineato Barela – alla nascita di una terza Facoltà: “Scienze e Tecnologie per l’Uomo e l’Ambiente” e di nuovi corsi di laurea; al rafforzamento delle attività di formazione continua; all’avvio del DEA e dell’Hospice; al consolidamento dei rapporti con Istituzioni e Aziende, tra cui INAIL e Confindustria, alle molteplici attività messe in campo per contribuire a combattere il COVID (Covid Center; Drive in; Centro vaccinale), alla costruzione del nuovo edificio della didattica. Il tutto assicurando la stabilità economico-finanziaria, pur dovendo attraversare periodi di particolare incertezza e complessità, fortemente condizionati dalla pandemia con tutto ciò che ha comportato dal punto di vista economico e sociale».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ricerca, è italiana la terapia genica che dà speranze ai bambini farfalla
Hassan, affetto da epidermolisi bollosa, a sei anni viene sottoposto ad una terapia genica messa a punto dal Professor Michele De Luca del centro di medicina rigenerativa “Stefano Ferrari” Unimore di Modena. Nel 2017 inizia il follow up, cinque anni dopo, per il centro di eccellenza emiliano è pronta una nuova sfida che partirà nei primi mesi del 2022
Come Covid-19 ha cambiato la ricerca farmaceutica, lo spiega Massimo Scaccabarozzi (Farmindustria)
Parole d'ordine: digitale e decentralizzazione. Il virus ha portato la ricerca oltre i propri limiti e ha mostrato quanto veloce si può lavorare e in maniera produttiva
Malattie cardiovascolari, Gensini: «Metà dei pazienti abbandona la terapia dopo sei mesi»
«La mancata aderenza alle terapie determina una scarsa protezione per i pazienti e un miliardo di euro di spreco per il SSN. Il progetto Value Based Healthcare Ecosystem nasce per supportare i pazienti cardiovascolari cronici»
Torino avrà il più grande parco della salute post Covid
Luigi Genesio Icardi (assessore alla sanità Regione Piemonte): «È la più grande opera di edilizia sanitaria degli ultimi anni. Sarà un polo di ricerca, didattica e cura. I lavori si concluderanno nel 2027»
di Federica Bosco
Leucemia, nei podcast “Diamo voce al futuro” di AIL e Janssen storie di pazienti per sostenere la ricerca
L’obiettivo è rendere le terapie con cellule Car-T sostenibili dal sistema sanitario nazionale e accessibili a tutti
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 gennaio, sono 334.395.897 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.556.935 i decessi. Ad oggi, oltre 9,70 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre