Formazione 29 Marzo 2019

Carenza specialisti, si cercano medici stranieri. FederSpecializzandi: «È il delirio. Investire su qualità contratti»

Il presidente Stefano Guicciardi: «Necessario aumentare borse di specializzazione e rendere più attrattivi i posti di lavoro nelle aree difficoltose, altrimenti continueranno ad esserci concorsi affollati e altri deserti»

Immagine articolo

Prima arrivarono i pensionati, poi furono chiamati gli stranieri. Mancano gli specialisti e quindi Regioni e aziende cercano altrove. Una situazione che il presidente di FederSpecializzandi, Stefano Guicciardi, non esita a definire delirante: «Invece di pensare a soluzioni palliative e a scappatoie fantasiose come queste, bisogna affrontare il problema a monte intervenendo adesso, senza aspettare oltre, su due fronti – dichiara a Sanità Informazione -. Aumentare significativamente il numero delle borse di specializzazione e rendere più attrattivi per i neo specialisti i posti di lavoro che ci sono».

LEGGI ANCHE: VENETO E MOLISE RICHIAMANO I MEDICI IN PENSIONE, MA FNOMCEO E SINDACATI NON CI STANNO

La carenza di medici specialisti è sotto gli occhi di tutti e le prospettive per il futuro sono drammatiche, ma oltre ai concorsi a cui non si presenta nessuno, ci sono anche quelli che vengono presi d’assalto dagli specialisti: «Chiediamoci perché – prosegue Guicciardi – alcune posizioni non sono ricercate da nessuno. È ovvio che uno specialista che ha appena completato il suo percorso formativo, purtroppo ancora non adeguato in diverse realtà, non se la senta di andare “in trincea” in ospedali periferici, spesso sotto organico, dove gli verrebbe chiesto di assumere un carico di lavoro triplo e a condizioni più svantaggiose rispetto agli altri».

Cosa fare, allora? «Rendere più accattivanti i posti meno appetibili – risponde il presidente di FederSpecializzandi -. Investiamo sulla qualità dei contratti, diamo più garanzie e risorse per i posti più difficoltosi, e gli specialisti saranno incentivati ad andare anche in ospedali che presentano delle criticità».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, BONSIGNORE (GIOVANI FNOMCEO): «REGIONI INVESTANO IN FORMAZIONE, ALTRO CHE ASSUMERE CAMICI BIANCHI DALL’ESTERO O RICHIAMARLI DALLA PENSIONE»

Uno squilibrio di offerta che causa una frammentazione della domanda, quindi. Un fenomeno che tuttavia, a detta di Guicciardi, è verosimilmente destinato a peggiorare: «Grazie allo sblocco del turnover e ai tanti medici che nei prossimi anni andranno in pensione – spiega – a breve si libereranno molte posizioni e i professionisti avranno sempre più scelta. Com’è normale che sia, tenderanno a preferire quelle più vantaggiose e appetibili; ma per non lasciare deserte le corsie delle aree più complesse, o affidarle a medici centenari o che provengono da chissà dove, bisogna rendere quelle offerte più attraenti».

Giudizio totalmente negativo, infine, sulla proposta di contrattualizzare i medici che non riescono ad accedere alle scuole di specializzazione o di far lavorare di più gli specializzandi per sopperire a queste carenze: «Bisogna ricordare – ribadisce con forza Guicciardi – che chi frequenta le scuole di specializzazione già lavora negli ospedali svolgendo compiti che spesso vanno ben al di là di quelli che gli spetterebbero. Molto spesso è colui che consente a interi reparti di svolgere la normale attività. È paradossale, allora, che la politica riversi le proprie responsabilità sull’anello più fragile, che è ancora in formazione, e gli chieda di farsi carico di quelle carenze decennali che non è stato lui a causare. E poi come si fa a verificare che gli specializzandi abbiano davvero le competenze per fare quello che qualcuno vorrebbe facessero? Ad oggi non esistono curricula nazionali standardizzati per specializzazione e la qualità formativa è ancora troppo eterogenea. E ad ogni modo non può essere il cittadino il banco di prova, non si può rischiare di erogare un’assistenza inferiore. Non si può dire ad uno specializzando o, peggio ancora, ad un medico neo laureato “gestisci un reparto, così impari facendo”. Questo – conclude Guicciardi – non è ammissibile senza una formazione solida alle spalle».

 

Articoli correlati
Specializzandi in corsia, Rossi (OMCeO Milano): «Bene i 2mila della Lombardia, ma si punti alla formazione non a usarli come tappabuchi…»
In Lombardia ben 2mila specializzandi in corsia per arginare la carenza di camici bianchi a partire dal prossimo mese di ottobre. Quella che, da un lato, potrebbe sembrare una buona notizia, dall’altra sembra aver generato qualche preoccupazione nella categoria già scossa dal “caso Veneto”
di Federica Bosco
Veneto, Ordini medici lanciano proposta a Zaia: «No a neolaureati in corsia, puntiamo su specializzandi con il tutor»
Parla a Sanità Informazione il Presidente di OMCeO Rovigo, Francesco Noce: «Capisco la preoccupazione del Presidente della Regione Veneto, ma l’idea dei corsi di formazione ci lascia molto perplessi, si potrebbe andare incontro a rischi professionali». Poi sottolinea i vantaggi della proposta inoltrata a Zaia che «potrebbe liberare numerose borse di studio e colmare il gap attuale»
di Federica Bosco
Carenza medici, De Poli (Udc): «Serve riforma della formazione, Governo agisca»
Il senatore dell'Unione di Centro sottolinea: «È impensabile programmare di formare 10 laureati in Medicina e poi finanziare le borse di specializzazione solo per 5 di loro. Si crea un imbuto formativo che sta strozzando il nostro sistema»
Carenza medici, Luca Zaia: «Concorsi deserti in Veneto, problema grave». Marini (Acoi): «Parole di verità, noi pronti a piano straordinario»
Il presidente dell’Associazione nazionale dei chirurghi ospedalieri commenta le parole di Luca Zaia: «Pronti a fornire il nostro contributo alle Regioni così come al Ministero per mettere in campo azioni urgenti che evitino che si superi il livello di guardia e accelerare i tempi di una indispensabile e seria riforma della formazione professionale»
Specialisti ambulatoriali, la Campania è senza Accordo Integrativo Regionale. Peperoni (Sumai): «Campani hanno poche strutture di riferimento»
Il Vice Presidente nazionale Sumai sottolinea: «In mancanza di un Accordo Integrativo - spiega - resta difficile far lavorare al meglio questi specialisti». Il segretario campano Buoninconti aggiunge: «Manca volontà di investire sul territorio, auspichiamo fine del Commissariamento ed equa ridistribuzione dei fondi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone