Salute 19 Marzo 2021 10:33

Il colesterolo alto è nemico del cuore. Mor: «Non esiste un valore al di sotto del quale il rischio cardiovascolare si azzera»

«L’ipercolesterolemia è stata promossa da fattore di rischio a causa dell’aterosclerosi – spiega la dottoressa Donata Mor – gli studi dimostrano che alla riduzione del colesterolo si genera una riduzione delle malattie cardiovascolari»

I fattori di rischio cardiovascolare promuovono l‘aterosclerosi e determinano l’insorgenza delle malattie cardiovascolari come infarto e ictus e sono molteplici. Possono essere non modificabili come il sesso, l’età e la predisposizione familiare o modificabili come il fumo, l’alimentazione scorretta, l’obesità, la sedentarietà.

Qual è il ruolo dell’ipercolesterolemia? «Il colesterolo e la sua relazione con le malattie cardiovascolari sono indiscutibili – precisa Donata Mor, Responsabile degenze cardiologia Fondazione Poliambulanza di Brescia -. Recentemente l’ipercolesterolemia è stata promossa da fattore di rischio a causa dell’aterosclerosi – prosegue – gli studi sul trattamento dell’ipercolesterolemia familiare e da malattia cardiovascolare in prevenzione primaria e secondaria hanno dimostrato sicurezza ed efficacia nel trattamento farmacologico. E, soprattutto, che alla riduzione del colesterolo si produce una riduzione delle malattie cardiovascolari».

È importante sottolineare che «non esiste un valore di colesterolo al di sotto del quale il rischio cardiovascolare si azzera – aggiunge la dottoressa -. Per questo, periodicamente, le società internazionali identificano nuovi criteri di valori di colesterolo da raggiungere per proteggere i pazienti dalla malattia aterosclerotica.  Le ultime linee guida del 2019 hanno definito che i pazienti che questi pazienti ad alto rischio debbano avere un colesterolo LDL, quello cattivo, al di sotto di 55 mg/dl» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Def, Enpam: «Debito pubblico come colesterolo. Quello per sanità è buono»
Oliveti, presidente Enpam, sul Def: «Come il colesterolo, anche il debito pubblico può essere buono o cattivo. Quello destinato alla sanità è debito buono. Emerge un quadro confortante per la sanità pubblica»
Malattie cardiovascolari, Grosseto (cardiologo): «In Europa ogni anno si ammalano undici milioni di persone»
«In base alle categorie di rischio, bisogna tenere il colesterolo LDL sotto controllo, tra 100 e 50 o addirittura 40 mg/dl» puntualizza a Sanità Informazione
Ridurre il colesterolo LDL è difficile? Arieti (cardiologo): «Ecco le tre motivazioni principali»
Tanti pazienti a rischio alto e molto alto non riescono a raggiungere i loro obiettivi terapeutici. Vediamo perché con Mario Arieti, cardiologo dell’ospedale Carlo Poma di Mantova
Colesterolo, Picani: «La combinazione di statine e ipolipemizzanti ideale per raggiungere target»
Le statine giocano un ruolo sostanziale nella gestione del colesterolo ma la terapia di combinazione con farmaci ipolipemizzanti rappresenta un’importante opzione terapeutica
Colesterolo, Pes: «Identificare corretta combinazione di terapie ipolipemizzanti per raggiungere target»
«Quanto più si riduce il valore del colesterolo LDL tanto più si abbassa l’incidenza degli eventi cardiovascolari – spiega la dottoressa Rosanna Pes a Sanità Informazione -. L’obiettivo è scoprire quelle molecole che, spesso in associazione, ci permettono di raggiungere i target terapeutici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...