Salute 26 Ottobre 2021 10:51

Che fine ha fatto il vaccino AstraZeneca?

Le Regioni hanno restituito 2,6 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca al Commissariato di Figliuolo per non farle scadere. Che fine faranno e cosa è successo negli altri Paesi

Che fine ha fatto il vaccino AstraZeneca?

Senza dubbio il più discusso dei vaccini anti-Covid, ad oggi consigliato solo per over 60 secondo disposizione dell’11 giugno, il prodotto AstraZeneca sembra essere uscito dalle scene in Italia.

Durante l’estate il vaccino Vaxzevria è stato usato quasi essenzialmente per le seconde dosi e il numero di somministrazioni è sceso vertiginosamente. Dalle 60mila dosi giornaliere effettuate a maggio alle 200 di agosto il salto è grande. Negli ultimi mesi i vaccinati con AstraZeneca sono stati poco meno di 12mila. Per fare una proporzione comprensibile: sono 12,1 milioni le persone vaccinate con il preparato anti-Covid di Oxford, 15 milioni quelle con Moderna e 71 milioni quelli con Pfizer.

L’abbandono dei vaccini a vettore virale

Le principali ragioni di questa situazione sono due. La prima è l’invito palese delle autorità sanitarie e dell’unità di Figliuolo a concentrarsi sui vaccini ad mRna rispetto a quelli a vettore virale per la loro maggiore efficienza e per l’inferiore numero di effetti collaterali gravi. La seconda è la storia travagliata del vaccino AstraZeneca, con le sospensioni iniziali di lotti (poi trovati perfettamente adatti), casi di morti sospette e più mutamenti nelle decisioni istituzionali sul suo utilizzo. A cui si può aggiungere la vasta disponibilità di dosi di questo periodo storico, ben diversa da quella che abbiamo affrontato a inizio anno quando ogni vaccino contava.

Quel che al momento preoccupa sono le 2,6 milioni di dosi AstraZeneca restituite dalle Regioni italiane al Commissariato amministrato dal generale Francesco Paolo Figliuolo. Dopo aver effettuato i richiami, infatti, le amministrazioni regionali hanno inviato indietro Vaxzevria senza chiederne ulteriori forniture. Ma quelle dosi restituite devono essere utilizzate o rischiano di scadere.

La soluzione per le dosi avanzate

Una soluzione ci sarebbe, anzi c’è. Donare le dosi italiane, insieme a quelle europee, ai Paesi in difficoltà. L’Unione europea in totale conserva 200 milioni di dosi non utilizzate. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha assicurato che 15 milioni di dosi verranno donate entro il 2021. Sempre secondo Di Maio, 8,9 milioni sono pronte per essere spedite. Senza dimenticare l’impegno preso dal nostro paese con COVAX grazie al quale già 1,4 milioni di AstraZeneca sono arrivate in Tunisia ad agosto.

Da evitare, anche per un numero ristretto di dosi, quel che è accaduto nei Paesi Bassi, dove i vaccini avanzati sono stati distrutti perché scaduti. Azioni che non possiamo permetterci, come ha ribadito con forza il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della Sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus all’apertura del World Health Summit. «Abbiamo le armi per mettere fine a questa pandemia: i vaccini, ma se non li usiamo saggiamente ed equamente non ne usciremo mai», ha detto senza possibilità di replica.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumore seno metastatico, anticorpo monoclonale riduce il rischio di progressione del 72%
Al Congresso ESMO 2021 nuovi dati dimostrano l'efficacia dell'anticorpo monoclonale coniugato Trastuzumab deruxtecan di Daiichi Sankyo e AstraZeneca su carcinoma mammario, gastrico e polmonare
La doppia dose di AstraZeneca è meno efficace del mix con altri vaccini?
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità sarebbe inoltre «plausibile il nesso tra AstraZeneca e casi di trombosi»
Variante Delta, OMS: «Nessun calo significativo della protezione dei vaccini da esiti gravi»
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ricorda che è «già previsto che si verifichi una quota di casi anche fra vaccinati»
Carcinoma Gastrico, per trastuzumab deruxtecan inizia lo studio di fase 3 DESTINY-Gastric04
Il carcinoma gastrico è associato a una prognosi sfavorevole, con solo il 5-10% dei pazienti che sopravvive a 5 anni. Parte oggi DESTINY- Gastric04, uno studio globale di Fase 3 con trastuzumab deruxtecan, l’anticorpo monoclonale coniugato di Daiichi Sankyo e Astrazeneca
Vaccini in farmacia, cosa succede in Italia dopo lo stop a J&J per under 60?
In diverse Regioni le vaccinazioni in farmacia erano già realtà. Gli ultimi cambiamenti al piano vaccinale hanno causato uno stop alle somministrazioni e la necessità di riorganizzare tutto. La macchina riuscirà a ripartire? La situazione in Piemonte, Lazio e Campania
di Federica Bosco, Chiara Stella Scarano e Arnaldo Iodice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...