Salute 28 Marzo 2019

Oncofertilità, Moffa (specialista in PMA): «Un figlio dopo il cancro? Non solo si può, ma si riesce»

L’esperta: «L’89% delle pazienti che hanno desiderato un figlio dopo la malattia oncologica hanno ottenuto il benestare degli esperti. Incinta 7 su 10»

di Isabella Faggiano
Oncofertilità, Moffa (specialista in PMA): «Un figlio dopo il cancro? Non solo si può, ma si riesce»

Cinquemila persone ogni anno scoprono di avere un cancro in età fertile. Un avvenimento drammatico che, fino a qualche anno fa, cancellava per sempre la speranza di costruire una famiglia dopo aver vinto la propria lotta contro la malattia. Oggi, avere un figlio dopo il cancro, grazie al progresso nel campo della medicina della riproduzione, è possibile.

«Le donne che hanno superato la malattia grazie ai trattamenti oncologici – assicura Federica Moffa, specialista in riproduzione assistita di Institut Marquès – possono progettare una gravidanza». Due le condizioni necessarie: «Nessun rischio per la salute della madre, né possibilità di recidiva della malattia – aggiunge l’esperta -. Entrambi i requisiti saranno, ovviamente, esaminati per ogni singolo caso da un’equipe di esperti». Ma affrontare questa valutazione preliminare non è un’impresa impossibile: quasi tutte le donne la superano con successo. «Uno studio condotto da Institut Marquès – commenta la Moffa – dove è presente un team specializzato in oncofertilità, ha mostrato come l’89% delle pazienti che hanno desiderato un figlio dopo la malattia oncologica hanno ottenuto il benestare degli esperti per intraprendere il proprio percorso di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA)».

LEGGI LO SPECIALE DI SANITA’ INFORMAZIONE DEDICATO ALLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA

Le tecniche utilizzate per le donne che hanno superato un cancro sono le stesse impiegate per le altre pazienti: «La procedura scelta è più che altro legata all’età della donna. Non ci sono delle tecniche proibite – dice la specialista in riproduzione assistita – ed anche le terapie, con delle piccole modifiche, sono molto simili a quelle standard».

Esistono tuttavia dei casi in cui la PMA è sconsigliata: «Quando la paziente non ha completato il trattamento oncologico, oppure non è trascorso un tempo sufficiente libero da malattia, un tempo che può essere variabile a seconda della tipologia di tumore». La maggior parte delle pazienti che si rivolgono ad un centro di PMA hanno superato un tumore al seno, «poiché – spiega Moffa – è questo il cancro più frequente tra le donne in età fertile. In altri casi, si tratta di pazienti che hanno lottato contro tumori del sangue o linfomi, soprattutto in età pediatrica».

Ma a sognare di dare alla luce un figlio dopo il cancro non sono solo le donne. Anche gli uomini che scoprono di avere un tumore possono preservare la loro capacità riproduttiva. «Sono soprattutto i tumori testicolari a ridurre la fertilità e, più in generale, tutti i trattamenti oncologici come la chemio o la radio. In alcuni casi – dice la specialista in riproduzione assistita – è possibile prelevare spermatozoi residui a livello testicolare anche dopo le terapie. In altri, i pazienti sono costretti a rivolgersi a donatori di seme».

Ma anche quando si parla di riproduzione prevenire è meglio che curare: «Nei centri oncologici è ormai abitudine quasi consolidata proporre alle giovani donne di conservare i propri ovociti prima di procedere ai trattamenti oncologici e agli uomini di congelare il proprio liquido seminale. Una tecnica semplice – sottolinea Moffa – che permette a chiunque di preservare la propria fertilità, prima che sia messa a rischio dalla malattia e dai trattamenti necessari a sconfiggerla».

L’importante è non perdersi d’animo, soprattutto perché i successi non sono così rari: «All’Institut Marquès 7 donne su 10 che hanno desiderato un figlio dopo il cancro sono riuscite a realizzare il proprio sogno. E, soprattutto, lo hanno fatto anche in tempi ragionevoli: dal primo colloquio alla valutazione, fino al trattamento ed alla gravidanza non sono trascorsi più di due anni. Un figlio dopo il cancro? Non solo si può, ma si riesce», conclude l’esperta.

LEGGI ANCHE: FERTILITA’ MASCHILE, NUMERO SPERMATOZOI IN CADUTA LIBERA: MENO 59,3% IN 40 ANNI

Articoli correlati
Dolore in oncologia, Ripamonti (Istituto Tumori Milano): «Va trattato con uno schema terapeutico ben preciso»
Quali sono le cause del dolore in ambito oncologico e cosa si può fare per gestirlo? La parola a Carla Ida Ripamonti, Responsabile SSD Cure di Supporto al Paziente Oncologico dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano
Con la pandemia i laboratori di make up per le pazienti oncologiche si trasferiscono online
La Forza e il Sorriso continua la sua attività. La presidente: «Sono tante le donne malate di cancro che, anche in questo periodo di estrema emergenza, hanno chiesto di poter partecipare ai nostri laboratori. Vedersi meglio aiuta a sentirsi in forma»
di Isabella Faggiano
PMA, il boom dopo lo stop. Guglielmino (SIRU): «+20% di procreazioni medicalmente assistite»
Il presidente della Società italiana della riproduzione umana: «Con la seconda ondata ci aspettiamo un calo delle prestazioni, anche se lavoriamo in sicurezza. Mobilità dei pazienti e attese ridotte grazie alla telemedicina»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli