Salute 15 Aprile 2019

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integratori di cui non abbiamo prove di efficacia, meglio spendere quei soldi in attività fisica e prevenzione» dichiara Mugelli

Immagine articolo

Prevengono le malattie, fanno crescere i capelli, perdere peso, e migliorano l’attività sessuale. Esistono integratori per dormire, concentrarsi o ricaricarsi. Insomma, in commercio ce ne sono di tutti i tipi e per tutte le esigenze e siamo convinti che queste pillole “magiche” possano mantenerci giovani e in forma. Ma è davvero così? Non proprio.

Abbiamo approfondito l’argomento con il Presidente della Sif (Società Italiana Farmacologia) Alessandro Mugelli: il professore ritiene che la buona salute si costruisca a tavola seguendo «un’alimentazione varia, sana ed equilibrata e che gli integratori servono solo quando aumenta il fabbisogno – in alcune fasi della vita – o c’è una carenza».

Presidente, negli ultimi anni c’è stato un boom di vendite di integratori alimentari in Italia: quali sono, secondo lei, le motivazioni?

«Le ragioni del boom sono tante, parliamo di un fenomeno mondiale. È un business estremamene redditizio e attraente per le aziende: solo negli Stati Uniti, la patria degli integratori, il mercato vale oggi circa 30 miliardi di dollari e ci si aspetta che cresca ancora. L’Italia non è da meno; un’indagine del Centro Studi FederSalus fotografa un settore solido e in costante crescita,rilevando un giro d’affari nazionale di quasi 3 miliardi di euro nei canali farmacia e grande distribuzione». In realtà, seguendo la nostra dieta mediterranea, ricca di fibre, frutta e verdura e uno stile di vita corretto non c’è nessun motivo di usare integratori di cui non abbiamo, tra l’altro, prove di efficacia. Meglio spendere quei soldi in attività fisica e prevenzione, facendo una vita meno sedentaria e mangiando più sano: sicuramente otterremo risultati importanti. Gli integratori possono essere utilizzati come supporto, dopo un periodo di malattia o convalescenza, in quelle situazioni in cui il medico ritiene che ci sia bisogno di un’integrazione alimentare, nella dieta di un atleta o in situazioni di grande stress. In gravidanza, ad esempio, l’integrazione di acido folico è necessaria per proteggere mamma e nascituro. Allo stesso modo, se c’è un’anemia per carenza di ferro, assumere integratori per bocca è il primo passo per ristabilire i livelli corretti ma ricordiamoci anche di mangiare verdura verde, carne rossa e legumi».

LEGGI ANCHE: LA CARNE FA MALE? ECCO LE FAKE NEWS PIÙ DIFFUSE SECONDO “CARNI SOSTENIBILI”

Come si spiega, allora, questa enorme richiesta da parte delle persone?

«Parliamo di prodotti facilmente disponibili: non serve la ricetta medica o la prescrizione, seguono un percorso diverso e molto semplificato rispetto ai farmaci per i quali sono necessari studi clinici a comprovarne l’efficacia. Inoltre, sull’errata convinzione degli integratori come “panacea” che risolve tanti problemi spinge la “pubblicità ingannevole” che diffonde informazioni false e parziali. Ad esempio, recenti studi hanno dimostrato che non esistono minerali o supplementi, ad esempio gli omega3, in grado di prevenire eventi cardiovascolari. Noi della Sif abbiamo stipulato un accordo con Cittadinanzattiva per fornire informazioni sull’uso corretto dei farmaci e sulla salute in generale. Cerchiamo di far capire al cittadino che il diritto alla salute è anche un dovere. Bene la prevenzione, ma quella vera non significa prendere integratori. Anche il medico o il farmacista devono attenersi alle evidenze scientifiche e questo non sempre avviene, essendoci un mercato così importante, spinto dalla pubblicità, che favorisce convinzioni errate e questi enormi numeri».

LEGGI ANCHE: VITAMINE, ECCO LA MINI-ENCICLOPEDIA DALLA “A” ALLA “K DEL BAMBINO GESÙ

Nella peggiore delle ipotesi, non sono efficaci, ma sicuramente non fanno male

«Sono prodotti sicuri, commercializzati solo dopo la notifica al Ministero della salute e controllati. I rischi sono legati ad una quantità eccessiva o sbagliata, ma in realtà non è documentata neanche questa grande efficacia. Ripeto, sarebbe meglio avere un’alimentazione sana e varia e non ricorrere all’uso di questi prodotti. In America, proprio di recente, si è visto che alcuni supplementi dietetici per perdere peso e integratori che vantavano potenziamento dell’attività sessuale contenevano sostanze farmacologicamente attive. In Italia siamo sicuri che la qualità sia molto buona e il rischio è basso, ma anche qui, in passato, abbiamo trovato qualche integratore con componenti che non avrebbero dovuto esserci. I consigli sono: diffidare di integratori che danno reazioni avverse, riferire e segnalare queste reazioni, non comprare questi prodotti online; meglio in farmacia o parafarmacia, sono garanzie ulteriori e la filiera è più controllata».

Articoli correlati
Salute maschile, gli endocrinologi: «Attenzione alle patologie “femminili” che colpiscono anche gli uomini»
Tra le malattie nascoste l’anoressia, l’osteoporosi e la pubertà precoce. 1 uomo su 4 soffre di anoressia, 1 su 10 di osteoporosi
Cellulare e tumore, per i giudici il nesso c’è. L’otorino: «Sicuramente causa cambiamenti fisiologici»
Accolto dalla Corte d'Appello di Torino il ricorso di un lavoratore che ha utilizzato il telefono aziendale per anni e ha sviluppato poi una forma tumorale. L’Inail dovrà corrispondere un vitalizio, ma la scienza sul tema continua ad essere divisa. Il dottor Attanasio: «È vero che non ci sono evidenze scientifiche ma non si può escludere che un’esposizione continua a radiofrequenze non faccia danni»
E-cig e sigarette: sono più di 700mila gli italiani che le fumano insieme. E i rischi per i polmoni triplicano
Secondo uno studio della University of California l’abitudine, sempre più in voga, di alternare le due modalità di fumo è una pratica da abbandonare
Chirurgia estetica, la denuncia di Sicpre: «Basta abusivismo categoria, danni al 30% dei pazienti»
In Italia nel settore privato chiunque sia anche solo laureato in Medicina può eseguire interventi di chirurgia plastica, anche senza specializzazione. D’Andrea: «Casi in aumento. Prima di sottoporsi ad un intervento necessario controllare se il professionista è adeguatamente formato o se millanta»
«Dal Codice Rosa alle cure di genere, così siamo al fianco delle donne». Policlinico e S. Marco di Catania premiati dalla Fondazione Onda
«Ci hanno permesso di riprogettare dall’inizio tutti i percorsi, dalle fragilità alle donne vittime di violenza e maltrattamenti». Così il direttore dell'azienda ospedaliera Antonio Lazzara
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano