Salute 10 Marzo 2022 10:56

Il Covid scompare dai media. Cartabellotta (Gimbe): «Virus non è sparito, c’è molta confusione»

Il Presidente Gimbe Nino Cartabellotta nell’intervista esclusiva a Sanità Informazione: «Fine dello stato di emergenza, circolazione endemica del virus e fine della pandemia non sono sinonimi». E mette in guardia sui profughi in arrivo dall’Ucraina

Causa guerra, l’attenzione dei media nei confronti del Covid è decisamente calata. E si fanno strada, nell’opinione pubblica, alcune discutibili convinzioni. Il virus non c’è più, la maggior parte degli italiani sono vaccinati e quindi protetti, le nuove varianti saranno meno aggressive. Ma è vero che la fine della pandemia è vicina e presto ci lasceremo tutto alle spalle?

Cartabellotta (Gimbe): «Serviranno 7-10 giorni per comprendere la risalita della curva»

Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, non la pensa affatto così. Nell’intervista esclusiva al nostro giornale spiega perché è importante continuare a tenere sotto controllo la situazione epidemiologica – senza dubbio in netto miglioramento – senza lasciarsi andare a facili entusiasmi. La circolazione del virus è ancora molto elevata: lo dimostra il fatto che, dopo cinque settimane, i contagi sono tornati a salire. Quasi 40 mila nuovi casi al giorno, oltre 1 milione di positivi e un tasso di positività dei tamponi all’11,4%.

Il recente incremento di nuove infezioni, secondo il Presidente Gimbe, è la conseguenza di vari fattori fattori. Rilassamento della popolazione, diffusione della più contagiosa variante Omicron BA.2, persistenza del freddo, e calo della protezione vaccinale a qualche mese dalla dose booster. Serviranno 7-10 giorni per capire se la risalita della curva coincide con l’inizio di una nuova ondata o si tratta semplicemente di un semplice rimbalzo. Dati difficili da interpretare, al momento, ma da tenere sicuramente sott’occhio.

E non è finita qui. Nell’intervista esclusiva a Sanità Informazione, Cartabellotta lancia l’allarme sull’arrivo dei rifugiati ucraini in Italia per cui si rischia “l’emergenza nell’emergenza”. Il 64% dei profughi che stanno scappando dalla guerra non sono vaccinati per vari motivi, primo fra tutti quello religioso. Come gestire l’inaspettata situazione?

Presidente Cartabellotta, fine dello stato di emergenza, circolazione endemica del virus e fine della pandemia sono sinonimi?

«Assolutamente no e si sta facendo molta confusione. La fine dello stato di emergenza ha una data ben definita – il 31 marzo 2022 – e coincide con l’inizio della gestione ordinaria della pandemia. In particolare, con il passaggio alle Regioni di una serie di responsabilità che erano in capo alla struttura del commissario Figliuolo con l’utilizzo di strumenti di gestione straordinaria. Questa fase, nella narrazione pubblica, si sta allineando con termini che hanno un significato completamente diverso. La circolazione endemica del virus si ha nel momento in cui, nei momenti di massima circolazione – e solo il prossimo autunno inverno ci dirà se siamo nella fase endemica – non ci saranno segni di sovraccarico né a livello territoriale né, soprattutto, a livello ospedaliero».

Non si può parlare di fine della pandemia?

«La fine della pandemia è una campanella che deve suonare l’Organizzazione mondiale della sanità. Noi ci auguriamo il più presto possibile, ma si tratta della scadenza di un qualcosa di straordinario che deve essere allineata. È certo che in questo momento ci troviamo in una fase molto favorevole della pandemia, una sorta di best case. Sta arrivando la stagione primaverile, scendono quasi tutti gli indicatori: ospedalizzazioni, terapie intensive, e decessi. Siamo in una fase di coperture vaccinali e terze dosi molto elevate. Il problema è che noi in autunno avremmo una situazione opposta: stagionalità del virus che favorisce la circolazione e declino delle coperture vaccinali. Inoltre, non sappiamo ancora quando sarà richiesta un’ulteriore dose soprattutto per i soggetti anziani e fragili».

Lei ha lanciato un allarme sulla guerra e sui profughi in arrivo. Esiste la possibilità di nuove varianti e del riacutizzarsi del problema Covid qui in Italia?

«Il dato oggettivo è che l’Ucraina ha il 64% di persone non vaccinate e conquista questo triste primato in Europa. È ovvio che ci sarà un’importante circolazione di profughi che arriveranno in Italia, seppur in misura nettamente minore rispetto a Polonia e paesi confinanti. Al momento è impossibile prevedere di quante persone si tratterà. Immaginare l’emergenza di nuove varianti è un’ipotesi un po’ azzardata fermo restando che situazioni di elevata circolazione virale e bassi tassi di coperture vaccinali sono condizioni favorenti ma con numeri molto elevati. È indubbio che la protezione vaccinale è fondamentale soprattutto per le persone anziani e fragili che rischiamo di andare in ospedale».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli
Nel Regno Unito c'è un acceso dibattito sull'opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l'inquinamento e per il risparmio economico
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Cartabellotta (Gimbe): «Netto calo contagi. Scelta azzardata rimandare all’autunno quarta dose dei vulnerabili»
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe rileva una diminuzione dei nuovi casi in quasi tutto il territorio nazionale. Disattesi appelli Gimbe e delle istituzioni sulla copertura con la quarta dose delle persone vulnerabili
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...