Salute 10 Giugno 2021 15:16

Colesterolo LDL, solo il 20% dei pazienti raggiunge il target. Vediamo perché

Per ridurre il colesterolo LDL bisogna migliorare l’aderenza terapeutica. Franco Pazzucconi (Niguarda): «Già a sei mesi dall’inizio della terapia con statina il 50% dei pazienti abbandona. A 12 mesi siamo al 60%»

Nella pratica clinica, si riesce a portare a target di colesterolo LDL solo il 20-25% dei pazienti a rischio alto e molto alto. Il motivo principale? «Si tratta di pazienti che hanno più di una patologia – spiega Franco Pazzucconi, medico del centro dislipidemie dell’ospedale Niguarda di Milano – richiedono una politerapia e sono costretti ad assumere uno spropositato numero di pillole al giorno».

Le strade da percorrere, per ovviare al problema, sono due: la polipillola e la compliance terapeutica. «La polipillola contiene 2-3 principi attivi con una sola somministrazione – prosegue Pazzucconi – poi, bisogna rendere complice e partecipe il paziente sulla terapia, motivarlo. Alcune statistiche hanno dimostrato che già a sei mesi dall’inizio della terapia con statina il 50% dei pazienti abbandona – precisa Pazzucconi -, a 12 mesi siamo al 60%».

I valori di colesterolo LDL da raggiungere per i pazienti a rischio alto e molto alto sono molto bassi, al di sotto di 55mg decilitro o di 70mg decilitro. «Nel caso in cui questo non sia possibile – conclude il medico - si richiede di provare almeno ad arrivare al 50% di riduzione del colesterolo LDL».

I valori di colesterolo LDL da raggiungere per i pazienti a rischio alto e molto alto sono molto bassi, al di sotto di 55mg decilitro o di 70mg decilitro. «Nel caso in cui questo non sia possibile – conclude il medico – si richiede di provare almeno ad arrivare al 50% di riduzione del colesterolo LDL».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Colesterolo, gli esperti AME: «Meno fai da te anche con integratori e prodotti naturali»
Nuova direttiva ministeriale sui prodotti a base di monacolina. De Geronimo: «La facile reperibilità senza prescrizione medica e spesso anche nei supermercati degli integratori a base di questa sostanza hanno favorito un uso improprio e sovradosaggi da cure fai-da-te»
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
Colesterolo, Maresca: «Sì alla terapia di associazione per raggiungere target terapeutici»
«Riduce gli effetti collaterali e aumenta l’effetto ipocolesterolemizzante rispetto alla monoterapia. È la risposta più corretta dal punto di vista farmacologico utilizzando meccanismi d’azione diversi e complementari»
Colesterolo, De Ferrari: «Nel 90% dei pazienti impossibile abbassare i valori di LDL con un solo farmaco»
The lower the better ma anche The earlier the lower the better. Dobbiamo ridurre anche precocemente i valori di LDL nel paziente a rischio molto alto»
Dislipidemie, i dati parlano chiaro. Binaghi: «L’80% dei soggetti a rischio non raggiunge il valore prefissato di LDL»
«Ci discostiamo di quasi il 20-30. Siamo sicuramente al di sopra della soglia consigliata dalle attuali linee guida europee»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola