Salute 27 Luglio 2022 13:02

Epatite misteriosa, virus solitamente «innocuo» all’origine dell’epidemia

Due studi britannici hanno individuato il virus adeno-associato 2 come possibile causa dell’epatite misteriosa che ha colpito oltre mille bambini in tutto il mondo. L’infezione Covid-19 viene scagionata

Epatite misteriosa, virus solitamente «innocuo» all’origine dell’epidemia

Covid-19 non è il diretto responsabile dell’epidemia di epatite misteriosa che ha colpito molti bambini in tutto il mondo. Ma i lockdown imposti in pandemia potrebbero davvero aver giocato un ruolo importante. Ora gli scienziati hanno individuato un virus solitamente innocuo come principale colpevole dell’insolita infezione, che ha colpito oltre mille bambini e ragazzi in 35 paesi e che ha causato almeno 22 decessi. Due studi separati hanno concluso che il virus adeno-associato 2 (AAV2) sembra svolgere un «ruolo significativo».

L’epatite misteriosa è causata da una doppia infezione

Il virus, che normalmente non causa alcuna malattia, non può replicarsi senza un agente patogeno che lo aiuta, come un adenovirus, che di solito causa solo sintomi simili al raffreddore. La circolazione degli adenovirus è aumentata in linea con questo focolaio di epatite misteriosa. Secondo gli esperti, questo sarebbe dovuto al fatto che i bambini avevano un’immunità più debole quando hanno cominciato a ritornare alla normalità. Per questo, un team di ricercatori sostenuti dall’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito ritiene che la doppia infezione con questi due virus possa offrire la migliore spiegazione per questa misteriosa epidemia.

Due studi mostrano un legame tra epatite misteriosa e il virus AAV2

Fino ad ora, gli scienziati erano molto confusi circa la causa principale della malattia, con teorie che incolpavano lo stesso Covid o addirittura una mutazione in un ceppo di adenovirus. Nel complesso, i due studi (uno pubblicato su medRxiv e l’altro in via di pubblicazione) che hanno esaminato dozzine di bambini in tutto il Regno Unito, hanno rilevato che il 96% dei bambini con epatite misteriosa aveva
«livelli elevati» di AAV2. Per fare un confronto, solo il 4 per cento dei giovani sani è risultato positivo all’AAV2 e a livelli molto più bassi.  Antonia Ho, autrice principale degli studi, ha affermato che i lockdown e le restrizioni per l’emergenza Covid-19 hanno portato a
«una circolazione molto ridotta di virus stagionali». Ora che i giovani sono ritornati alla vita pre-pandemia «diversi tipi di virus» hanno iniziato a circolare.

L’Oms ha segnalato 1.010 casi di epatite misteriosa e 22 decessi

Le persone colpite dall’epatite misteriosa hanno principalmente sotto i cinque anni d’età. Inizialmente sperimentano diarrea, vomito e mal di stomaco, seguiti poi da ittero, l’ingiallimento della pelle. In alcuni casi è stato necessario il ricovero in ospedale e tra questi il 40% è stato ricoverato in terapia intensiva. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha segnalato almeno 1.010 casi in 35 paesi. Quasi 50 casi hanno richiesto trapianti di fegato e 22 sono i morti associati alla malattia.

Nello studio scozzese tutti i pazienti con epatite misteriosa avevano AAV2

I due studi, che non sono stati ancora sottoposti a revisione paritaria, suggeriscono che l’AAV2 sia coinvolto nell’epidemia di epatite misteriosa. Il primo studio, condotto dall’MRC-University of Glasgow Center for Virus Research (CVR), ha esaminato nove bambini in Scozia, di età media di quattro anni. Sono stati tutti ricoverati in ospedale tra il 14 marzo e il 4 aprile e sono rimasti in media 10 giorni sotto le cure del SSN. Nessuno ha richiesto trapianti di fegato. Gli scienziati hanno estratti il DNA dai campioni di sangue, fegato, feci e gola dei piccoli pazienti. I risultati sono stati confrontati con quelli di 58 giovani sani. Ebbene, AAV2 è stato rilevato in tutti e nove i pazienti affetti da epatite ma in nessuno dei gruppi di controllo.

La gravità della malattia dipende da una causa immuno-mediata

In un’analisi separata, i ricercatori hanno esaminato la genetica dei pazienti con epatite. Hanno così rilevato che quasi nove giovani su 10 con epatite (89%) ha il complesso dell’antigene leucocitario umano, rispetto a meno di due su 10 (16%) nella popolazione generale. Questa scoperta potrebbe svelare un altro pezzetto del misterioso motivo per cui alcuni bambini si sono ammalati gravemente.
«Il gene stesso è importante perché codifica per un recettore che presenta virus o altri agenti patogeni al sistema immunitario», spiega Emma Thomson, professoressa clinica e consulente in malattie infettive presso il CVR e autrice senior dello studio scozzese. «E quindi questo suggerisce che potrebbe esserci un collegamento a una causa immuno-mediata dell’epatite innescata da virus», aggiunge.

Raramente AAV2 è stato riscontrato nei bambini senza epatite misteriosa

Tuttavia, la scienziata ha detto che erano necessari ulteriori studi per confermare il coinvolgimento di questo gene. Il secondo studio, condotto dal Great Ormond Street Hospital (GOSH) e dall’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito, ha esaminato 28 bambini con epatite in Gran Bretagna. La loro analisi includeva campioni di fegato di cinque bambini che necessitavano di un trapianto e campioni di sangue degli altri giovani che non avevano bisogno di accedere a questa procedura. Quasi tutti i bambini sono risultati positivi per AAV2. Per fare un confronto, l’AAV2 era presente «solo molto raramente» al di fuori di questo gruppo, tra appena il 6% dei bambini sani e a «livelli molto più bassi».

Entrambi gli studi scagionano l’infezione Covid-19

Il sequenziamento dei campioni di fegato ha mostrato che AAV2 era presente e si era diffuso all’interno dell’organo. Entrambi gli studi hanno escluso che un’infezione da Covid recente o precedente abbia causato l’epatite. I test hanno mostrato che solo due terzi dei malati di epatite avevano anticorpi Covid  e il virus non era presente in nessuno dei campioni di fegato. Nessuno dei giovani era stato vaccinato contro il Covid. Thomson ha affermato che AAV2 potrebbe essere utilizzato come un «biomarcatore utile» di una recente infezione da adenovirus, che potrebbe essere alla base dei casi di epatite misteriosa. «Ci sono molte domande senza risposta e sono urgentemente necessari studi più ampi per indagare il ruolo dell’AAV2 nei casi di epatite pediatrica», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quando e perché il cibo può fare paura fino a diventare fobia. Il parere dell’esperto
Gianluca Castelnuovo, psicologo, dirige il centro specializzato dell’istituto Auxologico di Milano: «La citofobia colpisce in particolare i bambini, l’età media è di 12,9 anni, l’insorgenza della patologia è determinata da un evento traumatico. È bene rivolgersi ad un centro specializzato dove esiste una interdisciplinarità tra professionisti»
Covid-19: il superpotere dei bambini è nel naso, ma con Omicron non funziona
Uno studio australiano dimostra che l’epitelio nasale dei più piccoli è capace di “bloccare” l’infezione da Covid-19 inibendo la replicazione del ceppo originario del coronavirus Sars-CoV-2, fino alla variante Delta. Capacità che, però, sembrerebbe del tutto sparita con la variante Omicron
Viaggiare in sicurezza. Ad ogni bambino il suo seggiolino: come scegliere quello giusto
Altroconsumo ne ha testati 165, l’esperta: «Li abbiamo messi a dura prova, a velocità e decelerazioni più severe di quelle utilizzare durante i comuni test che verificano la presenza dei requisiti minimi di legge necessari all’omologazione». Ecco chi ha vinto la medaglia d’oro
Epatite Delta, la meno nota è anche la più aggressiva e pericolosa
L'epatite Delta è la più aggressiva fra tutte le epatiti. Con l’obiettivo di fare il punto sulla patologia e di descriverne l’impatto clinico e socioeconomico è stato costituito, in collaborazione con True News, un Gruppo di Lavoro multidisciplinare, composto da clinici, epidemiologi, economisti sanitari, esperti di HTA e di organizzazione sanitaria
Bambini: sport anche in estate? Lo specialista dice sì, ma con qualche accorgimento
Il sudore non va mai temuto, l’esperto: «È l’assenza di sudorazione durante l’attività fisica a dover destare preoccupazione e non il contrario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale