Salute 28 Marzo 2019

Oncofertilità, Moffa (specialista in PMA): «Un figlio dopo il cancro? Non solo si può, ma si riesce»

L’esperta: «L’89% delle pazienti che hanno desiderato un figlio dopo la malattia oncologica hanno ottenuto il benestare degli esperti. Incinta 7 su 10»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Cinquemila persone ogni anno scoprono di avere un cancro in età fertile. Un avvenimento drammatico che, fino a qualche anno fa, cancellava per sempre la speranza di costruire una famiglia dopo aver vinto la propria lotta contro la malattia. Oggi, avere un figlio dopo il cancro, grazie al progresso nel campo della medicina della riproduzione, è possibile.

«Le donne che hanno superato la malattia grazie ai trattamenti oncologici – assicura Federica Moffa, specialista in riproduzione assistita di Institut Marquès – possono progettare una gravidanza». Due le condizioni necessarie: «Nessun rischio per la salute della madre, né possibilità di recidiva della malattia – aggiunge l’esperta -. Entrambi i requisiti saranno, ovviamente, esaminati per ogni singolo caso da un’equipe di esperti». Ma affrontare questa valutazione preliminare non è un’impresa impossibile: quasi tutte le donne la superano con successo. «Uno studio condotto da Institut Marquès – commenta la Moffa – dove è presente un team specializzato in oncofertilità, ha mostrato come l’89% delle pazienti che hanno desiderato un figlio dopo la malattia oncologica hanno ottenuto il benestare degli esperti per intraprendere il proprio percorso di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA)».

LEGGI LO SPECIALE DI SANITA’ INFORMAZIONE DEDICATO ALLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA

Le tecniche utilizzate per le donne che hanno superato un cancro sono le stesse impiegate per le altre pazienti: «La procedura scelta è più che altro legata all’età della donna. Non ci sono delle tecniche proibite – dice la specialista in riproduzione assistita – ed anche le terapie, con delle piccole modifiche, sono molto simili a quelle standard».

Esistono tuttavia dei casi in cui la PMA è sconsigliata: «Quando la paziente non ha completato il trattamento oncologico, oppure non è trascorso un tempo sufficiente libero da malattia, un tempo che può essere variabile a seconda della tipologia di tumore». La maggior parte delle pazienti che si rivolgono ad un centro di PMA hanno superato un tumore al seno, «poiché – spiega Moffa – è questo il cancro più frequente tra le donne in età fertile. In altri casi, si tratta di pazienti che hanno lottato contro tumori del sangue o linfomi, soprattutto in età pediatrica».

Ma a sognare di dare alla luce un figlio dopo il cancro non sono solo le donne. Anche gli uomini che scoprono di avere un tumore possono preservare la loro capacità riproduttiva. «Sono soprattutto i tumori testicolari a ridurre la fertilità e, più in generale, tutti i trattamenti oncologici come la chemio o la radio. In alcuni casi – dice la specialista in riproduzione assistita – è possibile prelevare spermatozoi residui a livello testicolare anche dopo le terapie. In altri, i pazienti sono costretti a rivolgersi a donatori di seme».

Ma anche quando si parla di riproduzione prevenire è meglio che curare: «Nei centri oncologici è ormai abitudine quasi consolidata proporre alle giovani donne di conservare i propri ovociti prima di procedere ai trattamenti oncologici e agli uomini di congelare il proprio liquido seminale. Una tecnica semplice – sottolinea Moffa – che permette a chiunque di preservare la propria fertilità, prima che sia messa a rischio dalla malattia e dai trattamenti necessari a sconfiggerla».

L’importante è non perdersi d’animo, soprattutto perché i successi non sono così rari: «All’Institut Marquès 7 donne su 10 che hanno desiderato un figlio dopo il cancro sono riuscite a realizzare il proprio sogno. E, soprattutto, lo hanno fatto anche in tempi ragionevoli: dal primo colloquio alla valutazione, fino al trattamento ed alla gravidanza non sono trascorsi più di due anni. Un figlio dopo il cancro? Non solo si può, ma si riesce», conclude l’esperta.

LEGGI ANCHE: FERTILITA’ MASCHILE, NUMERO SPERMATOZOI IN CADUTA LIBERA: MENO 59,3% IN 40 ANNI

Articoli correlati
Oncologia, Beretta (Aiom): «Screening organizzati fondamentali. Grandi potenzialità per la medicina di precisione»
«La formazione dei medici è fondamentale: da quando mi sono laureato ad oggi sono cambiate tantissime cose. È necessario ridefinire un sistema di welfare per evitare costi aggiuntivi della malattia sui pazienti», così il presidente eletto Aiom a margine del convegno al Senato
Giornata malato oncologico, De Lorenzo (FAVO): «Spesa aggiuntiva per le famiglie di 40mila euro l’anno, cresce il disagio»
È quanto risulta dall’11esimo Rapporto della FAVO sulla condizione assistenziale dei malati oncologici presentato oggi in Senato. «Fino a 400-450 euro all'anno sono spesi in farmaci non coperti dal SSN» dichiara il presidente Francesco De Lorenzo ai nostri microfoni
Il 12 maggio è la Festa della mamma: l’impegno di IVI per le donne che desiderano la maternità
Il 12 maggio si celebra in Italia la Festa della Mamma. Per molte donne che stanno affrontando le sfide dell’infertilità questa ricorrenza rappresenta molto di più rispetto ad una semplice domenica di primavera. Da circa 30 anni in prima linea nella ricerca scientifica, l’Istituto Valenciano di Infertilità (IVI) rappresenta un punto di riferimento per le […]
Nutrient, l’App per la nutrizione oncologica. Ricette, consigli pratici e screening nutrizionali a portata di click
Per i meno inclini alle nuove tecnologie, pubblicata la quarta edizione del libretto “La nutrizione del malato oncologico” di Aimac. L’informazione sul tema è ancora scarsissima: il 50% dei pazienti ricoverati negli ospedali italiani è a rischio malnutrizione
di Isabella Faggiano
Oncologia, ai Merit Award eccelle l’università di Pisa. L’intervista al pluri-premiato Rossini: «Qui si punta sui giovani»
Si tratta del prestigioso premio del congresso mondiale dell'American Society of Clinical Oncology di Chicago. Sono 125 i giovani ricercatori premiati, 12 gli italiani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...