Salute 16 Aprile 2019

Formazione MMG, Luca Galzerano (Fimmg): «Disparità economica con specializzandi può condizionare scelta del percorso formativo e lavorativo»

«Fondamentale migliorare l’organizzazione dei corsi post lauream e facilitare le modalità di accesso alla professione». L’intervista al nuovo Segretario nazionale di Fimmg Formazione Luca Galzerano

Immagine articolo

Medici specialisti e medici di medicina generale: esiste ancora una grande disparità di trattamento economico tra chi sceglie di frequentare il corso di Medicina Generale e chi segue corsi di specializzazione medica. Gli MMG, infatti, guadagnano circa 11mila euro annuali; gli specializzandi recepiscono una borsa di studio che varia tra i 25 e i 27mila euro annuali. Di questo ed altro abbiamo parlato con il nuovo Segretario nazionale di Fimmg Formazione Luca Galzerano che crede sia «necessario adeguare i percorsi formativi alle nuove esigenze della demografia professionale che è presente in questo momento nel nostro paese».

Quali sono le maggiori criticità che riscontra oggi un giovane medico in Italia?

«Le criticità sono particolarmente elevate: c’è un imbuto formativo post lauream particolarmente importante che intrappola i giovani medici laureati in una fase di stallo perché non riescono ad entrare in un percorso formativo adeguato. Allo stesso tempo, si è creato un sistema che mantiene al suo interno un numero altrettanto elevato di medici che non hanno potuto seguire un percorso formativo idoneo. È per questo che reputiamo necessario adeguare i percorsi formativi alle nuove esigenze della demografia professionale che è presente in questo momento nel nostro paese».

Esiste, ancora oggi, una disparità di trattamento economico tra il medico di medicina generale in formazione e gli specializzandi delle altre discipline. Quanto pesa?

«Le disparità sono evidenti. Dal punto di vista della qualità della formazione, ci impegniamo sempre per far sì che ci siano standard elevati in entrambi i percorsi. È chiaro che quello della medicina generale è sfavorevole al medico neolaureato che si accinge a seguirlo dal punto di vista economico e questo pesa nella scelta. Il triennio di formazione porta ad avere una borsa di studio che è la metà di quella di uno specializzando e questo fattore può condizionare la scelta di quello che sarà il futuro formativo e quindi professionale del giovane laureato».

LEGGI ANCHE: CARENZA SPECIALISTI, SI CERCANO MEDICI STRANIERI. FEDERSPECIALIZZANDI: «È IL DELIRIO. INVESTIRE SU QUALITÀ CONTRATTI»

Tanti medici si recano all’estero per lavorare: secondo te come si può intervenire per fare in modo che l’Italia sia un polo attrattivo per i medici?

«È vero, alcune delle nostre menti migliori le vediamo scappare all’estero e questo ci dispiace molto. È chiaro che c’è da migliorare l’organizzazione dei nostri percorsi formativi post lauream e soprattutto facilitare le modalità di accesso poi alla professione medica nel nostro paese. Questo, per far sì che i colleghi possano avere la migliore formazione qui da noi, come spesso avviene ma poi non siano costretti a fuggire altrove per poter svolgere il lavoro che hanno scelto di fare».

Articoli correlati
Medicina generale, firmata pre-intesa. Il 5 settembre si chiude l’ipotesi di ACN, convenzione entro fine anno
Scotti (Fimmg): «Verso il ritiro dello stato di agitazione. In tre anni 6mila giovani MMG nel territorio». Onotri (Smi): «La strada è lunga». Bonaccini (Regioni): «Ora spediti verso firma convenzione». Venturi (Comitato Settore): «Data applicazione a Decreto Semplificazione e Decreto Calabria»
Lombardia, autunno di sfide per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Triplicheremo posti in scuole di Formazione MMG»
Colloquio con il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Lombardia Emanuele Monti: «Riorganizzeremo rete di emergenza-urgenza per dare più sicurezza e non avere più cittadini lombardi di serie A e di serie B»
di Federica Bosco
Formazione ECM, agevolazioni per i medici delle aree terremotate. La decisione in una delibera della Commissione
L’agevolazione riguarderà tutti i camici bianchi in servizio nei territori colpiti dal terremoto 2016 e 2017
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
Aggressioni, guardie mediche tra le più colpite. Maio (FIMMG): «Cambiare approccio organizzativo»
«Non è mettendo cancellate che si risolve il problema: ci sono stati addirittura episodi in cui le guardie mediche sono rimaste auto-sequestrate all’interno». L’intervista a Tommasa Maio, Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone