Formazione 4 Marzo 2022 17:29

San Raffaele, primi test di Medicina e Prof. sanitarie a Milano e Roma. Le impressioni dei ragazzi

60 quiz di logica, comprensione del testo in inglese, biologia, chimica, fisica e matematica da risolvere in 60 minuti. Il nuovo corso dei test di medicina è partito in salita per gli studenti. Nessuna irregolarità denunciata e tanta determinazione. Presenti i consulenti legali di Consulcesi che ogni anno aiutano con i ricorsi 18 mila studenti ad immatricolarsi

di Federica Bosco e Gloria Frezza

Sessanta domande in sessanta minuti per inseguire il sogno di diventare medico. Con la tre giorni dell’università Vita Salute del San Raffaele è ufficialmente partita la corsa al camice bianco a Roma e Milano. Ogni anno il test vede impegnati migliaia di giovani per mesi a preparare un esame a quiz a risposta multipla discusso e discutibile al punto che quest’anno il Ministro dell’Università Maria Cristina Messa ha promesso di cambiare. In attesa, dunque, della nuova formula le università private hanno iniziato a scaldare i motori con un esame che ha messo di fronte migliaia di ragazzi a domande di logica, comprensione del testo, biologia, chimica, fisica e matematica.

Professioni sanitarie a Milano, cresce il numero delle ragazze e l’80% punta su fisioterapia

In crescita il numero delle ragazze che scelgono questo percorso universitario e tra le professioni sanitarie boom di richieste per fisioterapia. La pandemia, che aveva spinto molti ragazzi lo scorso anno ad avvicinarsi alle professioni sanitarie, non sembra più essere il motivo di una scelta che ha invece origini più lontane, come nel caso di Jessica che ci confida di voler fare l’infermiera da quando era alle scuole elementari. Anche Roberta, prima a completare il test con largo anticipo sui partecipanti, ammette di voler raggiugere il suo obiettivo ad ogni costo, ma di puntare preferibilmente ad una facoltà statale. Per molti il test è dunque un banco di prova per prendere le misure ad un esame che, nonostante i cambiamenti annunciati, non sembra essere diverso da quello dello scorso anno, anzi più difficile perché concentrato in minor tempo, come racconta Leonardo. Ad aver creato più problemi le domande di fisica e chimica, mentre per Gabriele i quesiti di logica sono stati particolarmente insidiosi con qualche trabocchetto, così come la comprensione del testo in inglese.

Nemico da battere: il tempo

Sono 552 i posti disponibili per il corso di laurea in Medicina e chirurgia, 60 per odontoiatria, 250 posti in pallio per le professioni sanitarie suddivisi in 140 per infermieristica, 40 fisioterapia, 40 per igiene dentale e 30 per ostetricia. All’uscita i ragazzi raccontano di un esame difficile, ma non impossibile. Unico vero nemico da battere il tempo come hanno evidenziato Valentina, Chiara e Costanza impegnate nel test d’ingresso a medicina.

Ogni anno 18 mila ricorsi legali

Nessuna irregolarità apparente, e grande motivazione per tutti con la convinzione di voler superare il test in questa o in altre facoltà. Un traguardo che grazie ai consulenti legali di Consulcesi può essere più vicino come ha raccontato a Sanità Informazione Francesco Giordano «Da 25 anni siamo sempre presenti nelle facoltà pubbliche e private quando ci sono i test di ingresso a medicina e per le professioni sanitarie per raccogliere a caldo tutte le segnalazioni che arrivano direttamente dagli studenti – racconta il consulente legale di Consulcesi -. Ogni anno si stima che a provare il test siano circa cento mila studenti tra università pubbliche e private. Noi abbiamo anche istituito per loro un numero verde dedicato dove segnalare le irregolarità che si manifestano in questi appuntamenti e, là dove ci sono i presupposti, consigliamo un iter legale. Si stima che ogni anno ci siano circa 18 mila ricorrenti. Noi ci avvaliamo del massimo esperto in materia che è l’avvocato Marco Tortorella che ha permesso, grazie al suo lavoro, di immatricolare migliaia di ragazzi a medicina. La sentenza più recente risale al maggio 2021 quando il Consiglio di Stato, al di là delle irregolarità presentate e confermate, ha affermato che il vero problema sono i numeri a disposizione dai vari atenei che sono nettamente inferiori al fabbisogno».

Medicina a Roma, in 150 alle prese con il quiz

Anche a Roma, in una delle giornate dedicate, entrano negli ambienti dell’Atrak Solutions circa 150 candidati provenienti da tutta Italia. I ragazzi hanno commentato il test con fiducia. Le domande di biologia sembravano più semplici rispetto a quelle di inglese, mentre quelle di logica sono state considerate adeguate alla prova. In molti hanno spiegato di essere lì per mettersi alla prova per il test statale del prossimo settembre, anche regolando i propri stati d’animo.

Fare il medico è per tutti un sogno da inseguire, ma le motivazioni alla base sono diverse. Molti ci raccontano di voler proseguire il cammino dei loro genitori, altri di voler indagare un campo della medicina ancora tralasciato. Una ci racconta della sua lotta contro l’asma e di come si sia “innamorata” del mestiere della dottoressa che l’ha curata. Un’altra ci dice «ho avuto problemi in famiglia, vorrei poter aiutare anche loro». Per tutti il mestiere resta una grande missione.

Numero chiuso e nuovo test, pareri discordanti

Il grande nemico, come ogni anno, è il numero chiuso. Tutti i candidati riferiscono di preferire un ingresso libero, magari «con un esame di sbarramento dopo il primo anno», oppure lasciando che si operi una «selezione naturale». «Da solo il numero chiuso – ci spiega uno di loro – ottiene solo di far fuggire i medici all’estero, ed è un peccato perché la pandemia ci ha dimostrato quanto ne abbiamo bisogno».

La ministra Messa ha proposto per questo una nuova soluzione: addio alla cultura generale e un test TOLC (con possibilità di rifarlo più volte e scegliere il punteggio migliore). Molta curiosità dai ragazzi di tutta Italia, qualcuna ricca di fiducia: «Lo trovo giusto, la cultura generale era imprevedibile e influenzava troppo il risultato del test. Preferisco più domande di argomenti che ho effettivamente studiato». Altre meno: «Mi fido ma non mi fido, tutte le volte che vengono annunciate grandi modifiche poi non succede mai che ci siano davvero. Voglio prima vederlo e verificare che sia davvero una cosa buona».

Una di loro sottolinea: «Il fatto che sia un TOLC permetterà sicuramente a tutti di fare punteggi migliori, quindi il livello sarà sicuramente più alto così come il punteggio minimo. Il che non è un male ma lo renderà più competitivo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?
La raccomandazione è quella di aspettare 7 giorni, quando il test può essere fatto gratuitamente. «Privatamente» nessuna regola, ma buon senso
Abolire il numero chiuso a Medicina, lo chiede il sottosegretario Costa
Secondo Costa il numero chiuso a Medicina non è meritocratico e chiede alla ministra Messa di trovare una soluzione con "verifica di obbiettivi di rendimento"
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
Michele, studente di Medicina rientrato dall’Ucraina: «Sotto shock dopo le prime bombe, dicevano “tutto tranquillo”»
Michele Ritucci, infermiere italo-britannico, era a Dnipro per studiare medicina. È rientrato due settimane prima del conflitto solo grazie all’insistenza dei genitori. «Sono in contatto con gli studenti in Ucraina, hanno paura ma non hanno intenzione di piegarsi»
Test molecolari, antigenici e salivari, è ancora caos. Quali sono le opzioni che abbiamo?
Maurizio Sanguinetti, direttore del Dipartimento di Scienze di Laboratorio e Infettivologiche della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS fa il punto sugli strumenti che abbiamo a disposizione per la diagnosi o lo screening di Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali