Salute 9 Novembre 2021 10:23

Malattie cardiovascolari, Gensini: «Metà dei pazienti abbandona la terapia dopo sei mesi»

«La mancata aderenza alle terapie determina una scarsa protezione per i pazienti e un miliardo di euro di spreco per il SSN. Il progetto Value Based Healthcare Ecosystem nasce per supportare i pazienti cardiovascolari cronici»

Malattie cardiovascolari, Gensini: «Metà dei pazienti abbandona la terapia dopo sei mesi»

«Il progetto Value Based Healthcare Ecosystem, che vede Daiichi Sankyo Italia come Main Partner, riconosce la necessità impellente di garantire ai pazienti cronici cardiovascolari quel controllo e quel supporto che meritano. Sappiamo che questi pazienti ricavano un beneficio molto tangibile dall’impiego di farmaci specifici come antipertensivi e ipolipemizzanti. Purtroppo, sappiamo che metà dei pazienti a cui viene prescritto un antipertensivo, non lo assume più a sei mesi di distanza dalla prescrizione».

Nell’intervista a Sanità Informazione Gianfranco Gensini, direttore scientifico dell’IRCCS Multimedica di Milano definisce il Value Based Healthcare Ecosystem e sottolinea l’importanza della cardiologia digitale.

«Mancata aderenza terapeutica determina un miliardo di euro di spreco per il SSN»

«Sappiamo che in Italia ci sono 1 milione e 450mila pazienti iperlipemici, con aumento del colesterolo nel sangue che non raggiungono quella riduzione dei valori opportuna per garantire loro una buona protezione. Questo determina – prosegue Gensini – non soltanto, evidentemente, una scarsa protezione per loro e il rischio di una serie di eventi cardiovascolari, ma in termini economici si traduce in un miliardo di euro di spreco per il SSN».

PNRR e potenziamento della sanità digitale

Tra gli obiettivi della Missione 6 Salute del PNRR c’è l’evoluzione e il potenziamento della sanità digitale. «Il digitale rappresenta oggi uno strumento importante, sarebbe riduttivo pensare si traduca solo nel riconoscimento vocale o la dematerializzazione delle ricette. Si deve estendere, però – precisa Gensini – ad un ripensamento dei meccanismi di gestione del paziente, di relazione tra mmg e paziente, specialista e ospedale che consenta di avere il massimo di efficienza. I nuovi strumenti devono essere tali da essere percepiti come agevoli da medico e paziente e questo richiede la loro collaborazione. Nei grandi IRCCS, in particolare i tre a vocazione cardiovascolare, il Monzino, il Multimedica e il San Donato Milanese l’uso del digitale è già avanzato e attraverso le loro competenze cliniche daranno il via all’innovazione» conclude il direttore.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
PNRR, al via la sfida per l’integrazione sociosanitaria tra territorio e digitalizzazione
A Napoli il Laboratorio Sanità 20/30, tra punti cruciali gli investimenti per la formazione e i contratti per la dirigenza
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...