Salute 18 Ottobre 2021 13:41

Torino avrà il più grande parco della salute post Covid

Luigi Genesio Icardi (assessore alla sanità Regione Piemonte): «È la più grande opera di edilizia sanitaria degli ultimi anni. Sarà un polo di ricerca, didattica e cura. I lavori si concluderanno nel 2027»

di Federica Bosco
Torino avrà il più grande parco della salute post Covid

Sono partiti i lavori di bonifica del primo lotto del nuovo Parco della Salute e della Scienza di Torino. Su una superficie di circa 105.000 metri quadri nel sito dell’ex Area Fiat-Avio si svilupperà un ospedale caratterizzato da mille e quaranta posti letto che si aggiungeranno al già esistente centro traumatologico e all’ospedale infantile Regina Margherita.

«Credo sia la più grande opera di edilizia sanitaria degli ultimi anni e una delle maggiori a livello nazionale – spiega ai microfoni di Sanità Informazione l’assessore alla Sanità di Regione Piemonte Luigi Genesio Icardi -. Questo è un progetto importantissimo per la città che oggi ha una edilizia sanitaria un po’ vetusta. La partenza dei lavori di bonifica rappresenta un momento storico che dà il via ad un percorso che si concluderà nel 2027».

Un investimento da 450 milioni di euro

L’investimento complessivo di oltre 450 milioni di euro permetterà di realizzare le nuove sedi ospedaliere delle Molinette, del CTO e dell’Ospedale Sant’Anna. Un polo che nel post Covid cercherà di correggere le criticità della sanità emerse durante la pandemia per rendere alla città un servizio più efficiente. «Rispetto alle problematiche emerse durante il Covid, il lavoro che stiamo facendo è di garantire, quindi, oltre ad un involucro di ultima generazione con tecnologie d’avanguardia, anche quel criterio di flessibilità indispensabile per far fronte alle situazioni di emergenza urgenza che proprio la pandemia ci ha fatto conoscere».

Si pensa ad un incubatore di start up

Un lavoro di sinergia che vede coinvolti diversi attori: Regione Piemonte, Comune di Torino e Università. «Insieme abbiamo predisposto una cabina di monitoraggio – sottolinea l’assessore -, al suo interno ci sono due gruppi di lavoro: il primo che riguarda la mobilità coordinato dal comune di Torino, e un secondo dal Politecnico. Inoltre, strizziamo l’occhio alle imprese perché vorremmo creare un incubatore di start up e di progetti legati al mondo della farmacologia e dell’innovazione in campo sanitario. Sarà un polo di ricerca, di didattica e di cura coordinato dalla città della salute di Torino».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Premio “Leads – Donne Leader in Sanità”, Lorenzin: «Ai vertici sempre gli uomini, serve rapido cambio di passo»
L’iniziativa nasce per promuovere la leadership delle donne in ambito sanitario. «Per quanto le donne siano assoluta maggioranza – il 64,5% del SSN italiano secondo l’Oms – osservando le posizioni di leadership questa piramide si rovescia» specifica la presidente Patrizia Ravaioli
IV Congresso Big Data in Health, tra salute collettiva e rispetto della privacy
L’avvocato Luca Bolognini: «Necessario un bilanciamento per supportare la spinta all’innovazione senza perdere di vista l’etica del trattamento dati»
I ricercatori in sanità chiedono la stabilizzazione: «Così è difficile programmare l’attività scientifica»
L’ARSI, Associazione Ricercatori in Sanità, chiede che nell’articolo 92 della Legge di Bilancio che stabilizza i precari assunti durante l’emergenza Covid siano inseriti anche i ricercatori degli IRCSS e degli IZS
di Francesco Torre
«Tutti i professionisti sanitari siano coinvolti nelle Case di Comunità». Dal Congresso di Rimini l’appello della FNO TSRM PSTRP
Teresa Calandra, presidente della Federazione che rappresenta 19 professioni sanitarie, spiega: «In questo modo si farà meno fatica poi a trovare le eventuali figure professionali che non sono state inserite nei piani regionali»
di Francesco Torre
Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per l’aggiornamento dei LEA, tutte le misure per la sanità in legge di Bilancio
Confermata l’indennità di 90 milioni per i professionisti sanitari dell’emergenza urgenza e la proroga delle Usce fino al 30 giugno 2022. Destinati 500 milioni di euro all’abbattimento delle liste di attesa. Stanziati fondi per costituire una scorta nazionale di dispositivi di protezione individuale (DPI)
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...