Salute 13 Luglio 2018

Farmaci, Rapporto AIFA: cresce consumo, i cardiovascolari i più richiesti. Melazzini: «Picco tra over 80. Fenomeno da monitorare»

«A fronte di una spesa di 29 miliardi e 800 milioni il 75% totalmente rimborsato dal SSN» così il Direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco

Immagine articolo

I farmaci più richiesti dagli italiani sono quelli cardiovascolari. Questo uno dei risultati del monitoraggio della spesa farmaceutica nazionale riportati dal Rapporto Nazionale sull’uso dei Farmaci AIFA 2017 presentato di recente a Roma.  «Un dato che mi preme segnalare – interviene Mario Melazzini, Direttore dell’Agenzia -, è che il consumo di farmaci cresce con l’avanzare dell’età, il picco è registrato tra gli 80 e gli 84 anni, momento in cui c’è un aumento incredibile di consumo farmacologico soprattutto in politerapia. Nella maggior parte dei casi, un soggetto utilizza più di 10 farmaci giornalmente, questo è qualcosa che deve essere guardato con molta attenzione».

LEGGI ANCHE: ITALIA PRIMO PRODUTTORE FARMACI IN UE, SUPERATA LA GERMANIA. SCACCABAROZZI: «BOOM EXPORT DIMOSTRA QUALITÀ SISTEMA PAESE»

Il rapporto inoltre fotografa un incremento rispetto al 2016 pari al 4,3% per i consumi e all’1,2% per la spesa farmaceutica nazionale totale. «Notiamo – prosegue Melazzini -, rispetto all’anno scorso, un’implementazione degli immunomodulatori e dei farmaci oncologi. Altra cosa fondamentale da sottolineare che a fronte di una spesa di 29 miliardi e 800 milioni il 75% totalmente rimborsato dal SSN».

Guardando con la lente d’ingrandimento Regione per Regione: «Emilia Romagna e Lombardia hanno registrato rispettivamente i livelli più alti e più bassi di consumo – spiega il Direttore – mentre i valori di spesa più elevati sono stati riscontrati in Sardegna, Puglia e quelli più bassi invece in Valle d’Aosta, nella Provincia Autonoma di Trento e in Lombardia».

«La spesa è sotto controllo» assicura Melazzini. «Soprattutto è sotto controllo per quanto riguarda la spesa in cui è partecipe il cittadino, un costo che deve essere controllato sempre di più perché, rispetto ai tetti di spesa attualmente in vigore, in Italia abbiamo sempre uno sfondamento. Ma a scapito di tutto ciò noi possiamo garantire che rispetto agli altri Paesi abbiamo il prezzo dei farmaci più basso: inoltre ci tengo a sottolineare quanto in alcuni settori stiamo facendo grandi passi avanti tanto da sviluppare terapie ad hoc che in alcuni casi portano alla risoluzione totale delle patologie e al controllo della cronicità».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Antibiotici, l’uso inappropriato nei bambini può provocare obesità, asma e allergie
Lo rivela Laura Reali, pediatra di famiglia e referente dell’Associazione culturale pediatri, in occasione della presentazione del rapporto AIFA su ‘L’uso degli antibiotici in Italia 2018‘, presentato a Roma
Antibiotici in Italia: uso inappropriato nel 30% delle prescrizioni. Li Bassi (Aifa): «Educare e informare operatori e pazienti»
Il direttore generale dell'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), Luca Li Bassi, in occasione del Rapporto 'L'uso degli antibiotici in Italia 2018', commenta i dati negativi sulla ricerca: «Non ha trovato gli incentivi giusti per poter avanzare. Un quadro generale che ci impone di fare un uso attento degli antibiotici che abbiamo»
Vaccino influenza, possibili tracce di lattice nei confezionamenti. L’Aifa avverte i soggetti allergici
Il farmaco non è contaminato, ma la possibile traccia di lattice riguarda le componenti delle siringhe pre-riempite o degli applicatori nasali o un eventuale contatto durante il processo produttivo
Caso Avastin-Lucentis, Montevecchi (M5S): «Ministero si costituisca parte in giudizio»
La senatrice M5S sottolinea: «Questa è una vicenda di diritto alla cura, di diritto alla salute che la nostra Costituzione ci chiede di garantire»
Caso ranitidina, Popoli (CTS AIFA): «Divieto d’uso a scopo precauzionale, non escluso ritorni disponibile»
La Presidente della Commissione Tecnico Scientifica di AIFA sottolinea: «Il caso è un esempio di scrupolo da parte dell’autorità sanitaria che dovrebbe rassicurare piuttosto che preoccupare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Lavoro

Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»

Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della...