Lavoro 2 Agosto 2021 16:02

Pnrr, Magi (APM): «Senza investimenti sul personale tutto diventa inutile»

«I miliardi del Pnrr vengono investiti sulle strutture e sulla tecnologia. Ma senza il personale i pazienti non avrebbero il servizio che meritano e la sanità non funzionerebbe» così il portavoce APM a Sanità Informazione

Pnrr, Magi (APM): «Senza investimenti sul personale tutto diventa inutile»

Coinvolgere i medici nelle scelte per gli investimenti legati al Pnrr che riguardano la professione medica è imprescindibile per rinnovare il SSN. È questa la prima grande richiesta dell’Alleanza per la Professione Medica (APM) l’intersindacale che raccoglie al suo interno sette sigle rappresentative di oltre 100.000 tra medici e odontoiatri. Stiamo parlando di ANDI, CIMOP, Federazione CIMO-FESMED, FIMMG, FIMP, SBV e SUMAI.

Magi (portavoce APM): ««Pnrr occasione unica. Fondamentale investire sul personale sanitario»

«L’alleanza per la professione medica nasce perché in questo momento storico il Piano nazionale ripresa e resilienza (Pnrr) è in fase di discussione in Parlamento. Si tratta di miliardi di euro che vengono investiti per la prima volta e per tanto tempo in sanità, un’occasione unica». Lo afferma Antonio Magi, Segretario generale SUMAI, Presidente OMCeO Roma e portavoce APM, a margine del convegno dedicato al Pnrr che si è svolto di recente a Roma. «Purtroppo – ammette Magi – le risorse vengono investite sulle strutture e sulla tecnologia e non sul personale. Ma senza il personale tutto diventa inutile, i pazienti non avrebbero il servizio che meritano e la sanità non funzionerebbe».

APM: «Partecipazione attiva di medici e odontoiatri nella riforma del Pnrr»

«Lanciamo l’allarme con un’alleanza tra le varie categorie della medicina – prosegue Magi – rappresentiamo oltre centomila medici che lavorano in sanità tutti giorni. Dall’ospedalità pubblica e privata alla convenzionale, dalla medicina generale alla specialistica ambulatoriale passando per i pediatri di libera scelta, gli specialisti convenzionati fino ad arrivare alla libera professione e agli odontoiatri».

Il manifesto dell’Alleanza per la Professione Medica (APM)

Il messaggio è forte e chiaro «e credo sia arrivato agli esponenti politici». È questo l’obiettivo dell’Alleanza per la Professione Medica che sta lavorando al suo manifesto di rilancio del SSN. «Un documento che contenga proposte valide dal punto di vista delle risorse e che sia più funzionale per la salute dei cittadini. Anche perché – conclude il presidente dell’OMCeO Roma – voglio ricordare che anche un medico si può ammalare e trovarsi dall’altra parte ed è giusto che rivolga l’attenzione su questo aspetto».

Le richieste degli odontoiatri: semplificazione delle procedure, riforma della sanità integrativa

Tra i protagonisti della riunione tra i maggiori sindacati di medicina e odontoiatria e i vari esponenti politici, Carlo Ghirlanda, presidente dell’Associazione nazionale dentisti italiani (Andi). «Chiediamo un percorso complessivo di riforme per la sanità del futuro – evidenzia ai nostri microfoni – e gli odontoiatri ritengono che al centro del dibattito debba esserci anche una valutazione sulla sostenibilità della spesa odontoiatrica per il cittadino. «Siamo assolutamente consapevoli – aggiunge – delle difficoltà che gran parte della popolazione italiana può avere in questo tipo di contesto, per una spesa che è sostenuta al 90% dal sistema privato. Chiediamo una maggiore facilità di accesso allo studio odontoiatrico e una semplificazione delle procedure per continuare a funzionare a favore del cittadino e della qualità della salute orale».

Nuovi LEA in odontoiatria

Tra le richieste dell’Andi, maggior attenzione alla prevenzione dentale e riforma della sanità integrativa. «Noi siamo una disciplina di prossimità – continua Ghirlanda – abbiamo circa sessantamila studi sul territorio già esistenti in cui si possono svolgere più attività. Alcune risorse della sanità integrativa potrebbero essere impiegate in maniera diversa – prosegue -. Si tratta di 4 miliardi l’anno che vengono utilizzati anche in prestazioni assistenziali alternative a quelle che già il SSN è in grado di fornire al cittadino. Utilizziamo queste risorse per quelle prestazioni extra LEA che oggi nel sistema pubblico non ci sono, in particolare per l’odontoiatria» conclude Ghirlanda.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
PNRR, l’allarme: «Con vincoli ad assunzioni rischio che Case di Comunità non abbiano sufficiente personale»
Il Presidente della Commissione Sanità del Consiglio del Regionale del Lazio, Rodolfo Lena, spiega: «Dobbiamo dare gambe importanti al PNRR». E aggiunge: «C’è carenza di alcuni professionisti: al San Giovanni a un concorso per il Pronto soccorso si sono presentati solo 65 medici per 169 posti. Serve l’abolizione del numero chiuso»
Oscar sanità: oltre 200 candidature, a novembre i vincitori
Partecipazione record alla quinta edizione del Lean Healthcare Award, gli Oscar della sanità italiana. Più di 200 candidature da oltre 90 strutture pubbliche e private distribuite in tutte le regioni italiane. I vincitori saranno proclamati il prossimo 10 novembre
di Redazione
Long Covid, dopo 12 mesi crescono solo i sintomi psichiatrici
Uno studio tutto italiano condotto per 12 mesi denuncia un aumento dei sintomi psichiatrici. La Sinpf denuncia «una situazione difficilissima per la psichiatria italiana alle prese con un drammatico calo di risorse, strutture, personale e completamente dimenticata dal PNRR»
PNRR e nuove sfide in sanità: la centralità del ruolo dell’infermiere
«Le risorse in arrivo con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza comportano una serie di sfide che dobbiamo affrontare nell’ottica di una nuova, organizzata ed efficiente integrazione socio-sanitaria. Integrazione che non è poi così scontata»
di Barbara Mangiacavalli (Presidente Fnopi)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni