Salute 16 Settembre 2021 13:30

Colesterolo, Maresca: «Sì alla terapia di associazione per raggiungere target terapeutici»

«Riduce gli effetti collaterali e aumenta l’effetto ipocolesterolemizzante rispetto alla monoterapia. È la risposta più corretta dal punto di vista farmacologico utilizzando meccanismi d’azione diversi e complementari»

Colesterolo, Maresca: «Sì alla terapia di associazione per raggiungere target terapeutici»

Dai dati più recenti, emerge che un paziente su due sul rischio alto e un paziente su tre sul rischio molto alto raggiungono il target del colesterolo LDL. E tra chi ha già avuto un evento coronarico, un infarto o una manifestazione simile, solo uno su cinque ha il colesterolo LDL controllato. «Una percentuale non soddisfacente per la cura delle dislipidemie» spiega a Sanità Informazione il Prof. Andrea Maria Maresca del Centro Ricerca Dislipidemie dell’Università degli Studi dell’Insubria.

Due le motivazioni principali. La prima è la mancata aderenza alla terapia farmacologica. «Alcune di queste classi di farmaci hanno effetti collaterali – precisa il professore – spesso parliamo di effetto nocebo per le statine. Il paziente lamenta fastidi ancora prima di assumerli». La seconda, riguarda i farmaci a disposizione: «Gli obiettivi di colesterolo LDL sono ambiziosi dal punto di vista del conseguimento delle linee guida e i farmaci che abbiamo a disposizione non sono sufficienti per raggiungere i target oltre alla dieta equilibrata e calibrata sul problema del colesterolo LDL» evidenzia Maresca.

Per la difficoltà a raggiungere i target consigliati, «la terapia di associazione diventa spesso, non dico il primo step della terapia farmacologica ma sicuramente un rimedio terapeutico importante nella gestione di questi pazienti» sottolinea Maresca. Tanti i vantaggi: «Riduce gli effetti collaterali potendo usare dosaggi più bassi di alcune di queste classi di farmaci, aumenta l’effetto ipocolesterolemizzante rispetto alla monoterapia e aumenta l’aderenza e la persistenza. Avere un obiettivo così ambizioso di colesterolo LDL – conclude Maresca – ci impone di ricorrere quotidianamente alle terapie di associazione ed è la risposta più corretta dal puto di vista farmacologico utilizzando meccanismi d’azione diversi e complementari».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colesterolo, gli esperti AME: «Meno fai da te anche con integratori e prodotti naturali»
Nuova direttiva ministeriale sui prodotti a base di monacolina. De Geronimo: «La facile reperibilità senza prescrizione medica e spesso anche nei supermercati degli integratori a base di questa sostanza hanno favorito un uso improprio e sovradosaggi da cure fai-da-te»
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
Colesterolo LDL, solo il 20% dei pazienti raggiunge il target. Vediamo perché
Per ridurre il colesterolo LDL bisogna migliorare l’aderenza terapeutica. Franco Pazzucconi (Niguarda): «Già a sei mesi dall’inizio della terapia con statina il 50% dei pazienti abbandona. A 12 mesi siamo al 60%»
Colesterolo, De Ferrari: «Nel 90% dei pazienti impossibile abbassare i valori di LDL con un solo farmaco»
The lower the better ma anche The earlier the lower the better. Dobbiamo ridurre anche precocemente i valori di LDL nel paziente a rischio molto alto»
Dislipidemie, i dati parlano chiaro. Binaghi: «L’80% dei soggetti a rischio non raggiunge il valore prefissato di LDL»
«Ci discostiamo di quasi il 20-30. Siamo sicuramente al di sopra della soglia consigliata dalle attuali linee guida europee»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale