Salute 18 Febbraio 2022 16:15

In Italia in arrivo il primo farmaco con due monoclonali per prevenire il Covid-19

Destinato ai pazienti fragili, il cocktail di anticorpi è stato messo a punto da AstraZeneca ed è in grado con una sola dose di ridurre il rischio di sviluppare la malattia in forma sintomatica ed ha una copertura di sei mesi. Da affiancare al vaccino, risulta essere efficace anche contro Omicron

In Italia in arrivo il primo farmaco con due monoclonali per prevenire il Covid-19

Arrivano nelle prossime ore in Italia ventimila dosi del primo farmaco a base di due anticorpi monoclonali in grado di prevenire il Covid-19 nelle persone fragili. A realizzarlo è AstraZeneca che ha già consegnato oltre 1 milione e duecento mila dosi a Stati Uniti e duecento mila a Germania, Francia e Israele. Il prodotto, ottenuto dalla combinazione di due anticorpi, Tixagevimab e Cilgavimab, è stato approvato da AIFA al termine di uno studio internazionale, Provent.

Testato su 5197 individui la combinazione ha mostrato una riduzione significativa del rischio di sviluppare la malattia in forma sintomatica pari all’83% garantendo con una sola dose, la protezione per sei mesi. «Si tratta di un’arma più efficace perché mette insieme due anticorpi monoclonali capaci di legarsi a due siti distinti sulla proteina spike di Sars-CoV-2 – spiega il professor Giovanni Di Perri, Direttore della scuola di specializzazione di Malattie infettive all’Ospedale Amedeo di Savoia di Torino -. La combinazione risulta quindi più efficace nell’impedire al virus di entrare nelle cellule del corpo e di causare l’infezione».

Strumento preventivo da affiancare al vaccino

Secondo i dati di tre studi indipendenti condotti dal University College di Oxford (Regno Unito), dalla Washington University School of Medicine di St. Louis (USA) e dalla FDA (Food and Drug Administration) la combinazione dei due anticorpi monoclonali garantisce un livello di anticorpi neutralizzanti riscontrati in individui infettati dal Covid-19 e guariti naturalmente e risulta efficace anche contro la variante Omicron. «Questo è l’esordio di un nuovo strumento preventivo che va ad affiancare il vaccino per coloro che sono immunodepressi, trapiantati, o per chi, a causa di intolleranza severa, non può fare il vaccino – sottolinea Di Perri -. Si apre una nuova strategia contro Covid 19 che ha tempi di copertura protettiva addirittura superiore al vaccino».

Allo studio l’efficacia su pazienti Covid-19

Appurata la validità del cocktail dei due anticorpi in soggetti immunodepressi, è in fase di sperimentazione la combinazione tra Tixagevimab e Cilgavimab anche per il trattamento dei pazienti già infettati dal virus. «Lo studio ha dimostrato che la combinazione dei due anticorpi in coloro che sono già stati colpiti dal virus lo rende meno aggressivo – aggiunge il direttore della scuola di specializzazione di Malattie infettive all’Ospedale Amedeo di Savoia di Torino – dimostrando di ridurre il rischio di progressione della malattia in pazienti non ospedalizzati sintomatici da meno di sette giorni».

La ricerca di AstraZeneca

I due anticorpi, derivati da cellule B donate da pazienti convalescenti dopo il Sars-CoV-2, sono stati individuati negli Stati Uniti dagli esperti del Vanderbilt University Medical Center utilizzando una tecnologia di AstraZeneca. «Dopo una singola somministrazione che consiste in due iniezioni intramuscolari, una per ciascun anticorpo, separate e consecutive, in successione immediata – spiega Raffaella Fede, direttore medico di AstraZeneca Italia -. Abbiamo triplicato la durata d’azione rispetto ai monoclonali convenzionali e l’analisi dei dati fatta nello studio Provent a sei mesi ha dimostrato una riduzione del rischio di contrarre una forma sintomatica di malattia pari all’83%. È necessario però un maggiore follow-up per stabilire la durata completa della protezione del virus, ma potremmo stimarla anche oltre i 12 mesi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terzo inverno di pandemia, ma con armi spuntate. I limiti della quarta dose e dei monoclonali
Due nuovi studi pubblicati sul New England Journal of Medicine mettono in dubbio l'efficacia della quarta dose e degli anticorpi monoclonali contro le varianti del virus attualmente predominanti
Anticorpi monoclonali e antivirali efficaci anche contro nuove sottovarianti di Omicron
Zazzi, co-presidente ICAR: «Si inizia a capire meglio quali parti della proteina spike tendono a rimanere stabili nel tempo e questo aiuta molto nei criteri di selezione dei monoclonali. Le funzioni virali colpite dagli antivirali invece non sono soggette a forte evoluzione»
Prima in Italia, Padova punta su una nuova terapia con anticorpi monoclonali per prevenire il Covid
Annamaria Cattelan primario di malattie infettive dell’ospedale della città veneta che, con Treviso e Verona detiene il primato di pazienti trattati con i monoclonali, smentisce che Sotromivab sia meno efficace sulla nuova variante di Omicron e guarda al futuro presentando Evuscheld, la nuova combinazione che blocca l’insorgere della malattia
Tumore al seno metastatico, i risultati dello studio DESTINY-Breast04
I primi risultati di fase 3 di trastuzumab deruxtecan sul carcinoma mammario metastatico con bassi livelli di HER2 (HER2 Low) indicano che la molecola di Daiichi Sankyo e AstraZeneca ha il potenziale di ridefinire il modo in cui la malattia è trattata
Che fine ha fatto il vaccino AstraZeneca?
Le Regioni hanno restituito 2,6 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca al Commissariato di Figliuolo per non farle scadere. Che fine faranno e cosa è successo negli altri Paesi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 30 gennaio 2023, sono 670.393.844 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.824.175 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni