Salute 7 Aprile 2021 11:13

Scarsa aderenza terapeutica, Stazi (cardiologo): «L’11% degli anziani deve prendere ogni giorno anche più di dieci farmaci»

«Per le dislipidemie e l’ipertensione sono già in commercio farmaci che da soli raggiungono l’effetto desiderato senza importanti conseguenze collaterali. Da preferire – spiega a Sanità Informazione – la polipillola, in modo da ridurre il numero di compresse assunte»

L’aderenza terapeutica è influenzata da fattori sociali ed economici e fattori correlati al SSN, alla malattia, alla terapia e al paziente stesso.

Inoltre, tra le principali motivazioni che limitano o impediscono la prosecuzione del trattamento farmacologico «ci sono i tempi delle terapie e il numero dei farmaci da assumere – precisa Carlo Andrea Stazi, cardiologo dell’ospedale Belcolle di Viterbo. Ricordiamo che l’11% degli anziani deve prendere ogni giorno dieci o più farmaci».

Come si può invertire la rotta? «Lo specialista – aggiunge il dottor Stazi – ma soprattutto il MMG, deve trasmettere al paziente la necessità e la sicurezza del farmaco. Per le dislipidemie e l’ipertensione – rileva il dottor Stazi – sono già in commercio farmaci che da soli raggiungono l’effetto desiderato con conseguenze collaterali irrilevanti. Si raggiunge in poco tempo, ma si mantiene solo con il proseguimento costante della cura».

Quali caratteristiche di un farmaco possono favorire questo processo? «Le caratteristiche del farmaco perfetto sono la copertura di 24 ore, pochi effetti collaterali e l’assunzione contemporanea di più principi in una sola polipillola, in modo anche da ridurre il numero di compresse assunte» specifica il cardiologo. Non ultimo, il fattore umano nella relazione medico-paziente: «Dedicare tempo al malato, coinvolgerlo e trasmettere fiducia per ottenere una maggiore compliance e non sembrare meri prescrittori» conclude il dottor Stazi.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Senior Italia FederAnziani: «Boom di calo dell’aderenza alla terapia negli anziani»
Messina: «Occorrono nuove forme di supporto per migliorare la presa in carico del paziente e l’aderenza terapeutica, sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie»
Colesterolo LDL, solo il 20% dei pazienti raggiunge il target. Vediamo perché
Per ridurre il colesterolo LDL bisogna migliorare l’aderenza terapeutica. Franco Pazzucconi (Niguarda): «Già a sei mesi dall’inizio della terapia con statina il 50% dei pazienti abbandona. A 12 mesi siamo al 60%»
Dislipidemie, qual è l’impatto del Covid-19 sui pazienti a rischio alto e molto alto?
«Il paziente con sindrome coronarica acuta molto spesso arriva in ritardo in ospedale - spiega Ciro Mauro, Cardiologo del Cardarelli di Napoli – questo è pericoloso soprattutto per chi ha fattori di rischio»
Colesterolo, De Ferrari: «Nel 90% dei pazienti impossibile abbassare i valori di LDL con un solo farmaco»
The lower the better ma anche The earlier the lower the better. Dobbiamo ridurre anche precocemente i valori di LDL nel paziente a rischio molto alto»
Con i farmaci generici il Ssn ha risparmiato oltre 5 miliardi nel 2020
Sono passati 25 anni da quando in Italia è stata promulgata la prima legge sul farmaco generico. Pasquarelli (Presidente DOC Generici): «Cambiato l’approccio del paziente che non guarda più con sospetto al generico, associando il costo alla qualità del prodotto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM