Salute 9 agosto 2018

Clownterapia, Andrea Tudisco Onlus: perché una casa e un sorriso sono come una medicina

I Clown Dottori della Onlus Andrea Tudisco operano nei reparti pediatrici e specialistici degli ospedali romani. Il loro compito? Sdrammatizzare le pratiche sanitarie e trasformare paura, rabbia e tristezza in fiducia e speranza

La Clown-terapia utilizza le tecniche del clown e dei burattini, della comicità e dell’improvvisazione con l’obiettivo di alleggerire il ricovero del paziente – soprattutto dei bambini –  e facilitare le cure ospedaliere. I Clown Dottori sono figure professionali preparate per intervenire in contesti socio-sanitari; lavorano sempre in coppia, utilizzano strategie artistiche ma devono anche essere profondamente empatici. Il percorso formativo prevede un corso qualificante di formazione teorico e pratico, specifico per esercitare in un ambiente difficile come quello ospedaliero. Il rischio di un operatore non formato adeguatamente per il compito svolto, infatti, è quello di superdosare (o sottodosare) il proprio intervento o non saperlo adattare alla persona che si ha di fronte.

La figura del Clown Dottore negli ospedali è diventata, con il tempo, sempre più importante: attraverso il gioco, il sorriso e il buon umore, riesce a creare un positivo distacco dalla malattia, aiutando i pazienti a reagire contro la sofferenza. Il suo compito è sdrammatizzare le pratiche sanitarie e trasformare paura, rabbia e tristezza in fiducia e speranza. Insomma, un “ambasciatore del sorriso” che porta allegria e ottimismo; una gradita compagnia, una ventata di aria fresca, a detta di molti genitori che stanno affrontando momenti difficili.

Tutelare il diritto alla salute dei bambini, supportare il processo di umanizzazione delle cure e promuovere l’ascolto attivo volto al benessere di ogni paziente sono i punti fermi sui cui operano i Clown Dottori dell’Associazione Andrea Tudisco Onlus di Roma. L’associazione si occupa di bambini che non possono essere assistiti nelle strutture delle città dove risiedono e hanno bisogno di essere curati nei reparti specializzati degli ospedali romani. Per questo, nella “Casa di Andrea e di Tutti i Fiorellini del Mondo” ospita e assiste bambini con patologie gravi e le loro famiglie, per qualche mese. E non solo: a questo si aggiunge il servizio di accompagnamento da e per l’ospedale, il sostegno psicologico e le attività ludico-ricreative tra cui rientra la clownterapia. «Noi operiamo in tutti i reparti pediatrici del Policlinico Gemelli, Bambino Gesù e Sant’Andrea di Roma» spiega una giovane Clown Dottoressa ai microfoni di Sanità Informazione. «Abbiamo riscontrato sempre una risposta fantastica, tutti gli ospedali ci vorrebbero in tutti i reparti perché finalmente, dopo anni, hanno capito l’utilità dei nostri interventi – prosegue un Clown Dottore dell’associazione -. La nostra speranza è riuscire ad essere presenti in tutti gli ospedali».

La Clownterapia è un supporto fondamentale al percorso di cura perché genera un sensibile miglioramento del clima nel quale si affrontano le terapie. L’obiettivo è restituire al bambino il mondo di gioco e allegria “sottratto” dal ricovero. E nell’ambito degli strumenti e delle modalità utilizzabili per contribuire all’umanizzazione dei servizi socio-sanitari, la clownterapia è tra le tecniche più efficaci. Fare in modo che in ospedale ci siano luoghi accoglienti e spazi dove adulti e bambini  si possano sentire a proprio agio ed affrontare in modo più sereno le terapie, è sempre più importante: «Chi entra in ospedale, molto spesso, perde la propria dignità; per questo è così fondamentale “normalizzare” questo percorso, far sentire il paziente “un po’ come a casa sua”, coccolato, in modo che possa avere l’energia per combattere la malattia. Noi pensiamo che sia una cosa molto utile su cui lavorare e a cui sarebbe opportuno dedicare più tempo» concordano tutti gli operatori professionisti.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Giuseppe Pulina (Carni Sostenibili): «Ecco perché non va demonizzata la bistecca»
«Non può esistere una dieta valida per tutti: il regime alimentare dipende da tanti fattori. Una dieta varia, completa e sostenibile è da preferire. No a criminalizzare la carne» parla il Professor Giuseppe Pulina, Presidente dell’associazione Carni sostenibili
Lancet lancia la dieta sana “universale”: ecco cosa prevede
Secondo il report della prestigiosa rivista scientifica, per preservare la nostra salute e quella del pianeta è necessario raddoppiare i consumi “vegetali” di legumi e frutta secca e dimezzare quelli di carne rossa. Ma il limite di a 14 grammi al giorno fa discutere la comunità scientifica...
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»
«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso "Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)
di Lucia Oggianu
Neoplasie ematologiche, 33mila italiani colpiti ogni anno da tumore del sangue, ma mortalità ridotta grazie a nuove terapie
I maggiori esperti di fama internazionale nel campo dell’ematologia oncologica e non riuniti a Bologna dal 14 al 16 febbraio per presentare tutte le novità e i progressi livello biologico e terapeutico, in tema di linfomi, CAR-T cell, leucemie acute, leucemia linfatica cronica, mielodisplasie e mieloma multiplo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...