Salute 16 Aprile 2019 16:01

Formazione MMG, Luca Galzerano (Fimmg): «Disparità economica con specializzandi può condizionare scelta del percorso formativo e lavorativo»

«Fondamentale migliorare l’organizzazione dei corsi post lauream e facilitare le modalità di accesso alla professione». L’intervista al nuovo Segretario nazionale di Fimmg Formazione Luca Galzerano

Formazione MMG, Luca Galzerano (Fimmg): «Disparità economica con specializzandi può condizionare scelta del percorso formativo e lavorativo»

Medici specialisti e medici di medicina generale: esiste ancora una grande disparità di trattamento economico tra chi sceglie di frequentare il corso di Medicina Generale e chi segue corsi di specializzazione medica. Gli MMG, infatti, guadagnano circa 11mila euro annuali; gli specializzandi recepiscono una borsa di studio che varia tra i 25 e i 27mila euro annuali. Di questo ed altro abbiamo parlato con il nuovo Segretario nazionale di Fimmg Formazione Luca Galzerano che crede sia «necessario adeguare i percorsi formativi alle nuove esigenze della demografia professionale che è presente in questo momento nel nostro paese».

Quali sono le maggiori criticità che riscontra oggi un giovane medico in Italia?

«Le criticità sono particolarmente elevate: c’è un imbuto formativo post lauream particolarmente importante che intrappola i giovani medici laureati in una fase di stallo perché non riescono ad entrare in un percorso formativo adeguato. Allo stesso tempo, si è creato un sistema che mantiene al suo interno un numero altrettanto elevato di medici che non hanno potuto seguire un percorso formativo idoneo. È per questo che reputiamo necessario adeguare i percorsi formativi alle nuove esigenze della demografia professionale che è presente in questo momento nel nostro paese».

Esiste, ancora oggi, una disparità di trattamento economico tra il medico di medicina generale in formazione e gli specializzandi delle altre discipline. Quanto pesa?

«Le disparità sono evidenti. Dal punto di vista della qualità della formazione, ci impegniamo sempre per far sì che ci siano standard elevati in entrambi i percorsi. È chiaro che quello della medicina generale è sfavorevole al medico neolaureato che si accinge a seguirlo dal punto di vista economico e questo pesa nella scelta. Il triennio di formazione porta ad avere una borsa di studio che è la metà di quella di uno specializzando e questo fattore può condizionare la scelta di quello che sarà il futuro formativo e quindi professionale del giovane laureato».

LEGGI ANCHE: CARENZA SPECIALISTI, SI CERCANO MEDICI STRANIERI. FEDERSPECIALIZZANDI: «È IL DELIRIO. INVESTIRE SU QUALITÀ CONTRATTI»

Tanti medici si recano all’estero per lavorare: secondo te come si può intervenire per fare in modo che l’Italia sia un polo attrattivo per i medici?

«È vero, alcune delle nostre menti migliori le vediamo scappare all’estero e questo ci dispiace molto. È chiaro che c’è da migliorare l’organizzazione dei nostri percorsi formativi post lauream e soprattutto facilitare le modalità di accesso poi alla professione medica nel nostro paese. Questo, per far sì che i colleghi possano avere la migliore formazione qui da noi, come spesso avviene ma poi non siano costretti a fuggire altrove per poter svolgere il lavoro che hanno scelto di fare».

Articoli correlati
Carenza medici di famiglia in Lombardia, le proposte dei consiglieri regionali
Lega, Forza Italia, M5S e Pd al lavoro. Approvata in giunta una mozione per incrementare i finanziamenti delle borse di studio in medicina generale e istituire un tirocinio professionalizzante
di Federica Bosco
Medici e scuole di specializzazione, Binetti: «Una sinergia tra tre numeri per evitare cervelli in fuga»
La senatrice dell'Udc spiega quale dovrebbe essere, dal suo punto di vista, uno dei perni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per quanto riguarda l’ambito della salute
Carenza medici di famiglia in Lombardia, l’allarme dei sindaci
Nei prossimi anni saranno più di 4000 i medici di medicina generale che andranno in pensione in Lombardia. Le proposte dei sindaci di Pieve Emanuele, Bareggio e Buccinasco
di Federica Bosco
Con pandemia PMI digitalizzate cresciute del 50%. Tortorella (Consulcesi): «Transizione al digitale unica via per crescere»
Come affrontare le sfide di oggi cogliendo le opportunità per un Rinascimento tecnologico italiano: lo spiega Massimo Tortorella, presidente e fondatore Consulcesi, nel libro ‘Il Capitale Digitale’
L’annuncio di Speranza: «Con PNRR 900 borse di formazione MMG in più. Asciugare più possibile imbuto formativo»
Il titolare della Salute è stato ospite dell'evento “Pnrr e sanità: un'opportunità di sviluppo o un'occasione persa?” promosso da Fratelli d'Italia. La campagna vaccinale procede con numeri alti: «Oggi supereremo 59 milioni di dosi somministrate e abbiamo una media quotidiana di oltre 530mila dosi al giorno. Gli over 80 sono ormai oltre al 90% protetti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 luglio, sono 192.578.206 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.135.859 i decessi. Ad oggi, oltre 3,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea