Salute 23 gennaio 2017

Mangiare green allunga la vita. Chef Salvini: «I medici vogliono la formazione alimentare»

Alla Luiss il corso ‘Well-being e sostenibilità’ per mangiare sano e nel rispetto dell’ambiente. Lo chef vegano Simone Salvini: «Cucina e medicina si legano indissolubilmente, per stare bene bisogna mangiare in modo sano e senza sprechi». Il Direttore della Luiss, Giovanni Lo Storto: «Il cibo impatta sulla collettività»

Mangiare senza sprechi e in maniera sostenibile. Questo l’obiettivo della cucina dello chef vegano, Simone Salvini, il cui amore per i prodotti vegetali è cosa nota. Salvini, formatosi al Joia di Milano, ristorante che ha ricevuto una Stella Michelin e Due Forchette Gambero Rosso, è famoso per la sua cucina green composta interamente da ingredienti biologici coltivati nell’orto a chilometro zero. Lo chef, in queste settimane, sta partecipando al corso organizzato dall’Università romana Luiss Guido Carli, dal titolo ‘Well-being e sostenibilità‘, diretto dalla nutrizionista Sara Farnetti con la supervisione del Direttore Generale della Luiss Giovanni Lo Storto. Durante il corso, dedicato a una cucina sostenibile, lo chef Salvini ha proposto piatti rispettosi dell’ambiente, usando prodotti rigorosamente biologici e vegani. Tanti i temi affrontati nel corso delle lezioni: dalla nutrizione funzionale all’alimentazione nello sport, dal diritto sanitario alla prevenzione come garanzia di sostenibilità. In occasione dell’incontro, Sanità Informazione ha intervistato lo chef.

Come si riesce a legare la cucina, con tutta la sua tradizione, alla medicina?

«La mia vita in realtà è composta da tante vite che si legano e si intrecciano continuamente. Infatti, ho viaggiato tanto, ho incontrato tante culture, tante cucine diverse, che ho assorbito nella mia formazione creando delle commistioni uniche. Ecco, così riesco a far coincidere tante aree diverse nella mia attività, riesco a far dialogare differenti realtà per fonderle nei miei piatti».

Il mondo della cucina come viene vissuto da parte della branca medica? Forse anche loro hanno da studiare ancora…

«Devo dire che ai miei corsi, partecipano sempre più medici. Negli ultimi anni c’è stata proprio una escalation, il numero di terapeuti, di medici, anche generici, è in forte aumento. Gli operatori sanitari sono molto incuriositi dal mondo della cucina perché, sono loro stessi a raccontarlo, non hanno mai studiato nel loro percorso accademico, i vari aspetti dell’alimentazione. Infatti nei corsi di medicina generale, non è prevista un’area dedicata all’alimentazione dei pazienti che ritengo sia importante per una formazione a tutto tondo del professionista».

A dire la sua anche il Direttore generale della Luiss Giovanni Lo Storto, che ha introdotto la prima giornata del corso ‘Well-being e sostenibilità’. «Abbiamo deciso di proporre ai nostri studenti un corso formativo di alimentazione sostenibile – spiega il Direttore – perché ci permette di insegnare loro che mangiare sano ha un impatto non solo su noi stessi ma anche sulla collettività. Riteniamo infatti che fornire più strumenti possibili agli studenti, sia un contributo culturale che si offre a la loro crescita e alla loro preparazione professionale perché sia un bagaglio utile e positivo anche quando diventeranno dei professionisti».

Articoli correlati
Milano, Università San Raffaele: pubblicati i bandi per i Corsi di Laurea in Fisioterapia e Infermieristica
Anche Fisioterapia e Infermieristica tra i corsi di laurea della Facoltà di Medicina UniSR, i cui prossimi test d’ingresso si svolgeranno con la modalità computer based presso le sedi nazionali del centro Selexi Test Center tra l’1 e il 12 marzo 2019. Sarà possibile iscriversi online fino alle ore 12.00 del 20 febbraio 2019. Il test […]
Università San Raffaele: pubblicati i bandi per l’ammissione ai corsi di laurea per le professioni sanitarie
Sono stati pubblicati i bandi dell’Università Vita-Salute San Raffaele relativi alle ammissioni all’anno accademico 2019/2020 dei corsi di laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia. I test si svolgeranno con la modalità computer based presso le sedi nazionali del centro Selexi Test Center tra l’1 e il 12 marzo 2019 e sarà possibile iscriversi online fino alle […]
Numero chiuso, Zauli (Univ. Ferrara) rompe fronte dei rettori: «Non sia quiz a selezionare medici del futuro»
Medico e professore di Anatomia Umana, è in disaccordo con molti dei suoi colleghi. E lancia la sua proposta: una preselezione e un meccanismo per cui passa al secondo anno chi ha conseguito i pieni voti accademici, cioè 27/30 nei 5 esami del primo anno entro il 30 settembre dell’anno successivo. Quattro le proposte di legge in discussione alla Camera
SIMES si allea con CIMO: «Cresciamo nella rappresentanza per dare valore alla salute nello sport»
Il Sindacato Italiano Medici dello Sport (SIMeS), libero sindacato di medici sportivi e professionisti di medicina nell’ambito dell’attività motoria, aderisce a CIMO per aumentare l’impatto della rappresentanza politica nelle sedi istituzionali nazionali e regionali, con l’obiettivo di accrescere la tutela professionale e legale degli iscritti e di attivare nuove iniziative per la categoria. Con questo […]
Foad Aodi (Amsi): «Al decreto sicurezza rispondiamo potenziando l’integrazione silenziosa, qualificata e non valorizzata»
Il Congresso annuale dell’AMSI (Associazione Medici d’origine Straniera in Italia) insieme al Corso d’aggiornamento AMSI in Neurotraumatologia si terrà il 1 dicembre a Roma. L’iniziativa si svolgerà nella Clinica “Ars medica” (Via Ferrero di Cambiano) con il patrocinio dell’Ordine dei Medici di Roma, Movimento “Uniti per Unire”, Unione Medica Euro mediterranea (UMEM) e BTL Italia. Parteciperanno professionisti della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano