Salute 26 Aprile 2022 16:51

Epatiti misteriose nei bambini, smentito legame con vaccino anti-Covid

L’Iss smentisce l’ipotesi di un legame tra le epatiti misteriose nei bambini e il vaccino anti-Covid

Epatiti misteriose nei bambini, smentito legame con vaccino anti-Covid

«Al momento non ci sono elementi che suggeriscano una connessione tra la malattia e la vaccinazione, e anzi diverse considerazioni porterebbero ad escluderla». Queste le parole con cui l’Istituto superiore di sanità (Iss) smentisce l’ipotesi, emersa da qualche giorno, sul possibile legame tra le epatiti acute misteriose nei bambini e la vaccinazione anti-Covid.

Nessuno dei bambini colpiti dalle epatiti misteriose risulta vaccinato

Le voci circolate in questi giorni, secondo cui il vaccino contro Covid-19, potesse aver contribuito in qualche modo alla diffusione di questa epidemia di epatiti nei bambini hanno spinto l’Iss a fare chiarezza. Sul sito infatti spiega che tra e considerazioni da fare c’è quella secondo cui «nella quasi totalità dei casi in cui si è a conoscenza dello status i bambini colpiti non erano stati vaccinati». Evidenzia, questa, sottolineata anche dal Sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri: «I vaccini Covid-19, in Italia possono essere somministrati soltanto a bambini al di sopra dei cinque anni di età e in Gran Bretagna al di sopra dei dieci». E la maggior pare dei bambini colpiti dalle epatiti ha dai 2 ai 5 anni d’età.

Per l’Iss anche la vaccinazione anti-Covid nell’adulto non avrebbe alcun ruolo sulle epatiti

L’Iss smentisce anche il possibile ruolo che avrebbe la vaccinazione anti-Covid nell’adulto, come ipotizzato da Maurizio Federico, responsabile del Centro nazionale per la salute globale dell’Iss, secondo il quale «la vaccinazione di massa con vaccini a vettore adenovirale potrebbe aver favorito eventi ricombinativi» e che quindi «possono così essere emersi dei virus mutanti». Smentendo il suo stesso ricercatore l’Iss chiarisce che «l’ipotesi che sia un adenovirus a causare le epatiti, avanzata da qualche ricercatore, è di per sé improbabile, in quanto questo tipo di virus normalmente non è associato a malattie epatiche».

Impossibili fenomeni di ricombinazione con i virus usati in alcuni vaccini anti-Covid

«In ogni caso l’adenovirus contenuto nei vaccini a vettore adenovirale anti Sars-CoV-2 utilizzati in alcuni Paesi (in Italia AstraZeneca e Janssen), è geneticamente modificato in modo da non replicare nelle cellule del nostro organismo», spiega l’Iss. «Allo stato attuale delle conoscenze quindi, non sembrano biologicamente possibili i fenomeni di ricombinazione tra adenovirus circolanti e ceppo vaccinale. Questi infatti presuppongono il rimescolamento di geni tra virus mentre questi si moltiplicano, ma questo non è possibile per il vettore utilizzato per la vaccinazione», aggiunge.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Contatto con caso Covid, dopo quanto ci si positivizza?
Maga (Cnr): «I sintomi iniziano a manifestarsi dopo 2-3 giorni dal contatto Covid. Per sicurezza meglio aspettare almeno una settimana»
Quarta dose agli over 70, si partirà subito o in autunno con un vaccino nuovo?
A causa dell'aumento dei contagi ai tecnici del ministero della Salute è stato chiesto di anticipare l'estensione della somministrazione della quarta dose agli over 80. Inizialmente era prevista in autunno, in coincidenza con l'arrivo dei vaccini «aggiornati». Ora le cose potrebbero cambiare, anche se non tutti sono d'accordo
Usa, FDA raccomanda nuovi vaccini contro Omicron, si faranno a ottobre
Il Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC), un gruppo di consulenti indipendenti della FDA, ha approvato i piani per il lancio di vaccini di nuova formulazione per questo autunno
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...