Salute 26 Ottobre 2020 06:07

Colesterolo, le linee guida per i pazienti ad alto rischio cardiovascolare

Il professor Calabrò (cardiologo): «I livelli di colesterolo LDL per queste categorie di pazienti devono essere inferiori ai 55 mg/dl. Ci aspettiamo grandi risultati dai nuovi farmaci»

Colesterolo, le linee guida per i pazienti ad alto rischio cardiovascolare

Per i pazienti a rischio cardiovascolare alto e molto alto i livelli di colesterolo LDL devono essere ancora più bassi rispetto a qualche anno fa. A stabilirlo, le linee guida presentate al Congresso della European Society of Cardiology lo scorso anno, che hanno abbassato a meno di 55 mg/dl i livelli di colesterolo LDL e previsto una riduzione superiore al 50% rispetto ai livelli basali.

Il professor Paolo Calabrò, Direttore di Cardiologia presso l’Ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, spiega: «I pazienti a rischio alto e molto alto hanno già avuto un evento cardiovascolare. Corre un rischio particolarmente alto, poi, chi, nonostante sia in trattamento e abbia un livello di colesterolo vicino ai target, subisce un ulteriore evento vascolare. Inoltre, ci sono i soggetti con diabete e danno d’organo che caratterizzano una popolazione particolarmente a rischio elevato cardiovascolare».

«Per tutti questi pazienti – continua Calabrò – le linee guida suggeriscono un trattamento con farmaci ipocolesterolemizzanti e raccomandano una terapia di associazione con altri inibitori del colesterolo e l’impiego di nuovi farmaci. È proprio da questi ultimi che ci aspettiamo grossi risultati per il trattamento dei pazienti ad alto rischio cardiovascolare», conclude.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colesterolo, gli esperti AME: «Meno fai da te anche con integratori e prodotti naturali»
Nuova direttiva ministeriale sui prodotti a base di monacolina. De Geronimo: «La facile reperibilità senza prescrizione medica e spesso anche nei supermercati degli integratori a base di questa sostanza hanno favorito un uso improprio e sovradosaggi da cure fai-da-te»
L’allarme della SIC: «La pandemia ci lascia in eredità un’assistenza cardiologica in ginocchio»
Ricoveri ed esami ridotti in due ospedali su tre e rischio cardiaco più alto per i guariti. Allerta massima su mortalità infarti e ictus: «Rischiamo di tornare indietro di 20 anni»
Dalla “sindrome dell’impostore” ai falsi miti sui danni da vaccino, ecco per cosa combatte (e combatterà) la Cardiologia italiana
Rischio di miocardite nei giovani a seguito del vaccino anti-Covid a mRNA messaggero? Indolfi (SIC): «I dati in nostro possesso sono più che rassicuranti»
Malattie cardiovascolari, Gensini: «Metà dei pazienti abbandona la terapia dopo sei mesi»
«La mancata aderenza alle terapie determina una scarsa protezione per i pazienti e un miliardo di euro di spreco per il SSN. Il progetto Value Based Healthcare Ecosystem nasce per supportare i pazienti cardiovascolari cronici»
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...