Salute 10 Giugno 2021 15:16

Colesterolo LDL, solo il 20% dei pazienti raggiunge il target. Vediamo perché

Per ridurre il colesterolo LDL bisogna migliorare l’aderenza terapeutica. Franco Pazzucconi (Niguarda): «Già a sei mesi dall’inizio della terapia con statina il 50% dei pazienti abbandona. A 12 mesi siamo al 60%»

Nella pratica clinica, si riesce a portare a target di colesterolo LDL solo il 20-25% dei pazienti a rischio alto e molto alto. Il motivo principale? «Si tratta di pazienti che hanno più di una patologia – spiega Franco Pazzucconi, medico del centro dislipidemie dell’ospedale Niguarda di Milano – richiedono una politerapia e sono costretti ad assumere uno spropositato numero di pillole al giorno».

Le strade da percorrere, per ovviare al problema, sono due: la polipillola e la compliance terapeutica. «La polipillola contiene 2-3 principi attivi con una sola somministrazione – prosegue Pazzucconi – poi, bisogna rendere complice e partecipe il paziente sulla terapia, motivarlo. Alcune statistiche hanno dimostrato che già a sei mesi dall’inizio della terapia con statina il 50% dei pazienti abbandona – precisa Pazzucconi -, a 12 mesi siamo al 60%».

I valori di colesterolo LDL da raggiungere per i pazienti a rischio alto e molto alto sono molto bassi, al di sotto di 55mg decilitro o di 70mg decilitro. «Nel caso in cui questo non sia possibile – conclude il medico - si richiede di provare almeno ad arrivare al 50% di riduzione del colesterolo LDL».

I valori di colesterolo LDL da raggiungere per i pazienti a rischio alto e molto alto sono molto bassi, al di sotto di 55mg decilitro o di 70mg decilitro. «Nel caso in cui questo non sia possibile – conclude il medico – si richiede di provare almeno ad arrivare al 50% di riduzione del colesterolo LDL».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Dieta chetogenica raddoppia i rischi per il cuore. Cardiologi: “Necessario un consulto medico”
Brutte notizie per chi ha deciso di affidarsi alla dieta chetogenica, un regime alimentare oggi diventato popolarissimo tra le persone che vogliono perdere peso. Uno studio dell'Università della British Columbia, a Vancouver, indica che questo regime alimentare può aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiache e altre condizioni cardiovascolari potenzialmente letali. A spiegarci come, Pasquale Perrone Filardi, presidente della Società italiana di cardiologia
Colesterolo, gli esperti AME: «Meno fai da te anche con integratori e prodotti naturali»
Nuova direttiva ministeriale sui prodotti a base di monacolina. De Geronimo: «La facile reperibilità senza prescrizione medica e spesso anche nei supermercati degli integratori a base di questa sostanza hanno favorito un uso improprio e sovradosaggi da cure fai-da-te»
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
Colesterolo, Maresca: «Sì alla terapia di associazione per raggiungere target terapeutici»
«Riduce gli effetti collaterali e aumenta l’effetto ipocolesterolemizzante rispetto alla monoterapia. È la risposta più corretta dal punto di vista farmacologico utilizzando meccanismi d’azione diversi e complementari»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Tutti pazzi per il farmaco che fa dimagrire. Aifa: possibili carenze per diabetici e obesi

Promosso dalla scienza come «svolta» contro l'obesità, ma acquistato e osannato da numerosi vip sui social come strategia per dimagrire, ora il farmaco semaglutide rischia di divent...
Salute

Straordinari a 100 euro l’ora e aumenti in Pronto soccorso. I dettagli del decreto Schillaci

Approvato in Consiglio dei Ministri il decreto con le nuove misure che dovrebbero dare un po' di respiro alla sanità italiana. Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, in accordo con il coll...
di Mario Zimbalo
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino anti-Covid-19 può avere effetti collaterali anche se è passato molto tempo?

È una domanda «ritornata in voga» nei giorni scorsi, quando il celebre attore italiano, Jerry Calà, è stato costretto a lasciare il set per un malore che poi si &egrav...