Covid-19, che fare se...? 5 Aprile 2022 12:50

Quali sono i sintomi della nuova variante XE?

I sintomi della variante XE sono simili a quelli delle varianti Omicron e cioè naso che cola, starnuti e mal di gola

Quali sono i sintomi della nuova variante XE?

I dati attualmente in nostro possesso sulla variante XE non permettono di trarre conclusioni sulla trasmissibilità, sulla gravità o sull’efficacia del vaccino. Tuttavia, ci sono alcune ipotesi a riguardo. Oltre alla maggiore contagiosità, sembra che la variante XE non si presenti con sintomi nuovi rispetto alle sue varianti «sorelle», Omicron 1 e Omicron 2 (BA.1 e BA.2).

I sintomi della variante XE sono molto simili a quelli di un raffreddore

Poiché la sottovariante è nuova, la situazione potrebbe cambiare ma al momento non si pensa che XE abbia nuovi sintomi o almeno è quello che riferiscono le autorità del Regno Unito, dove la nuova versione del virus Sars-CoV-2 è stata rilevata la prima volta a gennaio scorso. Considerato che la variante XE è un mix di Omicron 1 e Omicron 2, è probabile che i sintomi siano molto simili. Tra quelli più segnalati nelle infezioni collegate alla variante Omicron molti sono quasi sovrapponibili a quelli di un raffreddore, specialmente nelle persone che sono state vaccinate.

Naso che cola, starnuti e mal di gola sono tra i sintomi più comuni

I sintomi quindi includono naso che cola, starnuti, mal di gola. Sono molto diversi rispetto a quelli legati alla versione originale del virus Sars-CoV-2 che erano generalmente febbre, tosse e perdita del gusto e dell’olfatto. Tuttavia, l’elenco ufficiale dei sintomi generali di Covid-19 del Servizio sanitario inglese è stato ampliato lo scorso lunedì per includere nove nuovi segni della malattia. Tra quelli secondo cui le autorità britanniche bisognerebbe prestare attenzione ci sono: mancanza di respiro, sensazione di stanchezza o di esaurimento, corpo dolorante, mal di testa, mal di gola, naso chiuso o che cola, perdita di appetito, diarrea, sensazione di malessere o malessere.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Usa, FDA raccomanda nuovi vaccini contro Omicron, si faranno a ottobre
Il Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC), un gruppo di consulenti indipendenti della FDA, ha approvato i piani per il lancio di vaccini di nuova formulazione per questo autunno
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Arrivano le zecche, attenzione alla malattia di Lyme
Inverno mite e primavera con temperature elevate hanno contribuito alla diffusione delle zecche. L’area più colpita è l’Europa centrale, dove si segnala un 20,7% di infezioni, a seguire l’Asia orientale con il 15,9% e l’Europa occidentale con il 13,5%. Antonella D’Arminio Monforte, direttore della struttura complessa di malattie infettive Santi Paolo e Carlo Milano spiega come affrontarle e le possibili conseguenze
Con Omicron il rischio Long Covid è più basso
Uno studio del King's College London ha dimostrato che il rischio di sviluppare il Long Covid è più basso con Omicron
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali