Salute 26 Aprile 2022 11:42

Cresce l’allarme epatiti misteriose, a quali segnali fare attenzione?

Aumentano le segnalazioni di casi di epatite misteriosa. I sintomi possono essere generici, come nausea e letargia. In caso di ittero si raccomanda di andare in Pronto Soccorso

Cresce l’allarme epatiti misteriose, a quali segnali fare attenzione?

Ufficialmente i casi di epatite acuta di origini sconosciute registrati a livello globale sono arrivati a 169. Di questi, secondo quanto riferito dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), un bambino è morto e 17 hanno avuto bisogno di un trapianto di fegato. Ma potremmo essere dinanzi solo alla «punta di un iceberg». I virologi temono infatti che il vero bilancio potrebbe essere più alto. Molto dipende dai segnali di avvertimento che i genitori riescono a intercettare.

I segnali a cui i genitori dovrebbero fare attenzione per individuare l’epatite

L’ittero, che consiste nell’ingiallimento della pelle o degli occhi, può essere certamente un segnale rivelatore di malattie del fegato. Ma si tratta di un sintomo individuato in meno della metà dei bambini malati. Altri segnali sono nausea, diarrea, letargia e dolori di stomaco, che purtroppo vengono spesso attribuiti ad altre cause, come un norovirus o un’intossicazione alimentare. I genitori dovrebbero allertarsi nel caso in cui questi sintomi «più lievi» durassero più di una settimana. Mentre in presenza di ittero dovrebbero andare in Pronto Soccorso.

L’attuale numero delle epatiti misteriose potrebbe essere solo la «punta dell’iceberg»

Simon Taylor-Robinson, un epatologo dell’Imperial College di Londra, ritiene che i casi possano essere molti di più. «Penso che ci siano più casi là fuori», dice. «Diciassette trapianti è un numero piuttosto alto per quanti casi abbiamo individuato. Immagino che ce ne siano di più di quelli segnalati, ma è probabile che siano meno gravi». In totale, sono dodici i paesi che hanno segnalato casi di origine sconosciuta, di cui 114 nel Regno Unito e 11 negli Usa. Qualche caso è stato segnalato in Italia, Danimarca, Irlanda, Paesi Bassi, Francia, Norvegia, Romania e Belgio.

Sileri: «In Italia sono state registrate 11 segnalazioni di epatite pediatrica»

Secondo quanto riferito dal Sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, in Italia al momento si contano 11 segnalazioni, delle quali due rispondono alla definizione di caso fornita dall’Oms, per altre quattro si attende l’esito degli approfondimenti, e due riguardano adolescenti di età superiore ai dieci anni, per uno dei quali si è reso necessario il trapianto di fegato.

Le ipotesi sulle possibili cause delle epatiti misteriose

Gli esperti ritengono che la malattia possa essere scatenata da un adenovirus, di solito responsabile del raffreddore. Tra le ipotesi c’è quella secondo cui i lockdown, dovuti alla pandemia, potrebbero aver indebolito l’immunità dei bambini e averli resi più suscettibili al virus oppure potrebbe essere una versione del virus mutata. Le indagini sono in corso e gli scienziati devono ancora escludere l’eventualità che la causa sia una nuova variante Covid. Un’altra teoria è che i bambini potrebbero aver avuto l’adenovirus contemporaneamente al Covid.

Il possibile ruolo di un indebolimento dell’immunità dovuto ai lockdown

Quello che è stato escluso è il vaccino anti-Covid. Nel Regno Unito, ad esempio, nessuno dei bambini malati è stato vaccinato per la loro età. Stessa cosa negli Usa. «Penso che sia probabile che i bambini che si mescolano negli asili e nelle scuole abbiano un’immunità agli adenovirus stagionali inferiore rispetto agli anni precedenti a causa delle restrizioni», dice Taylor-Robinson. «Questo significa che potrebbero essere più a rischio di sviluppare l’epatite perché la loro risposta immunitaria al virus è più debole», aggiunge. Ma per il momento gli esperti invitano a non allarmarsi e assicurano che la situazione verrà costantemente monitorata.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Trapianti: nuove speranze da fegato di maiale attaccato esternamente al corpo umano
Un team del chirurghi dell’Università della Pennsylvania ha attaccato esternamente il fegato di un maiale a un corpo umano cerebralmente morto e lo hanno osservato filtrare con successo il sangue. Si tratta di un passo in avanti verso la possibilità di provare la stessa tecnica anche in pazienti con insufficienza epatica
Risolto il mistero delle epatiti pediatriche, colpa di co-infezioni da virus comuni
Sembra essersi finalmente risolto il mistero delle cause dell'ondata di epatiti acute gravi che, nella primavera del 2022, poco dopo la fine dei lockdown per Covid-19, hanno colpito oltre un migliaio di bambini in 34 paesi diversi, Italia compresa. Tre studi, appena pubblicati sulla rivista Nature, hanno collegato questi focolai di epatite pediatrica a co-infezioni causate da più virus comuni
Rinnovato il Protocollo d’Intesa tra Ministero della Salute e Smile House Fondazione Onlus Roma
Il Sottosegretario al Ministero della Salute Pierpaolo Sileri e il Vicepresidente della Smile House Fondazione Onlus Domenico Scopelliti hanno sottoscritto oggi, presso la sala Anselmi del Ministero della Salute, il rinnovo del Protocollo di Intesa tra il Ministero della Salute e la Fondazione, siglato nel 2008 e confermato nel 2016
Accordo Italia-Usa per trapianti incrociati di rene
Il ministero della Salute ha siglato un accordo con gli Usa per un programma pilota di scambio di donatori di rene per pazienti in attesa di un trapianto
Giornata Mondiale delle Epatiti, la lotta in tre mosse: vaccini, diagnosi e trattamenti
Mastroianni (SIMIT): «Attendiamo che venga approvato un nuovo farmaco per l’Epatite Delta, unico per meccanismo d’azione e somministrazione. Il virus dell’Epatite Delta, scoperto nel 1977, causa la forma più severa di tutti i virus epatitici. Questa terapia innovativa permetterà di trattare pazienti che prima non potevano ricevere alcuna terapia»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...