Salute 16 Aprile 2019 16:01

Formazione MMG, Luca Galzerano (Fimmg): «Disparità economica con specializzandi può condizionare scelta del percorso formativo e lavorativo»

«Fondamentale migliorare l’organizzazione dei corsi post lauream e facilitare le modalità di accesso alla professione». L’intervista al nuovo Segretario nazionale di Fimmg Formazione Luca Galzerano

Formazione MMG, Luca Galzerano (Fimmg): «Disparità economica con specializzandi può condizionare scelta del percorso formativo e lavorativo»

Medici specialisti e medici di medicina generale: esiste ancora una grande disparità di trattamento economico tra chi sceglie di frequentare il corso di Medicina Generale e chi segue corsi di specializzazione medica. Gli MMG, infatti, guadagnano circa 11mila euro annuali; gli specializzandi recepiscono una borsa di studio che varia tra i 25 e i 27mila euro annuali. Di questo ed altro abbiamo parlato con il nuovo Segretario nazionale di Fimmg Formazione Luca Galzerano che crede sia «necessario adeguare i percorsi formativi alle nuove esigenze della demografia professionale che è presente in questo momento nel nostro paese».

Quali sono le maggiori criticità che riscontra oggi un giovane medico in Italia?

«Le criticità sono particolarmente elevate: c’è un imbuto formativo post lauream particolarmente importante che intrappola i giovani medici laureati in una fase di stallo perché non riescono ad entrare in un percorso formativo adeguato. Allo stesso tempo, si è creato un sistema che mantiene al suo interno un numero altrettanto elevato di medici che non hanno potuto seguire un percorso formativo idoneo. È per questo che reputiamo necessario adeguare i percorsi formativi alle nuove esigenze della demografia professionale che è presente in questo momento nel nostro paese».

Esiste, ancora oggi, una disparità di trattamento economico tra il medico di medicina generale in formazione e gli specializzandi delle altre discipline. Quanto pesa?

«Le disparità sono evidenti. Dal punto di vista della qualità della formazione, ci impegniamo sempre per far sì che ci siano standard elevati in entrambi i percorsi. È chiaro che quello della medicina generale è sfavorevole al medico neolaureato che si accinge a seguirlo dal punto di vista economico e questo pesa nella scelta. Il triennio di formazione porta ad avere una borsa di studio che è la metà di quella di uno specializzando e questo fattore può condizionare la scelta di quello che sarà il futuro formativo e quindi professionale del giovane laureato».

LEGGI ANCHE: CARENZA SPECIALISTI, SI CERCANO MEDICI STRANIERI. FEDERSPECIALIZZANDI: «È IL DELIRIO. INVESTIRE SU QUALITÀ CONTRATTI»

Tanti medici si recano all’estero per lavorare: secondo te come si può intervenire per fare in modo che l’Italia sia un polo attrattivo per i medici?

«È vero, alcune delle nostre menti migliori le vediamo scappare all’estero e questo ci dispiace molto. È chiaro che c’è da migliorare l’organizzazione dei nostri percorsi formativi post lauream e soprattutto facilitare le modalità di accesso poi alla professione medica nel nostro paese. Questo, per far sì che i colleghi possano avere la migliore formazione qui da noi, come spesso avviene ma poi non siano costretti a fuggire altrove per poter svolgere il lavoro che hanno scelto di fare».

Articoli correlati
Giornata Nazionale della Salute della Donna. LILT, Unità Mobile di Fondazione Consulcesi e FIMMG a sostegno della lotta alle patologie oncologiche
Lunedì 22 aprile, screening di prevenzione con gli specialisti LILT presso le Unità Mobili attive su Roma
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Sport in ricetta medica, Sbrollini (Iv): «Aiutiamo a crescere sani i giovani, SSN ne beneficerà»
La senatrice di Italia Viva ripresenterà il disegno di legge sullo sport in ricetta medica e sulle detrazioni fiscali per l’attività sportiva: «A volte, a causa di difficoltà economiche, il genitore rinuncia a mandare il figlio a fare sport perché ci sono altre priorità». Medici di medicina generale e pediatri favorevoli
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...