Salute 19 Marzo 2021 10:33

Il colesterolo alto è nemico del cuore. Mor: «Non esiste un valore al di sotto del quale il rischio cardiovascolare si azzera»

«L’ipercolesterolemia è stata promossa da fattore di rischio a causa dell’aterosclerosi – spiega la dottoressa Donata Mor – gli studi dimostrano che alla riduzione del colesterolo si genera una riduzione delle malattie cardiovascolari»

I fattori di rischio cardiovascolare promuovono l‘aterosclerosi e determinano l’insorgenza delle malattie cardiovascolari come infarto e ictus e sono molteplici. Possono essere non modificabili come il sesso, l’età e la predisposizione familiare o modificabili come il fumo, l’alimentazione scorretta, l’obesità, la sedentarietà.

Qual è il ruolo dell’ipercolesterolemia? «Il colesterolo e la sua relazione con le malattie cardiovascolari sono indiscutibili – precisa Donata Mor, Responsabile degenze cardiologia Fondazione Poliambulanza di Brescia -. Recentemente l’ipercolesterolemia è stata promossa da fattore di rischio a causa dell’aterosclerosi – prosegue – gli studi sul trattamento dell’ipercolesterolemia familiare e da malattia cardiovascolare in prevenzione primaria e secondaria hanno dimostrato sicurezza ed efficacia nel trattamento farmacologico. E, soprattutto, che alla riduzione del colesterolo si produce una riduzione delle malattie cardiovascolari».

È importante sottolineare che «non esiste un valore di colesterolo al di sotto del quale il rischio cardiovascolare si azzera – aggiunge la dottoressa -. Per questo, periodicamente, le società internazionali identificano nuovi criteri di valori di colesterolo da raggiungere per proteggere i pazienti dalla malattia aterosclerotica.  Le ultime linee guida del 2019 hanno definito che i pazienti che questi pazienti ad alto rischio debbano avere un colesterolo LDL, quello cattivo, al di sotto di 55 mg/dl» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scoperto mix di polifenoli che riduce il rischio di ictus ischemico
Uno studio internazionale, sostenuto da SIRT500, ha individuato il giusto mix di polifenoli in grado di attivare le sirtuine, proteine che contribuiscono a prevenire e ridurre i danni da ictus ischemico. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nutrients
Colesterolo LDL, solo il 20% dei pazienti raggiunge il target. Vediamo perché
Per ridurre il colesterolo LDL bisogna migliorare l’aderenza terapeutica. Franco Pazzucconi (Niguarda): «Già a sei mesi dall’inizio della terapia con statina il 50% dei pazienti abbandona. A 12 mesi siamo al 60%»
Stroke ischemico, in Campania ancora troppi “vuoti” sulle reti tempo-dipendenti
L’allarme lanciato dal primario UOC Neuroradiologia del Cardarelli di Napoli, Mario Muto: «Zone ad alta densità di popolazione sguarnite. Fondamentale investire sulla formazione specialistica per incrementare personale»
Colesterolo, De Ferrari: «Nel 90% dei pazienti impossibile abbassare i valori di LDL con un solo farmaco»
The lower the better ma anche The earlier the lower the better. Dobbiamo ridurre anche precocemente i valori di LDL nel paziente a rischio molto alto»
Dislipidemie, i dati parlano chiaro. Binaghi: «L’80% dei soggetti a rischio non raggiunge il valore prefissato di LDL»
«Ci discostiamo di quasi il 20-30. Siamo sicuramente al di sopra della soglia consigliata dalle attuali linee guida europee»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva