Salute 28 Luglio 2022 09:35

Giornata Mondiale delle Epatiti, la lotta in tre mosse: vaccini, diagnosi e trattamenti

Mastroianni (SIMIT): «Attendiamo che venga approvato un nuovo farmaco per l’Epatite Delta, unico per meccanismo d’azione e somministrazione. Il virus dell’Epatite Delta, scoperto nel 1977, causa la forma più severa di tutti i virus epatitici. Questa terapia innovativa permetterà di trattare pazienti che prima non potevano ricevere alcuna terapia»

di Isabella Faggiano

Eradicare l’Epatite C e iniziare la somministrazione della nuova terapia per l’Epatite Delta di prossima approvazione: sono queste le due priorità a cui mira il mondo scientifico e su cui sono puntati i riflettori in occasione della Giornata Mondiale delle Epatiti promossa dall’OMS, che si celebra ogni anno il 28 luglio per incentivare la lotta alle epatiti virali. Una battaglia che può essere vinta attraverso tre azioni cruciali: prevenzione, identificazione e trattamento.

Epatite Delta: una nuova cura all’orizzonte

«Non tutte le epatiti sono uguali – spiega il professore Claudio Mastroianni, presidente SIMIT, la Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali -, alcune possono essere curate, altre solo prevenute attraverso le vaccinazioni. La novità del 2022 è rappresentata dal nuovo farmaco bulevirtide per l’Epatite Delta, di prossima approvazione, unico per meccanismo d’azione e somministrazione. Il virus dell’Epatite Delta, scoperto nel 1977 da un italiano, il professor Mario Rizzetto, causa la forma più severa di tutti i virus epatitici e si manifesta solo nelle persone affette da Epatite B. Purtroppo – aggiunge il presidente SIMIT – non ci sono dati accurati sulla prevalenza dell’Epatite Delta sia nel mondo che in Italia, anche per la mancanza di un trattamento efficace. Ora, finalmente, grazie a questa terapia innovativa potremmo trattare pazienti che prima non potevano ricevere alcuna terapia».

L’Epatite C

Quando questo nuovo trattamento verrà approvato l’obiettivo sarà la sua eradicazione, prospettiva a cui si mira già da diverso tempo per l’Epatite C. Grazie ai nuovi farmaci antivirali ad azione diretta (DAA) l’Epatite C, infatti, potrebbe essere definitivamente eradicata, purtroppo però resta ancora un enorme ostacolo da superare: l’identificazione del sommerso. «L’Italia è ancora in linea con l’obiettivo dell’OMS di eliminare l’Epatite C entro il 2030, ma occorre uno sforzo in più – ribadisce Claudio Mastroianni -. È fondamentale lo screening, anche perché la terapia, oltre a curare il paziente, diventa anche un importante mezzo di prevenzione per bloccare la trasmissione del virus».

Che fine hanno fatto i fondi stanziati?

In Italia sono stati stanziati 71,5 milioni per lo screening gratuito per fasce di età e in popolazioni chiave, ma l’implementazione delle azioni da mettere in atto non sono attivate in tutte le Regioni. Alcune hanno realizzato vere e proprie politiche di screening, o quantomeno avviato dei piani, come Basilicata, Liguria, Veneto, Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Molise, Abruzzo, Valle d’Aosta. Il 31 dicembre 2022 i fondi scadono e bisogna capire quali siano stati i problemi di questi mesi e come si possa rilanciare la lotta all’Epatite C.

«Innanzitutto, è necessario prorogare questa scadenza – dice Mastroianni -. Poi, bisogna muoversi in molteplici direzioni: si devono implementare, a livello regionale, tutte le politiche di screening su popolazioni target come detenuti presso gli istituti penitenziari e persone seguite dai servizi pubblici per le dipendenze (SerD) e far emergere il sommerso nelle fasce d’età previste nel decreto ministeriale. A queste politiche, solo in parte attuate – continua il presidente SIMIT – si dovrebbe aggiungere uno screening opportunistico, che permetta di effettuare un test ogni qual volta una persona abbia la possibilità di farlo».

Le epatiti pediatriche misteriose

Negli ultimi mesi sono state le epatiti severe di origine sconosciuta nei bambini a destare maggiore preoccupazione. L’allarme è scattato i primi giorni di aprile, quando il Regno Unito ha segnalato un aumento degli episodi di epatiti virali acute pediatriche dalle cause ignote. «Nel nostro Paese la situazione è rimasta sempre sotto controllo: se negli altri Paesi è stato necessario un trapianto di fegato in circa il 10% dei casi, in Italia ne ha avuto bisogno un unico bambino – dice il professore -. Questo significa che nell’anno in corso la media dei trapianti epatici in Italia è uguale a quella dello stesso periodo dello scorso anno. Tali dati testimoniano che questa forma di epatite virale pediatrica, pur rimanendo “misteriosa”, poiché ad oggi non se ne conoscono ancora le cause scatenanti, non deve destare alcun allarme», assicura il presidente SIMIT.

Le altre forme di epatiti

Per l’Epatite B, invece, l’Italia è un esempio virtuoso: «Dal 1991 – racconta Mastroianni – è stata introdotta la vaccinazione che ha reso questa forma di epatite quasi del tutto assente nella popolazione under 40. Anche se restano tuttora “scoperte” le altre fasce di età e coloro che non sono nati in Italia».

A completare il quadro delle Epatiti vi sono la A e la E, forme autolimitanti, trasmissibili per via oro-fecale. Non provocano problemi particolari, tranne rari casi. Per l’Epatite A sono disponibili due vaccini, raccomandati soprattutto per i soggetti a rischio: chi viaggia in Paesi dove l’infezione è endemica, chi lavora in ambienti a contatto con il virus, tossicodipendenti, contatti familiari di chi ha l’Epatite A. L’Epatite E può destare apprensione in gravidanza o nei soggetti immunocompromessi, principio che vale per ogni patologia. Dopo un picco di casi nel 2019, in Italia vi è stata una costante riduzione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Epatiti misteriose, casi in aumento. Gli esperti: «Non si interrompa il monitoraggio»
I casi di epatite misteriosa continuano a salire e l'Associazione italiana per lo studio del fegato invita a non abbassare la guardia
Cresce l’allarme epatiti misteriose, a quali segnali fare attenzione?
Aumentano le segnalazioni di casi di epatite misteriosa. I sintomi possono essere generici, come nausea e letargia. In caso di ittero si raccomanda di andare in Pronto Soccorso
Giornata mondiale epatiti, Simit: «Ripartire presto con screening per Hcv»
Una tavola rotonda online rilancia le politiche contro le Epatiti. Proposto dal professor Massimo Galli l’abbinamento di test salivari per epatite c e sierologici per covid-19 al vaccino antinfluenzale per gli over 65
In Italia trasfusioni sicure, nessuna infezione da HIV e epatiti da 10 anni. Il Ministro risponde…
Da oltre dieci anni non ci sono segnalazioni di infezioni da HIV ed epatite a seguito di trasfusione. Lo ricorda il Centro Nazionale Sangue, organo tecnico del Ministero della Salute e Autorità Competente con funzioni di coordinamento e controllo tecnico-scientifico del sistema trasfusionale nazionale, in riferimento alla sentenza di ieri della Corte D’Appello di Roma sugli […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale