Salute 24 Aprile 2020 17:30

Il Covid-19 non ferma la terapia del sorriso. Bianchi (Fondazione Dottor Sorriso): «Grazie alle video chiamate facciamo ridere i bimbi in ospedale»

«Ci sono dei dati scientifici che dimostrano che grazie alla terapia del sorriso i bambini restano un terzo di tempo in meno in ospedale e usano il 20% in meno di analgesici»

di Federica Bosco

Un sorriso che fa bene al cuore e alla mente. È quello dei dottori clown della Fondazione Dottor Sorriso, che da 25 anni aiuta i bambini ricoverati negli ospedali a superare i momenti più difficili della malattia. Uno studio americano dimostra infatti che ridere abbassa la pressione, riduce lo stress, stimola l’appetito e mette in moto il sistema immunitario.

Un impegno quotidiano che i 33 medici della Fondazione portano avanti nonostante l’emergenza Covid. Oggi lavorano, a distanza, ma sempre con il sorriso, come conferma Cristina Bianchi, presidente della Fondazione Dottor Sorriso: «Quella del famoso film di Patch Adams è un’attività a supporto della medicina tradizionale che aiuta il bambino ad aumentare le proprie difese immunitarie rendendolo più recettivo alle terapie mediche classiche – ci racconta via Skype –. È scientificamente provato che ridere in ospedale fa bene soprattutto ai bambini che hanno meno difese nei confronti del trauma del ricovero. La nostra attività aiuta il bambino a reagire alla malattia e ci sono dei dati scientifici che dimostrano che grazie alla terapia del sorriso i bambini restano un terzo di tempo in meno in ospedale e usano il 20% in meno di analgesici. Quindi, a tutti gli effetti, il nostro intervento permette al bambino di rilassarsi, di lavorare sulla parte sana, e aiuta anche i genitori, che si sentono impotenti di fronte alla malattia del figlio, oltre ai medici e paramedici, perché lavorando in equipe cerchiamo di trovare la modalità giusta di intervento per ogni bambino».

LEGGI ANCHE: CLOWNTERAPIA, ANDREA TUDISCO ONLUS: PERCHÉ UNA CASA E UN SORRISO SONO COME UNA MEDICINA

In questo momento di emergenza e di isolamento, anche per i bambini costretti ancora in ospedale il lavoro dei dottori del sorriso è cambiato: «Lontani, ma vicini. Questo è il nostro mantra – puntualizza la dottoressa Bianchi –.  I bambini oggi sono ancora più soli perché i genitori non possono entrare nei reparti o, se entrano, non possono più uscire, quindi vivono una condizione estremamente difficile. E se prima la giornata del bambino era scandita dalla scuola e dalle attività che alleggerivano la loro degenza, ora al peso emotivo della malattia, che non è sparita, si aggiunge l’isolamento ancora più estremo. Quindi abbiamo deciso di reinventarci per poter stare vicino a loro, ai genitori e aiutare l’équipe medica che ora è sotto stress per la mole di lavoro e per la paura del contagio. Allora abbiamo trasformato un’attività, che era fisica, in un’attività a distanza, ma con la stessa professionalità. Quindi abbiamo usato la video chiamata e abbiamo provato a vedere se questa modalità di intervento potesse essere efficace come quella usata negli anni passati».

La risposta non si è fatta attendere: «La soluzione è stata potente. Le prime video chiamate sono state davvero emozionanti, per noi ma anche per i genitori, che sono rimasti sorpresi per il ponte empatico che si crea tra il piccolo e il dottor sorriso. Il bambino resta catturato dall’immagine e la connessione dura molto più a lungo. Di sicuro quando tutto tornerà alla normalità e potremo riabbracciare i nostri piccoli amici, terremo questo presidio come  supporto nelle situazioni più difficili».

E di situazioni difficili i dottori del sorriso ne incrociano ogni giorno. Momenti di grande empatia che lasciano un segno. «Ricordo il dolore di un bambino affetto da calcoli renali che grazie all’intervento in video chiamata è riuscito a superare il dolore e dialogare a lungo con i suoi dottori del sorriso. I genitori ci hanno mandato una lunga lettera di ringraziamento che fa parte di un bagaglio affettivo che abbiamo costruito negli anni e che ci accompagna in questo lungo viaggio. Si lavora in coppia –  spiega la dottoressa Bianchi – perché questo permette ad entrambi i medici di capire meglio l’ambiente in cui entrano perché, anche se è virtuale, è comunque uno spazio occupato da un bambino malato e questo mette in equilibrio la relazione e  rende il bambino particolarmente predisposto ad intraprendere il  dialogo».

Un viaggio, ora virtuale, che si estende da Nord a Sud del Paese nei principali ospedali italiani, per incontrare e sollevare dalle sofferenze molti bambini e anche qualche adolescente. «Abbiamo avuto anche la richiesta di un adolescente di 16 anni e ci ha fatto molto piacere perché con lui è stata una lunga chiacchierata introspettiva più che un momento di gioco. Di norma riceviamo una richiesta via e-mail attraverso il sito www.dottorsorriso.it nella sezione che si chiama “Il sorriso chiama”. Il genitore si registra e poi viene richiamato per fissare insieme il momento migliore per fare la video chiamata. Oggi possiamo utilizzare qualsiasi tipo di piattaforma per cercare di accontentare tutti. Più bambini riusciamo a rendere felici, più siamo contenti. È la nostra mission».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Cosa si può fare (o non fare) in zona gialla?
Ora che, dopo mesi di un’Italia interamente bianca, abbiamo di nuovo una Regione in zona gialla (il Friuli Venezia Giulia), è bene rinfrescarsi la memoria su quali limitazioni vengono di nuovo imposte per limitare il contagio da Covid-19. In particolare ora che al green pass si è aggiunto il super green pass. Ma cosa si […]
Variante Omicron, Speranza al G7: «Ora supportare concretamente vaccinazione nei Paesi più fragili»
Le parole del Ministro della Salute nell’incontro convocato per discutere della nuova variante proveniente dal Sudafrica. Intanto sono 33 i casi confermati ma nessun morto o caso grave
Il primo ospedale Covid d’Italia si tinge di rosa. A Castel San Giovanni nasce l’ospedale delle donne
Cattadori (U.O. Qualità e Ricerca): «Abbiamo trasformato una grande difficoltà, come quella della gestione dell’emergenza Covid, in un’opportunità. Durante la pandemia era necessario continuare a garantire cura e assistenza in sicurezza e ci siamo attrezzati per farlo»
di Isabella Faggiano
Nuova variante sudafricana, Ricciardi: «Allarmarsi no, preoccuparsi sì»
L’Italia ha vietato l’ingresso da 8 Paesi. Il consulente del ministro Speranza: «Le esperienze del passato c’insegnano che queste misure, spesso, risultano tardive. La sudafricana potrebbe anche essersi già diffusa. Non sappiamo se questa variante provocherà danni alla copertura vaccinale, ma pare essere ancora più contagiosa della Delta»
di Isabella Faggiano
Gimbe: +27% di nuovi casi in una settimana, aumentano anche decessi e ospedalizzazioni
Secondo il presidente della Fondazione Cartabellotta: «Per contenere la quarta ondata nel nostro Paese sul fronte vaccini è indiscutibile la necessità di raggiungere il maggior numero possibile di persone non ancora vaccinate, e così come l’allentamento delle misure restrittive deve essere graduale, la loro re-introduzione deve essere tempestiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano