Salute 2 Settembre 2020

Congresso ESC, presentati dati su efficacia acido bempedoico. Un alleato delle statine: ecco perché

Il professor Perrone Filardi (Università di Napoli Federico II): «C’è assolutamente spazio e necessità per un altro farmaco da somministrare per via orale in aggiunta o in sostituzione alle statine per i pazienti intolleranti o che non riescono a raggiungere i target raccomandati»

Al Congresso ESC – European Society of Cardiology, che quest’anno si svolge in modalità virtuale, l’acido bempedoico è stato protagonista dell’evento realizzato dall’azienda farmaceutica Daiichi Sankyo. Nei prossimi mesi il farmaco verrà  commercializzato anche in Italia, dopo aver ricevuto l’approvazione delle autorità europee.

L’acido bempedoico inibisce l’ATP citrato liasi (ACL)- enzima coinvolto nella sintesi epatica del colesterolo-con conseguente riduzione della  biosintesi del colesterolo nel fegato e dei  livelli di colesterolo LDL in circolo. Il farmaco si candida ad essere un valido ed essenziale alleato nella lotta all’ipercolesterolemia e alla dislipidemia.

Al Congresso sono stato presentati i dati di un’estensione di 78 settimane in aperto del trial CLEAR Harmony, nel quale l’acido bempedoico ha dimostrato una tollerabilità costante ed un’efficacia consistente per oltre 2,5 anni di trattamento. In Europa l’acido bempedoico è stato approvato in Europa per ridurre il colesterolo LDL negli adulti con ipercolesterolemia primaria o dislipidemia mista.

A Sanità Informazione il professor Pasquale Perrone Filardi (Università Federico II di Napoli) spiega l’importante ruolo che potrà rivestire  l’acido bempedoico: «La filosofia che supporta le linee guida sul trattamento del colesterolo e delle dislipidemie  emanate dalla Società Europea di Cardiologia nel 2019 hanno profondamente modificato il nostro atteggiamento terapeutico sul controllo delle dislipidemie, soprattutto nei pazienti a rischio alto e molto alto ma in realtà in tutta la popolazione – spiega Perrone Filardi -. Questo perché uno dei pilastri delle linee guida è stato il riconoscimento che il colesterolo LDL è un fattore causativo dell’aterosclerosi. C’è una correlazione diretta tra il colesterolo LDL e i processi di aterogenesi che determinano la formazione della placca e i conseguenti eventi cardiovascolari provocati dalla instabilità della placca aterosclerotica. L’ossidazione del colesterolo LDL e successivo inglobamento nelle pareti delle nostre arterie innescano l’infiammazione delle pareti arteriose, l’indebolimento della placca aterosclerotica e successivo evento cardiovascolare acuto che vede il colesterolo LDL al centro come fattore causativo».

L’acido bempedoico non sarà però un sostituto delle statine ma, salvo casi particolari, un prezioso alleato: «Le statine sono farmaci fondamentali – continua Perrone Filardi – per la cura delle dislipidemie: hanno salvato in tutto il mondo milioni di persone dagli eventi cardiovascolari e cerebrovascolari acuti e quindi sono farmaci molto efficaci per i pazienti che riescono ad assumerle alle dosi adeguate. Tuttavia ci sono due aspetti da considerare: il primo aspetto è rappresentato dai pazienti intolleranti alle statine ovvero quella percentuale non trascurabile, intorno al 15% o forse anche di più, di soggetti che non riescono ad assumere le statine a cause delle mialgie, effetto collaterale frequente con questa classe di farmaci che spesso conducono all’impossibilità di continuare la terapia. Per questi pazienti abbiamo bisogno di altri farmaci e certamente l’acido bempedoico, che agisce sulla biosintesi epatica del colesterolo sarà un alleato formidabile per il trattamento delle dislipidemie. Tuttavia le statine, anche quando prescritte in monosomministrazione alle dosi adeguate non sono in grado di raggiungere i target di colesterolo estremamente ridotti (55 mg /dl   nei pazienti a rischio molto alto). Nessun farmaco da solo può diminuire il colesterolo oltre il 50% come richiesto per la stragrande maggioranza di soggetti che sviluppano un evento cardiovascolare acuto e con livelli di colesterolo LDL basale fra i 130 e 140 mg/dl, tipici della popolazione italiana. Anche una statina che funzionasse al meglio e riducesse del 50% il colesterolo non ci porterebbe al target raccomandato dalle linee guida. Oggi abbiamo bisogno di farmaci da aggiungere alle statine quale l’ezetimibe, da somministrare per via orale o gli inibitori dei PCSK9 da somministrare per via sottocutanea ma gravati da una serie di limitazioni legate al contenimento dei costi.

«Quindi – conclude Perrone Filardi – c’è assolutamente spazio e necessità per un altro farmaco da somministrare per via orale quale l’acido bempedoico che in aggiunta alle statine (nei pazienti che con la statina non raggiungono il target) o in sostituzione alla statina nei pazienti intolleranti potrà ovviamente contribuire al perfezionamento del profilo di rischio cardiovascolare e all’ottenimento dei target dei pazienti nelle categorie di rischio alto e molto alto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dislipidemie, la gestione ottimale dei pazienti a rischio passa per l’elevata aderenza alla terapia
«Nei pazienti pluripatologici a rischio alto e molto alto c’è scarsa aderenza terapeutica. Per questo, è fondamentale instaurare un rapporto con il medico per capire la gravità del concetto di rischio cardiovascolare». Così Roberto Scicali, specialista in medicina interna
L’acido bempedoico riduce significativamente il colesterolo specialmente nelle donne
Daiichi Sankyo ha presentato al Congresso AHA 2020 i risultati di due analisi aggregate che dimostrano che l'acido bempedoico ha ridotto significativamente il colesterolo LDL (C-LDL) alla settimana 12 nei partecipanti di ambo i sessi, con una maggiore riduzione del C-LDL nelle donne
Colesterolo, le linee guida per i pazienti ad alto rischio cardiovascolare
Il professor Calabrò (cardiologo): «I livelli di colesterolo LDL per queste categorie di pazienti devono essere inferiori ai 55 mg/dl. Ci aspettiamo grandi risultati dai nuovi farmaci»
Dislipidemie, Bilato (cardiologo): «Linee guida abbassano ancora i livelli di colesterolo LDL»
Il Direttore della Cardiologia degli Ospedali dell’ovest vicentino spiega chi sono i pazienti a rischio alto e molto alto
Colesterolo, al Congresso EAS presentato studio che conferma efficacia dell’acido bempedoico
L’ipercolesterolemia familiare eterozigote è una condizione comune che colpisce più di 30 milioni di persone nel mondo e causa un aumentato rischio di eventi cardiovascolari come infarto o ictus. Nei pazienti affetti da questa condizione che assumevano statine alla massima dose tollerata, l’acido bempedoico ha ridotto i livelli di colesterolo LDL del 22,3% rispetto al placebo. I dati di un’analisi aggregata su 3.000 pazienti presentati da Daiichi Sankyo all’EAS 2020
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli