Lavoro 27 Marzo 2019

Veneto e Molise richiamano i medici in pensione, ma FNOMCeO e sindacati non ci stanno

Una delle poche voci favorevoli all’iniziativa è quella del Presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri: «Bene se in emergenza e se per un breve periodo. Non manderei i medici in pensione prima dei 73 anni». Contrari la Federazione degli Ordini dei Medici, Anaao-Assomed, Fp Cgil Medici e Aaroi-Emac, che parlano di «SSN ad un passo dal collasso»

Immagine articolo

È stato il piccolo Molise a lanciare l’idea di richiamare in servizio i medici in pensione per coprire eventuali carenze e garantire i Livelli essenziali di assistenza. Una proposta subito ripresa dal Veneto, che ha approvato una delibera che autorizza i Direttori generali delle Asl ad assumere a tempo determinato camici bianchi in quiescenza.

Immediate le reazioni di FNOMCeO e sindacati, unanimi nel bocciare le iniziative, a cui però si aggiunge una delle poche voci che accolgono la proposta con favore: quella del presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri, che a Sanità Informazione evidenzia la «necessità di far fronte alla grave carenza di specialisti» anche rimandando in corsia i medici in pensione, purché «in casi di emergenza e per un brevissimo periodo di tempo». Precisa poi che «sarebbe meglio avere forze nuove», ma aggiunge che a suo avviso «l’età pensionabile per i medici, sia ospedalieri che universitari, potrebbe essere innalzata, senza superare i 73 anni».

Una posizione non condivisa dal presidente della FNOMCeO Filippo Anelli, che parla di «cronaca di una morte annunciata, quella del Servizio sanitario nazionale», e per il quale «non è più tempo di misure tampone. Decisioni come queste – specifica – possono essere accettabili se si ragiona in termini globali, altrimenti diventano pannicelli caldi. La soluzione è una e una sola: mettere ai primi posti dell’agenda politica la sanità». Anelli ha quindi chiesto al Governo di prevedere un vero e proprio Piano Marshall per sostenere il SSN: un fondo straordinario per finanziare la formazione di medici di famiglia e specialisti, frenare la fuga dei camici bianchi dal settore pubblico, colmare le disuguaglianze di salute. «Le risposte non sono più rinviabili – conclude Anelli – o ci ritroveremo prima curati da medici centenari, poi senza medici e, alla fine, senza Servizio sanitario nazionale».

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il sindacato Anaao-Assomed, per il quale quella approvata dalla Regione Veneto «è una non soluzione» che non fa altro che «posticipare il problema». Il segretario nazionale Carlo Palermo mette anche in dubbio la disponibilità dei medici in pensione ad indossare di nuovo il camice e a tornare a fare i turni: «Non credo proprio che siano così disponibili. Il fenomeno che osserviamo è anzi una fuga dal lavoro perché le condizioni sono gravose. Fare le notti a 65 anni è davvero duro e pesante. Ma in ogni caso – conclude Palermo – prima di assumere i pensionati le Regioni dovrebbero fare i concorsi».

«Questa è la dimostrazione palese di un sistema sanitario a un passo dal collasso – rincara la dose Andrea Filippi, segretario nazionale della Fp Cgil Medici e Dirigenti del Ssn -. Tutti si sono accorti delle gravi carenze di medici nei servizi sanitari tranne il Governo che, sordo e cieco, fa poco o nulla. Sono assolutamente inefficaci gli interventi messi in campo con il semplice spostamento del tetto sulla spesa del personale, mentre per evitare il collasso del Servizio sanitario nazionale serve aumentare i contratti per la formazione dei medici specialisti, snellire le procedure di selezione concorsuale e dar vita ad un piano assunzionale urgente».

Il presidente di Aaroi-Emac Veneto Massimiliano Dalsasso usa il dialetto per commentare la Delibera della sua Regione: «Peggio il tacon del buso» (Peggio la toppa del buco), scrive in una nota. «Oltre che essere opinabile dal punto di vista di aderenza alle leggi attuali, ci chiediamo se questa sia una soluzione pratica di valore a lungo termine per sopperire alle evidenti responsabilità di chi avrebbe dovuto programmare, vigilare e governare la sanità pubblica. Quanto verrà dopato il mercato – si chiede Dalsasso – se i medici in quiescenza percepiranno la pensione permettendosi di richiedere emolumenti ridotti per i loro contratti rispetto ai colleghi che non hanno già un reddito? L’impressione è che ci si stia inoltrando in una strada che peggiorerà ulteriormente le possibilità di ripresa della sanità pubblica, mortificando economicamente le giovani leve. A meno di sorprendenti aumenti di spesa pubblica, le risorse impiegate per questo progetto saranno sottratte a nuove borse di studio per medici specializzandi, al rinnovo contrattuale e al pagamento delle prestazioni aggiuntive dei medici strutturati. Il risultato sarà indubbiamente di grande impatto mediatico, ma di scarso effetto sul piano pratico e di potenzialmente negativo effetto sul futuro della professione e della sanità pubblica», conclude.

 

Articoli correlati
Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»
Il presidente dell'Accademia dei Lincei ha poi sottolineato l’importanza, per l'autunno, di aumentare di dieci volte la capacità di fare tamponi. Per Filippo Anelli (FNOMCeO) è necessario «mettere i risultati dei test, nel rispetto della privacy, a disposizione di medici di famiglia e pediatri». Ascoltati anche Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici) e Gualano (Università di Torino)
Palermo (Anaao): «Assumere 10mila medici e 20mila infermieri, aumentare gli stipendi, aderire al Mes e nel 2021 prevedere 17mila borse»
La “Fase 2” avrà bisogno non solo di un territorio pronto ad individuare precocemente nuovi focolai epidemici gestendo i pazienti a domicilio per quanto possibile, ma soprattutto della piena operatività degli ospedali italiani in termini di posti letto e di dotazioni organiche coerenti per garantire la piena funzionalità degli ospedali Covid e affrontare l’immensa domanda […]
di Carlo Palermo, Segretario Anaao-Assomed
Filippi (Fp Cgil Medici): «Bene investimenti, ma ora serve un’idea innovativa di cambiamento dei servizi»
È innegabile come gli ultimi due decreti del Governo, “Cura Italia” e “Rilancio”, sanciscano un vero e proprio cambio di rotta in termini di risorse destinate al Fondo Sanitario Nazionale rispetto agli ultimi 20 anni, caratterizzati da un progressivo definanziamento sui servizi e sul personale. Se da un punto di vista strettamente quantitativo registriamo per […]
di Andrea Filippi, Segretario Nazionale Fp Cgil Medici e Dirigenti SSN
Vergallo (AAROI-EMAC): «Senza pianificazione, programmazione e organizzazione investimenti rischiano di rimanere sulla carta»
Il contributo del Presidente dell'Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani – Emergenza Area Critica Alessandro Vergallo
di Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC
Anelli (FNOMCeO): «È il momento di una visione illuminata della sanità»
Come sarà il ‘dopo’? Innanzitutto, dovremo abituarci a convivere con il virus, almeno sino a che non sarà disponibile per tutta la popolazione un vaccino efficace. Questo significa che dovremo abituarci a mantenere le distanze di sicurezza e a mettere in atto le pratiche igieniche e organizzative idonee a limitare il contagio. Sarebbe consigliato poi […]
di Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 maggio, sono 5.594.175 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 350.531 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...