Salute 26 Maggio 2021 10:29

Colesterolo, De Ferrari: «Nel 90% dei pazienti impossibile abbassare i valori di LDL con un solo farmaco»

The lower the better ma anche The earlier the lower the better. Dobbiamo ridurre anche precocemente i valori di LDL nel paziente a rischio molto alto»

Colesterolo, De Ferrari: «Nel 90% dei pazienti impossibile abbassare i valori di LDL con un solo farmaco»

Al di là dell’algoritmo terapeutico previsto dalle linee guida internazionali, «nel paziente a rischio molto alto il nostro obiettivo deve essere quello di iniziare subito una terapia estremamente aggressiva». Ne è convinto Gaetano Maria De Ferrari, direttore della cardiologia universitaria Città della scienza e della salute alla Molinette di Torino. A Sanità Informazione, il direttore spiega quale è la sua strategia di approccio nel paziente affetto da dislipidemie a rischio alto e molto alto.

«Il segreto è iniziare a dosi molto alte perché noi sappiamo che non solo The lower the better ma anche The earlier the lower the better. Quindi, dobbiamo ridurre anche precocemente i valori di LDL nel paziente a rischio molto alto».
Ed uno degli strumenti per raggiungere gli ambiziosi obiettivi attuali della Società Europea di Cardiologia è la combinazione di farmaci. «Per un paziente a rischio molto alto – precisa il direttore – parliamo di 55mg per decilitro di Ldl. Nel 90% dei pazienti è impossibile riuscirci con un solo farmaco».

Come si può sensibilizzare la classe medica a utilizzare combinazioni di terapie ipolipidemizzanti per raggiungere i target terapeutici? «Bisogna avere conoscenza dei target, dei benefici e dei ridotti effetti collaterali di una terapia di combinazione – precisa il direttore -. Sappiamo che due farmaci sono quasi sempre meglio tollerabili di un farmaco solo sia perché hanno un effetto sinergico riducendo anche la variabilità della risposta» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colesterolo LDL, solo il 20% dei pazienti raggiunge il target. Vediamo perché
Per ridurre il colesterolo LDL bisogna migliorare l’aderenza terapeutica. Franco Pazzucconi (Niguarda): «Già a sei mesi dall’inizio della terapia con statina il 50% dei pazienti abbandona. A 12 mesi siamo al 60%»
Dislipidemie, qual è l’impatto del Covid-19 sui pazienti a rischio alto e molto alto?
«Il paziente con sindrome coronarica acuta molto spesso arriva in ritardo in ospedale - spiega Ciro Mauro, Cardiologo del Cardarelli di Napoli – questo è pericoloso soprattutto per chi ha fattori di rischio»
Con i farmaci generici il Ssn ha risparmiato oltre 5 miliardi nel 2020
Sono passati 25 anni da quando in Italia è stata promulgata la prima legge sul farmaco generico. Pasquarelli (Presidente DOC Generici): «Cambiato l’approccio del paziente che non guarda più con sospetto al generico, associando il costo alla qualità del prodotto»
Dislipidemie, i dati parlano chiaro. Binaghi: «L’80% dei soggetti a rischio non raggiunge il valore prefissato di LDL»
«Ci discostiamo di quasi il 20-30. Siamo sicuramente al di sopra della soglia consigliata dalle attuali linee guida europee»
“Vicini di Colesterolo”: le vicissitudini di un condominio italiano insegnano a prevenire l’ipercolesterolemia
In occasione della Prima Giornata della Prevenzione Cardiovascolare, Daiichi Sankyo Italia lancia la divertente serie web. Presto anche su Amazon Prime Video
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM