Salute 8 Settembre 2020 01:28

Colesterolo LDL, l’esperto: «Target non sempre facili da raggiungere. Acido bempedoico può aiutare intolleranti a statine»

Il professor Daniele Andreini del Centro Cardiologico Monzino di Milano: «Spesso pazienti in terapia con statine lamentano dolori muscolari e affaticamento e devono sospenderle. L’acido bempedoico è una nuova arma a disposizione»

«Non sempre è così semplice raggiungere il target terapeutico dei livelli di colesterolo. Non perché le terapie non siano efficaci, ma perché l’aderenza dei pazienti e anche la possibilità di proseguire i trattamenti sono a volte complesse». A riferirlo a Sanità Informazione è il professor Daniele Andreini, Responsabile UO TC Cardiovascolare del Centro Cardiologico Monzino di Milano, che ha ribadito l’aumento dell’incidenza delle malattie cardiovascolari nella popolazione italiana.

«Il peso di queste patologie è molto importante sia come mortalità che come morbilità – sottolinea Andreini -. Chiaramente l’incidenza delle malattie cardiovascolari ha superato quella delle neoplasie e sono al primo posto. Inoltre l’età media dei nostri pazienti sta aumentando sempre di più, come ha dimostrato anche il Covid. Durante la pandemia abbiamo avuto una mortalità altissima, superiore a quella di quasi tutti i paesi europei, proprio perché la nostra popolazione è più anziana. E nella popolazione anziana le malattie cardiovascolari quali la coronaropatia o lo scompenso cardiaco hanno una prevalenza maggiore».

Per prevenire queste patologie è fondamentale incidere sui fattori predittivi, uno dei quali è sicuramente il livello di colesterolo LDL nel sangue. Lo scorso anno al Congresso della European Society of Cardiology (ESC) sono stati fissati valori molto bassi che non sempre i pazienti riescono a raggiungere.

«Effettivamente – spiega Andreini – le linee guida ESC del 2019 hanno individuato due categorie di rischio precise (alto e molto alto) con dei cut off di LDL sotto i 55  e i 70 mg/dl. Quindi il target non è così semplice da raggiungere, perché l’aderenza dei pazienti e la possibilità di proseguire la terapia sul territorio sono complicate. Senza dimenticare gli aspetti di tipo burocratico che limitano la prescrivibilità di alcuni farmaci».

«Nei pazienti a rischio alto e molto alto le linee guida – continua il professore del Monzino – prevedono in prima battuta l’aggiunta dell’ezetimibe alla terapia con statine alla massima dose tollerata e poi di un inibitore della PCSK9. La prescrivibilità di questi farmaci è regolata da criteri precisi. Una novità delle ultime linee guida è stata l’avanzamento di classe dell’inibitore PCSK9 (classe di raccomandazione IA). Tuttavia il target terapeutico non è sempre raggiungibile senza trascurare gli effetti collaterali. Uno degli effetti collaterali delle statine è la rabdomiolisi, ovvero il paziente che riferisce dolori muscolari tali da sospendere il farmaco, oppure lamenta una maggiore stanchezza, un maggior affaticamento muscolare, e quindi, volente o nolente, non assume la terapia».

Per i pazienti che lamentano questi effetti collaterali, definiti pazienti intolleranti alle statine, l’acido bempedoico potrebbe rappresentare una valida alternativa terapeutica. Recenti studi presentati dall’azienda farmaceutica Daiichi Sankyo al Congresso ESC hanno dimostrato l’efficacia e la buona tollerabilità del farmaco.

«Credo che l’acido bempedoico possa essere un ottimo alleato contro il colesterolo – afferma il prof. Andreini -. Gli studi preclinici e clinici condotti con l’acido bempedoico hanno evidenziato un ottimo profilo di sicurezza. A parità di efficacia, soprattutto sull’LDL ampiamente identificato come indicatore di rischio cardiovascolare, questi studi hanno dimostrato l’assenza di rabdomiolisi. Questo contribuirà in modo determinante alla possibilità di proseguire la terapia e di raggiungere il target terapeutico con maggiore facilità. Credo che possa essere una nuova arma a disposizione non solo del cardiologo clinico, ma anche dal medico di famiglia quando sarà coinvolto nella gestione di pazienti dislipidemici ad alto rischio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Natale ha “effetto booster” sul colesterolo, dai cardiologi 5 strategie salva-cuore
Con l’arrivo delle festività natalizie crescono le occasioni di eccedere a tavola con alimenti grassi, notoriamente collegati a un aumento dei livelli di colesterolo “cattivo”. In occasione dell’84° Congresso Nazionale della Società Italiana di Cardiologia (SIC), che si è concluso da poco a Roma, gli specialisti diffondono poche e semplici regole che possono aiutare a evitare eventuali impennate dei livelli di colesterolo
Colesterolo: nuovo farmaco a mRNA lo dimezza con 2 dosi l’anno
In occasione dell'84esimo congresso nazionale della Società italiana di cardiologia, sono molte le novità presentate dagli specialisti relative al controllo del colesterolo "cattivo": dall'uso precoce dei superfarmaci allo sviluppo di una nuova terapia a mRNA
Tumori: nuova vita alle statine e agli antifungini, studio rivela efficacia contro le cellule malate
"Affamare" i tumori e poi colpirli "riciclando" farmaci ben noti, a basso costo, utilizzati da anni per tutt’altri scopi, in grado di arrestare la crescita delle cellule tumorali, messe a "stecchetto" con brevi cicli di digiuno. Così i farmaci che, come le statine, impediscono la sintesi di colesterolo cruciale per soddisfare il bisogno di nutrienti delle cellule tumorali, combinati a brevi cicli di digiuno, potrebbero diventare una terapia “low cost” per combattere tumori difficili come quello al pancreas, il carcinoma del colon-retto e il melanoma. Lo dimostra una ricerca appena pubblicata sulla rivista Nature Communication da un team di ricercatori dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino di Genova
di V.A.
PFAS aumentano il colesterolo, il rischio infarto cresce nelle zone inquinate
Secondo un nuovo studio dell'Università di Padova, i PFAS farebbero aumentare i livelli di colesterolo, e di conseguenza il rischio di infarto. I risultati, pubblicati sulla rivista Toxicology Reports, dimostra che nella popolazione residente in zone contaminate da PFAS la percentuale dei soggetti con elevati livelli di colesterolo nel sangue è più del doppio rispetto alla popolazione generale di controllo
Dieta chetogenica raddoppia i rischi per il cuore. Cardiologi: “Necessario un consulto medico”
Brutte notizie per chi ha deciso di affidarsi alla dieta chetogenica, un regime alimentare oggi diventato popolarissimo tra le persone che vogliono perdere peso. Uno studio dell'Università della British Columbia, a Vancouver, indica che questo regime alimentare può aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiache e altre condizioni cardiovascolari potenzialmente letali. A spiegarci come, Pasquale Perrone Filardi, presidente della Società italiana di cardiologia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.