Salute 21 Aprile 2022 11:41

Quarta dose? Abrignani: «Sì per over 80, in autunno possibile vaccino contro varianti e influenza»

Per l’immunologo dell’Istituto di Genetica Molecolare “Romeo ed Enrica Invernizzi” dell’Università Statale di Milano meglio non rinunciare alle mascherine nei luoghi chiusi in attesa di avere un possibile vaccino in grado di neutralizzare efficacemente Omicron

Quarta dose? Abrignani: «Sì per over 80, in autunno possibile vaccino contro varianti e influenza»

«La quarta dose per tutti oggi sarebbe inutile, non cambierebbe la situazione rispetto alla terza dose nei soggetti senza patologie, invece nei fragili e negli ultraottantenni è necessaria perché in generale, rispondono poco ai vaccini e secondo uno studio Israeliano riduce significativamente il rischio di forme severe della malattia».

L’immunologo Sergio Abrignani dell’Istituto di Genetica Molecolare “Romeo ed Enrica Invernizzi” dell’Università Statale di Milano non ha dubbi, neppure alla luce dello scenario che si sta delineando in paesi come la Cina (Shangai) e gli Stati Uniti (Philadelphia), dove il virus corre sempre più veloce e costringe milioni di persone nuovamente in lockdown.

«I dati disponibili oggi dicono che sotto i 60 anni non ci sarebbe alcun vantaggio significativo nel proteggere dall’infezione e dalla malattia – ribadisce –. Per la stragrande maggioranza della popolazione meglio attendere in autunno quando potrebbe arrivare, se i dati degli studi clinici saranno positivi, un nuovo vaccino combinato, composto da mRNA codificante per la spike di Wuhan, la spike di Omicron e l’emagglutinina del virus influenzale. Si tratta di un vaccino trivalente che potrebbe proteggere le vie aeree dalle ultime varianti di SARS-Cov-2 e dall’influenza stagionale».

I vaccini anti Covid oggi in commercio si basano sul ceppo Wuhan, il che significa che se due anni fa erano estremamente efficaci, (90-95%) sia per proteggere dall’infezione che da forme severe della malattia, oggi con tre dosi proteggono sempre al 90/95% solo dalla malattia severa, ma molto meno dall’infezione (60%). «Mi preme anche dire che prima di pensare alla quarta dose, dovremmo impegnarci per vaccinare con la terza dose quei milioni di italiani, soprattutto ultra cinquantenni, che hanno ricevuto due sole dosi di vaccino, che non si sono infettati col virus (cosa che vale come terza dose) e che forse non sanno che pochi mesi dopo la seconda dose, la protezione dalla malattia serena scende dal 90 al 60/70%», rimarca l’immunologo.

Un quarto degli italiani infettati da Omicron

Che la pandemia non sia finita è un dato di fatto tanto che il virus circola ancora in modo pandemico. Ma niente allarmismi si raccomanda Abrignani: «Siamo in un momento, in Italia, dove almeno un quarto della popolazione si è già infettata con Omicron a partire dal 15 dicembre. Abbiamo avuto più della metà delle infezioni di due anni di pandemia in quattro mesi. Quindi siamo ancora in pandemia, ma, grazie alle vaccinazioni, siamo in una fase gestibile senza misure emergenziali. Gli ospedali hanno un numero di ricoveri al di sotto del 15 percento e le terapie intensive sono assolutamente sotto controllo. In ospedale la stragrande maggioranza delle diagnosi sono occasionali – sottolinea -. La gente entra per altre patologie e poi risulta positivo al Covid, e viene messo in isolamento perché infettivo».

«Mascherine? Meglio tenerle nei luoghi chiusi»

Mascherine sì o no, il dibattito che si è acceso negli ultimi giorni ha creato ancora una volta due fazioni contrapposte. Chi ritiene utile mantenere l’uso in ambienti chiusi e chi invece sarebbe orientato alla scelta inglese del liberi tutti. In attesa di conoscere le decisioni del governo, Abrignani fa le sue considerazioni: «È provato che le mascherine, in particolare le Fp2, tendono a mitigare il rischio di infezioni e la diffusione del virus. Quindi, in una fase in cui c’è ancora una elevata circolazione del virus, come oggi, portare la mascherina al chiuso è raccomandabile, in particolare per soggetti fragili e ultraottantenni».

«Continuiamo ad inseguire questo virus – puntualizza Abrignani -. Da ottobre 2020 a dicembre 2021 ha sviluppato tre varianti importanti: Alfa, Delta e Omicron (inglese, indiana e sudafricana) in cui è aumentata l’infettività. Siamo passati da R0 di 2,5 con Wuhan a 4 di Alfa, con Delta è arrivato ad un R0 di 6, mentre con la Sudafricana addirittura a 12. Quindi pensare che possa arrivare una variante ancora più infettiva è difficile, ma non impossibile. Allo stesso modo è possibile che, se si dovessero sviluppare altre varianti poco riconosciute dalla risposta immunitaria indotta dal vaccino in uso, saremo in grado di avere nuovi vaccini in pochi mesi. Quindi possiamo ringraziare i vaccini anti Sars-Cov2 presenti e futuri, perché sono l’unica vera arma con cui addomesticare questo virus».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Usa, FDA raccomanda nuovi vaccini contro Omicron, si faranno a ottobre
Il Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC), un gruppo di consulenti indipendenti della FDA, ha approvato i piani per il lancio di vaccini di nuova formulazione per questo autunno
Ricompare la poliomielite in Europa, in Gb massima allerta
Nel Regno Unito è stato segnalato un potenziale focolaio di poliomielite, in seguito al ritrovamento di tracce del virus nelle acque reflue. Secondo l'Oms, ci sono oltre 100 paesi che non raggiungono la copertura vaccinale raccomandata
Il vaccino può causare il Long Covid?
Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali
Anticorpi monoclonali e antivirali efficaci anche contro nuove sottovarianti di Omicron
Zazzi, co-presidente ICAR: «Si inizia a capire meglio quali parti della proteina spike tendono a rimanere stabili nel tempo e questo aiuta molto nei criteri di selezione dei monoclonali. Le funzioni virali colpite dagli antivirali invece non sono soggette a forte evoluzione»
In autunno un test ci dirà se dobbiamo fare un nuovo vaccino anti-Covid?
Un nuovo test rapido del sangue è in grado di misurare l'immunità al virus Sars-CoV-2 e indicare, in questo modo, l'opportunità di fare una nuova dose di vaccino
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...