Salute 19 Gennaio 2024 15:42

Scoperta proteina chiave per la fertilità maschile

L’infertilità maschile potrebbe dipendere dall’assenza di un gene. A rivelarlo è stata una ricerca condotta su topi dall’Università di Göteborg, i cui risultati potrebbero aprire la strada a nuovi trattamenti per la salute riproduttiva dell’uomo

Scoperta proteina chiave per la fertilità maschile

L’infertilità maschile potrebbe dipendere dall’assenza di un gene e della proteina che codifica. A rivelarlo è stata una ricerca condotta su topi dall’Università di Göteborg, i cui risultati potrebbero aprire la strada a nuovi trattamenti per la salute riproduttiva dell’uomo. Nello studio, i topi privati di uno specifico gene, che codifica per la proteina MC2, non sono stati in grado di generare prole, in quanto il loro sperma mancava del collegamento tra la coda e la testa. “Si tratta di un passo in avanti molto importante”, commenta a Sanità Informazione la genetista Marina Baldi, membro della commissione Fertilità della Società italiana di andrologia (Sia). “Grazie all’utilizzo di tecniche di biologia molecolare e dell’intelligenza artificiale possiamo verificare il ruolo di specifiche proteine e questo ci permette di comprendere meglio le cause dell’infertilità maschile”, aggiunge.

La proteina MC2 è necessaria per la motilità degli spermatozoi

I ricercatori hanno dunque dimostrato che MC2 svolge un ruolo cruciale nella formazione degli spermatozoi “nuotatori nei topi“. Questa proteina è necessaria per creare un collegamento funzionale tra la testa e la coda dello sperma. “La connessione si trova nel ‘collo’ della testa dello spermatozoo e facilita il movimento e la funzione coordinata mentre lo spermatozoo nuota verso l’ovulo”, spiega Kexin Zhang, ricercatrice presso il Dipartimento di Chimica e Biologia Molecolare dell’Università di Göteborg. “Certo – continua – la coda e la testa si creano perfettamente senza questo collegamento, ma senza alcun risultato, perché non riescono a raggiungere il loro obiettivo”.

Ortensi (Sia): “La motilità degli spermatozoi è un parametro chiave dell’infertilità maschile”

“La proteina individuata dai ricercatori sembra avere un ruolo chiave nella motilità degli spermatozoi che sappiamo essere uno dei parametri seminali cardine nella fertilità maschile”, commenta a Sanità Informazione Ilaria Ortensi, specialista in fertilità e membro del comitato direttivo della Sia. “Possiamo sperare che in futuro effettuare test su proteine specifiche ci permettano di poter fare diagnosi sempre più accurate”, aggiunge. Gli esperimenti su topi hanno indicato che la produzione della proteina “MC2” era controllata da un gene specifico nel genoma. Quando il gene è stato rimosso con le “forbici genetiche”, i ricercatori hanno osservato che gli esemplari murini hanno smesso di produrre la proteina, divenendo completamente sterili.

L’infertilità maschile è responsabile di circa la metà dei problemi riproduttivi di coppia

È già noto che i fattori genetici sono responsabili di circa il 15-30% dell’infertilità negli uomini. Il gene non si trova sul cromosoma sessuale e non ha avuto alcun impatto sulla capacità delle femmine di produrre prole. “La mia ricerca ha contribuito a migliorare la comprensione delle cause dell’infertilità dovuta all’assenza della testa dello spermatozoo, nota come sindrome degli spermatozoi acefali”, sottolinea Zhang. “La causa alla base di questa diagnosi era finora sconosciuta”, aggiunge. La scoperta della proteina “MC2” fornisce nuove conoscenze sulla struttura molecolare delle cellule spermatiche che, poi, si sviluppano in spermatozoi. Ora i ricercatori potranno approfondire ulteriormente queste conoscenze. “Si stima che circa il 15% di tutte le coppie eterosessuali abbia problemi ad avere figli”, ha dichiarato Zhang. “L’uomo è responsabile dei problemi in circa la metà di questi casi. Spero che la nostra ricerca  porti a nuovi metodi diagnostici e a nuovi trattamenti per l’infertilità maschile. Potrebbe anche essere possibile – conclude – creare un contraccettivo maschile disattivando questo gene”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sesso: giovani confusi, 1 su 2 si informa online, a scuola nascono i “tutor della fertilità”
I giovani italiani sono affamati di informazioni circa la loro sessualità, ma uno su due si affida al web. Lo mostra una ricerca presentata al congresso della SIRU Lazio, nell'ambito del quale è stato lanciato il progetto di Formazione nelle scuole
Sostanze chimiche e cancerogene nelle giovani donne della “Terra dei fuochi”, a rischio la fertilità
Al 38º Congresso annuale ESHRE 2022 presentate due nuove ricerche su Bisfenoli e Policlorobifenili contenuti in eccesso nei fluidi follicolari e nel sangue
Per 3 adolescenti su 4 la fertilità è una grande sconosciuta, via a Progetto Scuola della SIRU
In occasione del quinto congresso nazionale della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU), che si apre oggi a Rimini fino al 28 maggio, gli studenti delle scuole sono stati invitati a prendere parte all'evento per imparare e sciogliere ogni dubbio sulla fertilità
Amenorrea e calo della libido, ecco i campanelli d’allarme dell’iperprolattinemia secondo AME
Renato Cozzi, presidente eletto AME: «La pandemia ha reso più difficile l’accesso agli ambulatori di endocrinologia e questo può avere ritardato anche le diagnosi»
PMA, da SIRU il binomio vincente per equità e sicurezza: linee guida certificate e accelerata sui LEA
Nella giornata inaugurale del 4° Congresso Nazionale presentate le prime linee guida nazionali ora all’approvazione del Ministero della Salute. Il punto su accesso alle cure, prevenzione, riforme legislative
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...