Formazione 29 Marzo 2019

Carenza specialisti, si cercano medici stranieri. FederSpecializzandi: «È il delirio. Investire su qualità contratti»

Il presidente Stefano Guicciardi: «Necessario aumentare borse di specializzazione e rendere più attrattivi i posti di lavoro nelle aree difficoltose, altrimenti continueranno ad esserci concorsi affollati e altri deserti»

Immagine articolo

Prima arrivarono i pensionati, poi furono chiamati gli stranieri. Mancano gli specialisti e quindi Regioni e aziende cercano altrove. Una situazione che il presidente di FederSpecializzandi, Stefano Guicciardi, non esita a definire delirante: «Invece di pensare a soluzioni palliative e a scappatoie fantasiose come queste, bisogna affrontare il problema a monte intervenendo adesso, senza aspettare oltre, su due fronti – dichiara a Sanità Informazione -. Aumentare significativamente il numero delle borse di specializzazione e rendere più attrattivi per i neo specialisti i posti di lavoro che ci sono».

LEGGI ANCHE: VENETO E MOLISE RICHIAMANO I MEDICI IN PENSIONE, MA FNOMCEO E SINDACATI NON CI STANNO

La carenza di medici specialisti è sotto gli occhi di tutti e le prospettive per il futuro sono drammatiche, ma oltre ai concorsi a cui non si presenta nessuno, ci sono anche quelli che vengono presi d’assalto dagli specialisti: «Chiediamoci perché – prosegue Guicciardi – alcune posizioni non sono ricercate da nessuno. È ovvio che uno specialista che ha appena completato il suo percorso formativo, purtroppo ancora non adeguato in diverse realtà, non se la senta di andare “in trincea” in ospedali periferici, spesso sotto organico, dove gli verrebbe chiesto di assumere un carico di lavoro triplo e a condizioni più svantaggiose rispetto agli altri».

Cosa fare, allora? «Rendere più accattivanti i posti meno appetibili – risponde il presidente di FederSpecializzandi -. Investiamo sulla qualità dei contratti, diamo più garanzie e risorse per i posti più difficoltosi, e gli specialisti saranno incentivati ad andare anche in ospedali che presentano delle criticità».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, BONSIGNORE (GIOVANI FNOMCEO): «REGIONI INVESTANO IN FORMAZIONE, ALTRO CHE ASSUMERE CAMICI BIANCHI DALL’ESTERO O RICHIAMARLI DALLA PENSIONE»

Uno squilibrio di offerta che causa una frammentazione della domanda, quindi. Un fenomeno che tuttavia, a detta di Guicciardi, è verosimilmente destinato a peggiorare: «Grazie allo sblocco del turnover e ai tanti medici che nei prossimi anni andranno in pensione – spiega – a breve si libereranno molte posizioni e i professionisti avranno sempre più scelta. Com’è normale che sia, tenderanno a preferire quelle più vantaggiose e appetibili; ma per non lasciare deserte le corsie delle aree più complesse, o affidarle a medici centenari o che provengono da chissà dove, bisogna rendere quelle offerte più attraenti».

Giudizio totalmente negativo, infine, sulla proposta di contrattualizzare i medici che non riescono ad accedere alle scuole di specializzazione o di far lavorare di più gli specializzandi per sopperire a queste carenze: «Bisogna ricordare – ribadisce con forza Guicciardi – che chi frequenta le scuole di specializzazione già lavora negli ospedali svolgendo compiti che spesso vanno ben al di là di quelli che gli spetterebbero. Molto spesso è colui che consente a interi reparti di svolgere la normale attività. È paradossale, allora, che la politica riversi le proprie responsabilità sull’anello più fragile, che è ancora in formazione, e gli chieda di farsi carico di quelle carenze decennali che non è stato lui a causare. E poi come si fa a verificare che gli specializzandi abbiano davvero le competenze per fare quello che qualcuno vorrebbe facessero? Ad oggi non esistono curricula nazionali standardizzati per specializzazione e la qualità formativa è ancora troppo eterogenea. E ad ogni modo non può essere il cittadino il banco di prova, non si può rischiare di erogare un’assistenza inferiore. Non si può dire ad uno specializzando o, peggio ancora, ad un medico neo laureato “gestisci un reparto, così impari facendo”. Questo – conclude Guicciardi – non è ammissibile senza una formazione solida alle spalle».

 

Articoli correlati
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Duemila posti in più, fondo ad hoc e meccanismo ‘recupera-borse’: ecco la riforma delle specializzazioni e della laurea abilitante targata M5S
Il pentastellato Manuel Tuzi ha presentato alla Camera il testo. Tra le novità un fondo che avrà un iban pubblico finanziabile da soggetti privati, da medici, da enti, fondazioni e federazioni in maniera trasparente. «Serviva un intervento strutturale che aumentasse la capacità formativa degli atenei oltre le 11.500 unità» sottolinea il deputato M5S
Patto per la Salute, raggiunta l’intesa. Accordo sul ‘care giver’ familiare e specializzandi in corsia
La Conferenza delle Regioni ha dato il via libera, unanime, al documento di programmazione 2019-2021 che attende ora soltanto il passaggio formale della Conferenza Stato-Regioni
Borse di specializzazione, quante saranno nel 2020? Facciamo chiarezza
Un mail bombing dell’associazione Giovani medici per l’Italia lancia l'allarme sul numero di contratti di specializzazione finanziati in Legge di Bilancio. Abbiamo chiesto chiarimenti a FederSpecializzandi
Inchiesta Panorama, Palermo (Anaao): «Formazione torni centrale ripristinando dotazioni organiche»
Il segretario del più grande sindacato dei camici bianchi risponde all’inchiesta del settimanale diretto da Maurizio Belpietro e spiega: «La situazione delle dotazioni organiche è così mal messa che l’orario che dovrebbe esser istituzionalmente destinato alla formazione viene di fatto utilizzato per attività assistenziali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...