Formazione 9 giugno 2017

Emergenza Sorrisi, il decennale dell’organizzazione. Abenavoli: «Ci auguriamo altri dieci anni di sorrisi»

Ripercorrere le tappe di Emergenza Sorrisi dalla sua fondazione nel 2007 fino ad oggi, questo lo scopo del Convegno dal titolo “10 anni di cooperazione con Emergenza Sorrisi”, che si è svolto alla Camera dei Deputati

Ripercorrere le tappe di Emergenza Sorrisi dalla sua fondazione nel 2007 fino ad oggi, questo lo scopo del Convegno dal titolo “10 anni di cooperazione con Emergenza Sorrisi”, che si è svolto alla Camera dei Deputati, organizzato da Emergenza Sorrisi – Doctors for Smiling Children con il supporto dell’On. Ileana Argentin – Membro della Commissione Affari sociali alla Camera e con il Patrocinio della Camera dei Deputati, del Ministero Degli Esteri, del Ministero Della Salute e dell’Istituto Italiano della Donazione.

«Abbiamo voluto condividere con i nostri amici e sostenitori quello che abbiamo fatto in questi dieci anni e quello che in questi prossimi dieci anni speriamo di ottenere» dichiara il Presidente di Emergenza Sorrisi, chirurgo plastico, Dottor Fabio Massimo Abenavoli, che ha raccontato anche la storia dell’organizzazione, fondata con l’obiettivo di ridare il sorriso e la dignità ai bambini e ai pazienti nel mondo che non hanno accesso alle cure mediche specialistiche.

Si è parlato non solo di amore come motore delle azioni dei volontari, ma anche di tutti coloro che sono vicini all’Associazione e che in questi 10 anni l’hanno sostenuta in modi diversi, come le numerose aziende e partner istituzionali da sempre al fianco dei progetti di Emergenza Sorrisi. Tra queste Consulcesi Onlus, che per voce del Responsabile delle Relazioni Istituzionali Marco Blefari, ha dichiarato: «Consulcesi si occupa di informazione scientifica, formazione medica e da alcuni anni è al fianco di Emergenza Sorrisi con un progetto importante di comunicazione che si concretizzerà nella prossima missione in Senegal in autunno con la realizzazione di un docu-film di cui è stata proiettata un’anteprima».

Ad intervenire anche l’Onorevole Ileana Argentin, membro affari sociali alla Camera: «Non guardate chi sta male con tenerezza, la nostra vita è bellissima. Sono vicina a Emergenza Sorrisi da sempre e continuerò a farlo perché ho visto il bene di cui sono capaci». «Apprezzo l’impegno di Emergenza Sorrisi e la esorto ad ampliare il proprio lavoro in altri paesi, perché i bambini sono i soggetti più vulnerabili e hanno bisogno del nostro aiuto» ha spiegato  S.E. Mohamed Chérif Diallo, Ambasciatore della Repubblica di Guinea in Italia S.E.

Presente anche Waheed Omer, Ambasciatore della Repubblica dell’ Afghanistan: «Nessun bambino può sorridere alla vita e ammirarsi felice allo specchio se affetto da una grave malformazione. Per questo ringraziamo Emergenza Sorrisi per il lavoro che svolge in Afghanistan a beneficio dei nostri bambini e soprattutto della formazione dei nostri medici. Sono degli eroi».

Il Professor Foad Aodi fondatore dell’Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia dell’UMEM (Unione Medica Euro Mediterranea) e del Movimento UNITI PER UNIRE nella chiusura del Convegno ha ribadito l’importanza del lavoro di Emergenza Sorrisi che è il braccio operativo e delegato dei movimenti nella cooperazione internazionale. «Noi professionisti della sanità – ha dichiarato – tutti insieme possiamo dare la cura migliore ed il farmaco più efficace contro il terrorismo e la radicalizzazione, curando chi è in difficoltà e salvare in tempo chi si avvicina alla zona grigia per problemi psicologici. Ormai nel mondo ci sono due partiti: da una parte il populismo ed i costruttori di muri e dall’altra parte chi crede nel dialogo e la solidarietà ed i costruttori di ponti».

Infine Francesco Pezzulli, attore e doppiatore, testimonial e voce di Emergenza Sorrisi, ha narrato la storia di un bambino nato con labio – palatoschisi, suscitando nei presenti emozioni e sentimenti che si sono legati alle migliaia di storie vissute dai bambini e dai medici in questi anni, cogliendo appieno il senso di amore, solidarietà e gratitudine che si prova nel donare un sorriso ma anche nel riceverlo.

Articoli correlati
Formazione, nasce il corso ECM residenziale “empatia e burnout”
L’empatia come strumento per la prevenzione del Burnout è il tema del corso residenziale che si svolgerà in una location unica – la Casa del Divin Maestro – ad Ariccia, a pochi chilometri da Roma. Domandarsi la funzione dell’esercizio empatico nell’ambito delle professioni socio-sanitarie è come domandarsi la funzione dei libri all’interno di una biblioteca. Il concetto […]
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Pazienti ‘esperti’, al via 1° corso EUPATI in italiano. Buccella (Accademia Pazienti): «Al servizio società per migliorare approcci terapeutici»
«Io ho un figlio con distrofia di Duchenne e mi sono serviti 25 anni per apprendere le nozioni di cui avevo bisogno per assisterlo al meglio. Con il corso è necessario solo un anno per una formazione completa». Così Filippo Buccella, Presidente dell’Accademia
di Serena Santi e Viviana Franzellitti
Come formare pazienti “esperti”? Ecco il corso promosso dall’Accademia dei Pazienti Onlus -EUPATI Italia
Dominique Van Doorne (Vice presidente Accademia Pazienti Onlus): «Il paziente , oggi, diventa sempre più attivo non solo nel proprio processo di salute, ma anche nelle politiche sanitarie. È lui che ha l’esperienza della malattia, ne sa molto più del ricercatore, dello sperimentatore e del legislatore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...