Salute 29 Aprile 2022 14:54

Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»

Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d’occhio

Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»

L’adenovirus resta l’indiziato numero uno, ma si fa strada anche una possibile correlazione con il Sars-CoV-2. A ventiquattro giorni dall’allarme lanciato dal Regno Unito per un aumento degli episodi di epatiti virali acute tra i bambini, nessuna causa può essere ritenuta certa.

«In un’alta percentuale, tra i casi di epatiti virali acute pediatriche riscontrati in tutto il mondo, è stata accertata la presenza di adenovirus. Ma per associare con estrema certezza questo virus alle epatiti avremmo dovuto rilevarlo nel 100% dei casi. Per ora, l’adenovirus può essere considerato l’indiziato numero uno, ma non il colpevole», spiega il professore Carlo Federico Perno, responsabile di Microbiologia e Diagnostica di Immunologia dell’ospedale Bambino Gesù di Roma.

Epatiti misteriose nei bambini: Covid-19 possibile complice

Inoltre, in queste ore, si fa sempre più probabile l’ipotesi che i colpevoli possano essere più di uno. «Molti dei bambini affetti da questa forma di epatite hanno, in precedenza, contratto anche il Covid-19 – sottolinea il microbiologo -. Anche in questo caso, l’associazione non è stata riscontrata nel 100% dei casi. Tuttavia, si tratta di un’incidenza sufficientemente elevata da spingerci ragionevolmente a supporre che questa forma di epatite virale acuta pediatrica possa rientrare in quelle manifestazioni generalmente associate al cosiddetto long Covid». Ne sono un esempio la sindrome di Kawasaki e la sindrome infiammatoria multisistemica (Mis-C) manifestatesi tra i bambini in questi due anni di pandemia e legate, sulla base di evidenze scientifiche, all’infezione da Sars-CoV-2.

Il vaccino anti-Covid non c’entra

Completamente da scartare, invece, un possibile legame con la vaccinazione contro l’infezione da Sars-CoV-2: «A nessuno dei bambini affetti da epatiti virali acute pediatriche è stato somministrato il vaccino anti-Covid», assicura il virologo. Molti dei piccoli coinvolti hanno meno di 5 anni e, quindi, al di sotto dell’età minima in cui è consentito inoculare tale vaccinazione. «Sono stati individuati casi di epatiti virali acute anche tra bambini più grandi, anch’essi non vaccinati. Questa forma di epatite è, generalmente, associata ad un’età pre-adolescenziale, ma tutti gli episodi attuali si sono verificati al di sotto dei 12 anni», aggiunge Perno.

La pandemia ha intorpidito il sistema immunitario

Dalla pandemia potrebbe derivare anche un’ulteriore responsabilità. «I ripetuti lockdown, le restrizioni sociali, l’uso delle mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario. I bambini, in situazioni di normalità, incontrano quotidianamente numerosi germi semplicemente respirando. Alcuni di questi li fanno ammalare, altri non manifestano alcuna sintomatologia. Ma, in entrambi i casi, contribuiscono al rafforzamento del sistema immunitario. In questi due anni di pandemia i bambini, tra la chiusura di scuole e attività ricreative e l’utilizzo delle mascherine (dai sei anni in su), l’esposizione a questi batteri si è drasticamente ridotta, inducendo un intorpidimento del sistema immunitario».

Attenzione, ma non allerta

L’assenza di certezza sulle cause scatenanti spinge il mondo scientifico alla cautela: «L’attenzione è massima, ma non deve esserci allarmismo. In Italia la situazione resta sotto controllo e, almeno per ora, i casi accertati non sembrano aver superato quelli che si sono verificati durante gli anni scorsi. Questa tipologia di epatiti virali acute pediatriche (dalle cause ignote) si sono sempre verificate e, purtroppo, anche in passato, seppur raramente, con esiti talmente gravi da aver reso necessario un trapianto di fegato». Tra gli episodi riscontrai in Europa in quest’ultimo periodo meno del 10% dei bambini ha avuto bisogno di un trapianto d’organo. Al Bambino Gesù di Roma sono attualmente 4 i bambini ricoverati, tra cui il piccolo di Prato trasferito dal Meyer di Firenze all’ospedale della Santa Sede. «Gli altri tre sono arrivati nei giorni scorsi con sintomi gastrointestinali. Nessuno con febbre alta o ittero. Sono tutti in buone condizioni», assicura Perno.

I sintomi, quando preoccuparsi

Tuttavia, la sola comparsa di vomito e diarrea non dev’essere motivo di allarme. «Non dimentichiamo che esistono numerose forme virali che possono causare sintomi gastrointestinali che, di solito, scompaiono entro 24-48 ore. Nei casi di epatiti virali acute pediatriche questi sintomi si protraggono molto più a lungo. Di conseguenza, se vomito e diarrea dovessero durare oltre i 4-5 giorni e/o associarsi a febbre alta o ittero, sarà meglio recarsi in ospedale», consiglia lo specialista. Prudenza sì, panico no. «Invito tutti ad avere fiducia nella scienza. Siamo impegnati nella ricerca delle cause di queste epatiti da un meno di un mese, un tempo troppo breve per poter offrire certezze. Di certo e senza alcun dubbio, le evidenze raccolte finora confermano l’importanza della vaccinazione contro il Covid-19, vaccini che auspichiamo possano essere estesi anche alla fascia 0-5 anni, con una maggiore adesione – conclude – anche tra tutti quei bambini per cui la campagna vaccinale è già attiva da tempo».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Epatite misteriosa, Rezza: «In Italia 34 casi probabili, situazione stabile»
In occasione dell'evento "Epatite pediatrica: un incontro per capirne di più e lavorare insieme sulla prevenzione" della onlus Etica, massimi esperti italiani fanno il punto sull'emergenza in Italia e nel mondo
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Con Omicron il rischio Long Covid è più basso
Uno studio del King's College London ha dimostrato che il rischio di sviluppare il Long Covid è più basso con Omicron
“Non sono più io”, la testimonianza di una donna affetta da Long Covid
Ericka dopo due anni dalla malattia ancora non riesce a riprendere il lavoro perché le sono state diagnosticate diverse patologie: dalla stanchezza cronica, alla perdita di memoria, fino alla tachicardia e all’insonnia
Long Covid, qual è il ruolo della neuroinfiammazione?
Il Rettore Salvatore Cuzzocrea al 15th World Congress on Inflammation (5-8 giugno, Roma): «Nonostante i numerosi dubbi ancora da chiarire sul Long Covid, ad oggi sappiamo che il trattamento precoce della neuroinfiammazione ricopre un ruolo chiave nella prevenzione dei disturbi post Covid di natura neurologica e psichiatrica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...