Salute 23 Marzo 2021 10:29

Ridurre il colesterolo LDL è difficile? Arieti (cardiologo): «Ecco le tre motivazioni principali»

Tanti pazienti a rischio alto e molto alto non riescono a raggiungere i loro obiettivi terapeutici. Vediamo perché con Mario Arieti, cardiologo dell’ospedale Carlo Poma di Mantova

Scarsa consapevolezza, intolleranza alle statine, politerapia. Questi tre aspetti impediscono il raggiungimento dei target terapeutici nei pazienti affetti da dislipidemie.

«La prima motivazione è di tipo educazionale -spiega il dottor Mario Arieti a Sanità Informazione – molti pazienti e MMG non conoscono in realtà il vero target terapeutico ponderato in base alla loro stratificazione del rischio». Inoltre «i pazienti sono sempre molto preoccupati di raggiungere i valori target riguardo all’ipertensione ma pochissimi vanno dallo specialista per curare il livello di colesterolo» precisa lo specialista.

Il secondo è il timore – intolleranza alle statine: «Spesso nei pazienti ad alto rischio per raggiungere i valori di LDL target si devono utilizzare statine ad alto dosaggio – aggiunge il cardiologo – e molti, purtroppo, sviluppano forme di intolleranza soprattutto se utilizzate per lungo periodo o per tutta la vita». L’altro motivo è la complianza alla terapia: «Utilizziamo la politerapia per raggiungere i target – precisa il dottor Arieti – ma i pazienti chiedono di non assumere troppe pastiglie.

Quali strategie terapeutiche possono ovviare a queste problematiche? «La statina da sola difficilmente riesce ad abbassare il colesterolo LDL nei pazienti ad alto rischio – sottolinea – la terapia di associazione deve entrare nella cultura della terapia ipolipemizzante. Un’altra idea per controllare l’assetto lipidico potrebbe essere quella della polipillola; il farmaco polivalente aiuta a migliorare la complianza e il raggiungimento del target terapeutico» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
Colesterolo, Maresca: «Sì alla terapia di associazione per raggiungere target terapeutici»
«Riduce gli effetti collaterali e aumenta l’effetto ipocolesterolemizzante rispetto alla monoterapia. È la risposta più corretta dal punto di vista farmacologico utilizzando meccanismi d’azione diversi e complementari»
Colesterolo LDL, solo il 20% dei pazienti raggiunge il target. Vediamo perché
Per ridurre il colesterolo LDL bisogna migliorare l’aderenza terapeutica. Franco Pazzucconi (Niguarda): «Già a sei mesi dall’inizio della terapia con statina il 50% dei pazienti abbandona. A 12 mesi siamo al 60%»
Dislipidemie, qual è l’impatto del Covid-19 sui pazienti a rischio alto e molto alto?
«Il paziente con sindrome coronarica acuta molto spesso arriva in ritardo in ospedale - spiega Ciro Mauro, Cardiologo del Cardarelli di Napoli – questo è pericoloso soprattutto per chi ha fattori di rischio»
Colesterolo, De Ferrari: «Nel 90% dei pazienti impossibile abbassare i valori di LDL con un solo farmaco»
The lower the better ma anche The earlier the lower the better. Dobbiamo ridurre anche precocemente i valori di LDL nel paziente a rischio molto alto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...