Formazione 9 Giugno 2017 15:25

Emergenza Sorrisi, il decennale dell’organizzazione. Abenavoli: «Ci auguriamo altri dieci anni di sorrisi»

Ripercorrere le tappe di Emergenza Sorrisi dalla sua fondazione nel 2007 fino ad oggi, questo lo scopo del Convegno dal titolo “10 anni di cooperazione con Emergenza Sorrisi”, che si è svolto alla Camera dei Deputati

Ripercorrere le tappe di Emergenza Sorrisi dalla sua fondazione nel 2007 fino ad oggi, questo lo scopo del Convegno dal titolo “10 anni di cooperazione con Emergenza Sorrisi”, che si è svolto alla Camera dei Deputati, organizzato da Emergenza Sorrisi – Doctors for Smiling Children con il supporto dell’On. Ileana Argentin – Membro della Commissione Affari sociali alla Camera e con il Patrocinio della Camera dei Deputati, del Ministero Degli Esteri, del Ministero Della Salute e dell’Istituto Italiano della Donazione.

«Abbiamo voluto condividere con i nostri amici e sostenitori quello che abbiamo fatto in questi dieci anni e quello che in questi prossimi dieci anni speriamo di ottenere» dichiara il Presidente di Emergenza Sorrisi, chirurgo plastico, Dottor Fabio Massimo Abenavoli, che ha raccontato anche la storia dell’organizzazione, fondata con l’obiettivo di ridare il sorriso e la dignità ai bambini e ai pazienti nel mondo che non hanno accesso alle cure mediche specialistiche.

Si è parlato non solo di amore come motore delle azioni dei volontari, ma anche di tutti coloro che sono vicini all’Associazione e che in questi 10 anni l’hanno sostenuta in modi diversi, come le numerose aziende e partner istituzionali da sempre al fianco dei progetti di Emergenza Sorrisi. Tra queste Consulcesi Onlus, che per voce del Responsabile delle Relazioni Istituzionali Marco Blefari, ha dichiarato: «Consulcesi si occupa di informazione scientifica, formazione medica e da alcuni anni è al fianco di Emergenza Sorrisi con un progetto importante di comunicazione che si concretizzerà nella prossima missione in Senegal in autunno con la realizzazione di un docu-film di cui è stata proiettata un’anteprima».

Ad intervenire anche l’Onorevole Ileana Argentin, membro affari sociali alla Camera: «Non guardate chi sta male con tenerezza, la nostra vita è bellissima. Sono vicina a Emergenza Sorrisi da sempre e continuerò a farlo perché ho visto il bene di cui sono capaci». «Apprezzo l’impegno di Emergenza Sorrisi e la esorto ad ampliare il proprio lavoro in altri paesi, perché i bambini sono i soggetti più vulnerabili e hanno bisogno del nostro aiuto» ha spiegato  S.E. Mohamed Chérif Diallo, Ambasciatore della Repubblica di Guinea in Italia S.E.

Presente anche Waheed Omer, Ambasciatore della Repubblica dell’ Afghanistan: «Nessun bambino può sorridere alla vita e ammirarsi felice allo specchio se affetto da una grave malformazione. Per questo ringraziamo Emergenza Sorrisi per il lavoro che svolge in Afghanistan a beneficio dei nostri bambini e soprattutto della formazione dei nostri medici. Sono degli eroi».

Il Professor Foad Aodi fondatore dell’Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia dell’UMEM (Unione Medica Euro Mediterranea) e del Movimento UNITI PER UNIRE nella chiusura del Convegno ha ribadito l’importanza del lavoro di Emergenza Sorrisi che è il braccio operativo e delegato dei movimenti nella cooperazione internazionale. «Noi professionisti della sanità – ha dichiarato – tutti insieme possiamo dare la cura migliore ed il farmaco più efficace contro il terrorismo e la radicalizzazione, curando chi è in difficoltà e salvare in tempo chi si avvicina alla zona grigia per problemi psicologici. Ormai nel mondo ci sono due partiti: da una parte il populismo ed i costruttori di muri e dall’altra parte chi crede nel dialogo e la solidarietà ed i costruttori di ponti».

Infine Francesco Pezzulli, attore e doppiatore, testimonial e voce di Emergenza Sorrisi, ha narrato la storia di un bambino nato con labio – palatoschisi, suscitando nei presenti emozioni e sentimenti che si sono legati alle migliaia di storie vissute dai bambini e dai medici in questi anni, cogliendo appieno il senso di amore, solidarietà e gratitudine che si prova nel donare un sorriso ma anche nel riceverlo.

Articoli correlati
Scadenza triennio ECM: «Nessuna scusa per chi non ha completato aggiornamento per pigrizia o indolenza»
Mazzacane (Goal): «Lettera Cogeaps è un atto di buona volontà. Gli ordini si adopereranno per informare gli iscritti». Foschi (Cic): «Paradossale che una professione complessa come quella medica abbia un unico momento di “abilitazione”». D’Anna (Onb): «Solo aggiornandosi un operatore sanitario può svolgere al meglio la propria professione»
Montagna che passione, ma più attenzione in alta quota. In arrivo nuovo corso Consulcesi
La montagna si conferma tra le mete estive privilegiate ma i medici avvertono: «Attenzione ai disturbi quando si sale di quota»
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Scuole e università per orfani di medici, il supporto di Enpam
Dalle medie agli atenei passando per i collegi Onaosi, una panoramica dei sussidi offerti ai figli dei colleghi deceduti
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...