Salute 18 Giugno 2021 10:38

Giornata nazionale contro Leucemie, Mielomi e Linfomi: il punto su ricerca e nuove terapie

Il 21 giugno specialisti ed ematologi di AIL risponderanno alle domande dei pazienti, dalle 8 alle 20, al numero verde 800226524. L’obiettivo è raccontare i progressi della ricerca e il supporto avuto durante la pandemia da Covid dalla telemedicina e dai volontari

di Federica Bosco
Giornata nazionale contro Leucemie, Mielomi e Linfomi: il punto su ricerca e nuove terapie

In occasione della Giornata nazionale contro Leucemie, Mielomi e Linfomi che si svolgerà il prossimo 21 giugno, un pool di specialisti ed ematologi di AIL saranno a disposizione di pazienti, caregiver e cittadini al numero verde 800226524, dalle 8 alle 20,. L’obiettivo è dare informazioni sui tumori del sangue e le nuove terapie. Un’occasione per raccontare i progressi della ricerca in ematologia e l’impegno delle 82 sezioni AIL verso i pazienti e i famigliari, un supporto che non è mai venuto meno neanche durante le fasi più critiche della pandemia da Covid-19. Una sensibilità verso i pazienti e i caregiver ribadita a più riprese in occasione della conferenza stampa che si è tenuta in modalità digitale ieri con la partecipazione dei più grandi specialisti.

Tumori del sangue: perché sono curabili

A fare gli onori di casa il Presidente nazionale AIL, nonché professore onorario di ematologia presso l’Università Tor Vergata di Roma, Sergio Amadori che ha sottolineato come i tumori del sangue siano sempre più curabili. «La ricerca non si deve fermare – ha detto – perché non tutti i pazienti raggiungono i medesimi risultati con le terapie. Di sicuro oggi esistono maggiori possibilità di controllo della malattia anche a lungo termine». Focus dell’incontro i tumori rari che colpiscono il midollo osseo come la leucemia mieloide cronica, policitemia vera, trombocitemia essenziale e mielofibrosi. «Sono malattie croniche subdole che spesso si manifestano per caso con la conseguenza che i trattamenti iniziano in ritardo e i rischi per i pazienti aumentano. Grazie alla ricerca, però, oggi è possibile lo sviluppo di molecole in grado di inibire in modo mirato l’azione dei geni responsabili della malattia».

La diagnosi precoce fa la differenza

«Tra le malattie del sangue la Trombocitemia e la Policitemia sono le meno pericolose, ma tendono ad evolvere – ha sottolineato Tiziano Barbui, direttore scientifico della Fondazione FROM e primario di Ematologia Clinica presso la Fondazione per la Ricerca dell’Ospedale di Bergamo – e possono diventare gravi con gli anni. Obiettivo è evitare che ciò accada. Gli esperti concordano nel ritenere che esistono pazienti a basso rischio e altri per i quali servono farmaci specifici per evitare che si generino delle trombosi. Oggi si tende a cercare di ridurre un’altra complicanza importante che porta alla fibrosi del midollo e che ha come conseguenza l’accorciamento della vita del paziente. Fondamentale, dunque, è una diagnosi precoce e la ricerca con lo studio di cure innovative. Proprio le nuove terapie sono state al centro dell’intervento di Tiziano Barbui: «Le neoplasie mieloproferative croniche (MPN) come Policitemia vera e Trombocitemia essenziale e Mielofibrosi idiopatica riguardano rispettivamente dai 30 ai 50 casi ogni 100 mila abitanti. Sono malattie rare e la ricerca in questo ambito è molto attiva, anche per merito di molti gruppi italiani. I farmaci attualmente in uso per controllare l’aumentata proliferazione delle cellule progenitrici midollari sono tre, quello di uso comune è d’idrossiurea, mentre i nuovi farmaci sono JAK2 inibitore e l’interferone che secondo i nuovi studi è impiegato nei più giovani, in età fertile e in gravidanza».

Speranze per la mielofibrosi con i farmaci Jack inibitori

«Tra le malattie, la più rara è la Mielofibrosi idiopatica – ha analizzato Alessandro Vannucchi, direttore di Ematologia presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi di Firenze e responsabile del centro di ricerca e innovazione delle malattie mieloproliferative -. Sono circa cinquecento le nuove diagnosi ogni anno e si calcola che ci siano in Italia dalle 3 alle 4 mila persone affette da questa patologia che può essere primaria o secondaria. In entrambi i casi la sopravvivenza è intorno ai 6/7 anni, ma grazie alla scoperta delle alterazioni molecolari oggi siano in grado di sapere dove colpire e ci sono farmaci Jack inibitori che funzionano come ruxolitinib, e un secondo farmaco, fedratinib, che è stato approvato più di recente. Queste terapie si sono dimostrate capaci di ridurre fino a normalizzare il volume della milza e riuscire ad arrivare alla regressione totale dei sintomi; la qualità di vita dei soggetti è migliorata e anche le aspettative di vita. Nessuna terapia farmacologica oggi disponibile è in grado di portare a guarigione, e quindi il trapianto di cellule staminali resta l’unica possibilità di cura. Molti progressi sono stati fatti però negli anni, oggi sono in corso 20 studi clinici in modo che il paziente possa avere più possibilità di sopravvivenza».

Fondazione GIMEMA sostenuta da AIL

Importanti progressi in molte malattie ematologiche maligne sono stati raggiunti grazie a gruppi di lavoro come Fondazione GIMEMA, centro italiano coinvolto nella ricerca di nuovi farmaci che ha creato una rete di 61 laboratori su tutto il territorio italiano che seguono protocolli applicati anche nei 120 centri clinici aderenti, generando un modello per la ricerca che diventa uno strumento per la cura e viceversa. «Questo sistema permette di monitorare i pazienti. Coloro che raggiungono una risposta molecolare completa e la mantengono almeno 4 o 5 anni, possono provare a sospendere la terapia – ha aggiunto Marco Vignetti, Presidente di Fondazione GIMEMA e Vicepresidente Nazionale AIL – Questo perché i controlli continuano e consentono di intervenire tempestivamente nel caso la malattia si ripresenti. Dati ormai consolidati indicano che nel 50% dei casi non si ripresenterà».

Nuove possibilità con l’immunoterapia

Tra le terapie innovative per le neoplasie del sangue rientra l’immunoterapia di cui ha parlato nel suo intervento il professor Fabrizio Pane, docente ordinario di ematologia e direttore U.O. di Ematologia e Trapianti A.O.U. Federico II di Napoli «L’immunoterapia, che è in grado di attivare la risposta immunitaria da cui molti tipi di neoplasie si difendono, sta entrando in tutti gli ambiti delle terapie per le malattie neoplastiche del sangue, ad eccezionee della leucemia mieloide cronica perché – ha spiegato – in commercio ci sono farmaci molto efficaci in grado di cronicizzare la malattia. Nonostante ciò, l’immunoterapia può essere utile nei pazienti che non rispondono in maniera ottimale alle terapie disponibili o che sono troppo fragili. Al riguardo sono stati avviati degli studi per arrivare a forme più attive di immunoterapia».

Nell’anno del Covid la salvezza arriva con la telemedicina

A rendere più complessa la situazione nell’ultimo anno ha contribuito il Covid che ha generato ritardi che sono stati in parte attutiti grazie alla telemedicina. Lo ha sottolineato Massimo Breccia, dirigente medico Responsabile UOS Ematologia Policlinico Umberto I e Università Sapienza di Roma: «Nella prima fase della pandemia si è verificata molta eterogeneità tra i centri italiani, molti sono stati destinati al Covid, altri sono stati ridotti e di conseguenza si sono accumulati ritardi. Nella seconda fase è stato necessario riprogrammare le liste d’attesa e recuperare i pazienti, dove è stato possibile, con la telemedicina. Il 70 percento dei medici è stato in grado di mantenere costante il dialogo con i pazienti grazie a e-mail, telefono e tablet. Un aiuto determinante è stato dato anche dai volontari AIL. Tra questi, molto toccante è stata la testimonianza di Giampiero Garuti, paziente guarito dalla leucemia grazie al trapianto ed oggi volontario AIL:: «Ho ricevuto moltissimo dall’associazione e quando sono uscito dalla malattia ho pensato fosse importante restituire qualcosa anche perché essendo stato io un paziente mi rendo conto delle necessità di chi sta affrontando una battaglia contro un tumore del sangue. Fondamentale è un dialogo costante con il medico. Ricevere le informazioni corrette permette di avere la giusta consapevolezza della malattia – ha spiegato –, questo evita di ricorrere a dottor Google e soprattutto permette al paziente di dare un contributo attivo e di condividere passo a passo la cura e le terapie da affrontare».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Donne “cenerentole” della ricerca in Europa, anche se metà dei laureati e dottorati è “rosa”
Le donne rappresentano circa la metà dei laureati e dei dottorati in Europa, ma abbandonano progressivamente la carriera accademica, arrivando a costituire appena il 33% della forza lavoro nel mondo della ricerca, e solo il 26% dei professori ordinari, direttori di dipartimento o di centri di ricerca. È il quadro tratteggiato in un articolo sulla rivista The Lancet Regional Health
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Tumori: Rai e AIRC insieme per trasformare la ricerca in cura
"La ricerca cura". E' questo lo slogan della grande maratona di Rai e Fondazione Airc che, come ogni anno, uniscono le forze per trasformare la ricerca sul cancro in cura
sAIL camp, la riabilitazione dei pazienti onco-ematologici passa dal mare e dalla vela
Con il progetto promosso da AIL Brescia i pazienti ematologici avranno l’opportunità di vivere due giorni a contatto con la natura, verranno proposte attività di carattere sportivo e laboratoriale, sarà organizzata un’uscita in barca a vela che consenta al paziente di riprendere metaforicamente il timone della propria vita
Pnrr: con PRP@CERIC nuova infrastruttura di ricerca per studiare agenti patogeni
Un'infrastruttura di ricerca altamente specializzata, unica in Europa, che integra strumentazioni e competenze in biologia, biochimica, fisica, bio-elettronica, bio-informatica e scienza dei dati per studiare agenti patogeni di origine umana, animale e vegetale e intervenire rapidamente per contrastare la diffusione di possibili nuovi focolai di malattie. Questo è l'obiettivo del progetto PRP@CERIC, finanziato con 41 milioni di euro dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.