Voci della Sanità 16 Dicembre 2021 16:10

Assistenza sanitaria, ricerca scientifica e innovazione: nasce la Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-medico

La Fondazione, costituita per essere ancora più vicina al progresso medico-scientifico a favore della salute delle persone, opererà in stretta sinergia con l’Università Campus Bio-Medico di Roma nel perseguimento degli obiettivi e nel rispetto dei valori che ne ispirano da sempre l’azione: la Scienza per l’Uomo

Assistenza sanitaria, ricerca scientifica e innovazione: nasce la Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-medico

Il Consiglio di Amministrazione dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, riunitosi mercoledì 15 dicembre 2021, ha proceduto alla nomina del CdA della “Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico” (in breve “Fondazione Policlinico UCBM”).

La Fondazione Policlinico UCBM, costituita dall’ Università Campus Bio-Medico di Roma e dai suoi Enti promotori, Associazione Campus Bio-Medico e Campus Bio-Medico Spa, assumerà dal 1° gennaio 2022 la gestione del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico.

Membri del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Policlinico UCBM saranno l’Ing. Carlo Tosti (Presidente), l’Avv. Fabio Angelini, il Dott. Marco Ferlazzo, la Dott.ssa Chiara Fiorani, il Dott. Alessandro Pernigo, il Dott. Stefano Piccaluga, l’Ing. Paolo Sormani. Il CdA della Fondazione resterà in carica per 3 anni.

La Fondazione Policlinico Ucbm porterà avanti lo sviluppo del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico mantenendo la sua peculiare vocazione negli ambiti dell’assistenza alla persona, della ricerca scientifica e dell’innovazione in campo biomedico e sanitario, sia clinico che traslazionale. Continuerà ad agire in stretta sinergia con l’Università Campus Bio-Medico di Roma, a supporto della quale opera sin dalla sua nascita, nel 1994, con la stessa unità di intenti e nel rispetto dei valori che ispirano da sempre la sua azione, secondo l’ispirazione del Beato Alvaro del Portillo.

Nel corso della stessa riunione il CdA di UCBM ha approvato il nuovo Statuto dell’Università. Gli enti promotori dell’Università Campus Bio-Medico di Roma hanno poi designato i 6 componenti del nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Università (che entrerà in funzione il 1 gennaio 2022 e resterà in carica per i prossimi 3 anni) nelle figure della Dott.ssa Chiara Fiorani, della Dott.ssa Sara Galluzzo, della Prof.ssa Cristina Masella, del Dott. Alessandro Pernigo, del Dott. Andrea Rossi, dell’Ing. Carlo Tosti. Essi si uniscono al prof. Raffaele Calabrò, Rettore dell’Università, in quanto tale, membro di diritto del Consiglio d’Amministrazione.

Nel corso della seduta, il Presidente Felice Barela, nel ricordare che l’attuale Consiglio concluderà il suo mandato il 31 dicembre prossimo, ha ringraziato sentitamente tutti i Consiglieri e i Revisori per il buon lavoro svolto assieme che ha consentito una significativa crescita in questi tre anni e mezzo dell’Università e del Policlinico in tutti i campi: attività formativa, curriculare e post laurea; ricerca; attività clinica; terza missione.

«Basti pensare – ha sottolineato Barela – alla nascita di una terza Facoltà: “Scienze e Tecnologie per l’Uomo e l’Ambiente” e di nuovi corsi di laurea; al rafforzamento delle attività di formazione continua; all’avvio del DEA e dell’Hospice; al consolidamento dei rapporti con Istituzioni e Aziende, tra cui INAIL e Confindustria, alle molteplici attività messe in campo per contribuire a combattere il COVID (Covid Center; Drive in; Centro vaccinale), alla costruzione del nuovo edificio della didattica. Il tutto assicurando la stabilità economico-finanziaria, pur dovendo attraversare periodi di particolare incertezza e complessità, fortemente condizionati dalla pandemia con tutto ciò che ha comportato dal punto di vista economico e sociale».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il cerotto intelligente: lo applichi sulla pelle e ti “dice” come stai
I ricercatori dell’Università di Chicago: «Il nostro dispositivo è dotato di un chip che, imitando il cervello umano, è in grado di raccogliere dati da più biosensori e trarre conclusioni sulla salute di una persona». In futuro potrebbe essere utilizzato anche per inviare avvisi a pazienti e medici in caso di necessità
Giffoni Innovation Hub, grande accoglienza per “Hai mai visto un unicorno?”, il cortometraggio che parla di vita e di SMA
Ragazzi dai 18 ai 30 anni hanno partecipato alla presentazione del film realizzato da Famiglie SMA, OMaR e GoGo Frames ponendo numerose domande per giungere a una riflessione: necessario parlare, raccontarsi ed essere ascoltati, soprattutto quando c’è di mezzo una disabilità
La ricerca non può avere confini amministrativi, intervenga l’Autorità Garante
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
Regione Lombardia investe 7,5 milioni di euro nelle cure domiciliari
Nuove tecnologie, telemedicina e personale specializzato gli ambiti di sviluppo su cui è concentrata l’attenzione di pubblico e privato. Da MedicaAir nuovi studi per migliorare la consistenza dei cibi per pazienti con insufficienza respiratoria
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi