Voci della Sanità 25 Marzo 2022 17:52

Sanità, alla deputata Michela Rostan il titolo di ‘Ambassador ACE’ per l’impegno nella lotta all’Epatite C

«Puntare su screening per debellare il virus entro il 2030»

ACE, Alleanza contro le epatiti, celebra i suoi dieci anni di attività conferendo a Roma, nell’ambito del “54th ANNUAL MEETING” dell’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato – AISF, il titolo di “Ambassador ACE” alle Onorevoli Michela Rostan ed Elena Carnevali e alla dottoressa Sabrina Valle, per il costante impegno profuso nell’attività di awareness e sensibilizzazione nella lotta alle epatiti virali, nell’ambito del proprio ruolo istituzionale, a tutela del paziente e nell’incessante supporto al perseguimento del Target dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, di eliminazione della patologia in Italia, entro il 2030.

«Essere tra le prime “Ambassador ACE” – ha dichiarato Michela Rostan Vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera – è motivo per me di grande orgoglio e mi spinge a proseguire con ancora più determinazione tutte le attività messe in campo nel corso di questi anni, a tutela dei pazienti e delle loro famiglie. In tal senso, proprio il mese scorso, ho presentato in Aula un Ordine del Giorno, accolto e approvato dal Governo, per sollecitare la proroga dello screening HCV al 31 dicembre 2023 e l’ampliamento della fascia di popolazione oggetto di tale screening, anche ai nati dal 1943 al 1968, al fine di identificare il reale sommerso della patologia. Con l’Associazione pazienti e le Società Scientifiche abbiamo intrapreso un cammino comune, focalizzato sulla comprensione della patologia e sull’individuazione delle migliori soluzioni normative, funzionali al perseguimento dell’obiettivo dell’organizzazione mondiale della sanità, che sono certa raggiungeremo insieme, di eradicare la patologia in Italia entro il 2030».

«Conscia delle ulteriori sfide che ci aspettano – ha aggiunto la deputata partenopea – per fare diventare l’Italia sempre più punto di riferimento, a livello europeo e mondiale, nell’ambito del contrasto alla patologia, dobbiamo lavorare sodo per restituire alla comunità e alle proprie famiglie pazienti guariti definitivamente, produttivi e in piena salute».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali