Salute 20 giugno 2017

I primi 10 anni di Emergenza Sorrisi: cooperazione tra onlus, imprese e altre realtà la chiave per le nuove sfide

Takeda, realtà leader nella farmaceutica, pronta a proseguire il suo impegno al fianco del professor Abenavoli. Il Direttore Lombardi: «Cure per noi scontate, in alcuni luoghi sono una fortuna: doveroso aiutare questi popoli»

L’appello alla cooperazione lanciato da Emergenza Sorrisi non cade nel vuoto. Tra i primi a raccoglierlo Takeda, realtà leader nel settore della farmaceutica, che da anni sostiene le missioni in Africa del professor Fabio Massimo Abenavoli e della sua equipe di volontari. Presente alla Camera dei Deputati, in occasione dei 10 anni di Emergenza Sorrisi, il gruppo Takeda ha infatti confermato la volontà di proseguire nel sostegno delle attività benefiche con un impegno sempre maggiore e vedendo di buon grado le numerose sinergie sviluppatesi in questi anni che saranno determinanti per dare sempre più slancio e incisività ai progetti dell’Ong. Questo è stato confermato anche da Alfredo Lombardi, direttore delle risorse umane, chiamato a rappresentare Takeda nell’appuntamento a Montecitorio.

Direttore, il decennale di Emergenza Sorrisi rappresenta un momento per fare il punto su quanto è stato fatto ma soprattutto su come portare avanti nuovi e vecchi progetti. In tal senso è stata sottolineata l’importanza delle sinergie.  

«Ne siamo assolutamente convinti. Come azienda farmaceutica che ha il paziente al centro dei nostri pensieri non possiamo che essere vicini a un’organizzazione o a una persona come il Professor Abenavoli che dedica gran parte della propria attività, della propria passione, ad aiutare pazienti che non avrebbero la possibilità di accedere a determinate cure, a determinati trattamenti e che quindi riteniamo nostro dovere aiutare, proprio per consentire a queste persone di accedere a cose che spesso rischiamo di dare per scontate ma che per tanti sono una fortuna immensa».

 Nel concreto Takeda in che modo partecipa alle iniziative di Emergenza Sorrisi?

«Io penso che sia molto importante fare cose senza vantarsene, quindi farle nel silenzio della propria attività secondaria. Ma nello stesso tempo bisogna devolvere una parte del valore che la nostra azienda produce a queste iniziative che meritano tutto il nostro sostegno».

Articoli correlati
Emergenza sorrisi, ecco le immagini in anteprima del docufilm “Sulla strada giusta – Rinascere medico in Senegal” – GUARDA IL TRAILER
“Sulla strada giusta – Rinascere medico in Senegal” è il titolo del docufilm con la regia di Augusto Natale dedicato alla missione chirurgica in Senegal di Emergenza Sorrisi, la Onlus che aiuta i bambini affetti da gravi malformazioni del volto, nato con la collaborazione del provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e il sostegno di Consulcesi Onlus
Ricostruita la mandibola di Mame, la giovane senegalese salvata da Emergenza Sorrisi e dalla Fondazione Policlinico Gemelli
Intervento riuscito per la diciannovenne africana colpita da un grave tumore facciale. «L’Italia si conferma in questo terra di grande generosità» dichiara il Presidente della ONG Massimo Abenavoli
‘Salviamo Mame’: l’appello della ONG Emergenza Sorrisi
Aiutare una ragazza senegalese affetta da neoplasia benigna delle ossa mascellari che potrebbe costarle la vita: questa la missione dei medici di emergenza Sorrisi che da oltre 10 anni organizza missioni chirurgiche in tutto il mondo a favore di bambini con malformazioni del volto
Grandi vini in asta per Emergenza Sorrisi
Wine Day è l’evento organizzato da Emergenza Sorrisi giunto alla XI edizione. L’ iniziativa è un asta di vini realizzata grazie alla collaborazione e al sostegno di prestigiose aziende vinicole, del calibro di Tenuta San Guido, Donnafugata, Feudi di S.Gregorio, Bollinger, e molte altre che aderiscono all’iniziativa donando all’associazione preziose bottiglie di vino e champagne. […]
Emergenza Sorrisi, sms solidali e via alla nuova missione in Senegal per aiutare bambini con labbro leporino
È partita la nuova missione di Emergenza Sorrisi, l’organizzazione senza scopo lucro che da oltre dieci anni restituisce il sorriso e la speranza di una vita migliore ai bambini nati con labiopalatoschisi, comunemente conosciuta col nome 'labbro leporino'. Sostenuta, tra gli altri, da Consulcesi, la missione darà vita ad un docufilm per formare anche i medici italiani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...