Formazione 29 Marzo 2019

Carenza medici, Bonsignore (Giovani Fnomceo): «Regioni investano in formazione, altro che assumere camici bianchi dall’estero o richiamarli dalla pensione»

Tra le tematiche emerse durante gli Stati Generali del giovane medico è l’assoluta necessità di salvaguardare il numero che «non deve essere “chiuso” bensì programmato in base alle esigenze del SSN da qui ai prossimi anni». Queste le considerazioni del coordinatore dell’Osservatorio Giovani medici Fnomceo a Sanità Informazione

Immagine articolo

Agli Stati Generali del giovane medico – che si sono svolti a Roma – si sono confrontate tutte le associazioni e le sigle dei giovani professionisti e sono emerse difficoltà comuni. I temi più discussi sono stati la necessità di mantenere il numero programmato nell’accesso al corso di Medicina e l’imbuto formativo nel quale molti laureati vengono intrappolati.

Alessandro Bonsignore, Coordinatore dell’Osservatorio dei Giovani professionisti della Fnomceo (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) ha tracciato con noi un bilancio della giornata e indicato quali sono le priorità da cui partire per migliorare la difficile situazione dei giovani medici italiani.

LEGGI ANCHE: GIOVANI MEDICI,EMANUELE SPINA (SIGM): «RISOLVERE INBUTO FORMATIVO E LAVORATIVO CON UNA PRESA IN CARICO GLOBALE DEI PROBLEMI»

Agli Stati generali del giovane medico sono emerse tutte le problematiche esistenti e le soluzioni condivise: quali sono?

«È stata una giornata storica: per la prima volta abbiamo messo a sedere tutte le associazioni e le sigle di giovani professionisti che si occupano delle problematiche inerenti l’inizio della carriera dei giovani medici. Sono emerse criticità comuni: c’è una condivisione assoluta delle problematiche principali e questo ci consente di poter uscire all’esterno con una voce univoca che possa essere ascoltata. La prima, tra le tematiche emerse, è l’assoluta necessità di salvaguardare il numero che non deve essere “chiuso” bensì programmato in base alle esigenze del SSN da qui ai prossimi anni. Sappiamo che chi entra oggi nel corso di Laurea in medicina non può sanare la carenza di medici che c’è oggi perché sarà pronto per entrare nel sistema tra 10-12 anni: c’è stata una programmazione e va consentito a tutti coloro che entrano nel sistema medicina di poter trovare, al momento della laurea, una scuola di specializzazione che li accoglie per poter completare il proprio percorso formativo. L’altra grossa tematica che è emersa è quella dell’imbuto formativo. Non c’è carenza di medici ma di specialisti; ci sono molti colleghi laureati pronti per essere avviati ad un percorso di formazione ma per problemi di natura prettamente economica non ci sono le borse necessarie a poterli formare. Ecco che allora anche le Regioni , che in questi giorni stanno paventando la necessità di assumere medici dall’estero o richiamare pensionati al lavoro per colmare le carenze di personale, dovrebbero investire le risorse in formazione. Risorse che evidentemente ci sono se si pensa di assumere nuovo personale: ecco dovrebbero essere utilizzate per creare borse di formazione regionale e consentire a 10mila medici pronti di entrare a far parte del sistema. Medici italiani, formati qui e su cui il paese ha investito ed è giusto che trovino una collocazione lavorativa».

LEGGI ANCHE: STATI GENERALI DEL GIOVANE MEDICO, QUICI (CIMO): «INSISTERE SUL CERTIFICATO CURRICULARE DEL SINGOLO»

Un’altra cosa: la Fnomceo ha lanciato il portale “Dottore ma è vero che…?” un anno fa: qual è il bilancio?

«È un bilancio assolutamente positivo. Una delle battaglie più importanti che è necessario portare avanti è quella contro le cosiddette fake news. Il progetto “Dottore ma e vero che…?” consente di creare e diffondere un po’ di cultura tra i cittadini che troppo spesso si rivolgono a mezzi di informazione non accreditati. L’obiettivo è eliminare delle convinzioni che sono frutto di un passaparola privo di un qualsivoglia fondamento scientifico dall’opinione comune. Ecco quindi che far passare dei messaggi corretti, seri – penso ad esempio alla tematica dei vaccini che una di quelle più attuali – è fondamentale per far capire alle persone che è giusto che si parli di sanità nella maniera più comprensibile possibile ma anche che chi ne parla sia competente sull’argomento».

Articoli correlati
CCNL 2016-2018 e adeguamento retributivo turni di Guardia. AAROI-EMAC diffida Aziende e Enti inadempienti
«Anni e anni senza contratto, la sigla del nuovo CCNL avvenuta ben oltre tempo massimo, eppure ancora in molti giocano con i numeri per non applicarlo correttamente. Diverse Aziende e Enti Sanitari, infatti, a ormai sei mesi dalla firma del CCNL 2016-2018, non hanno ancora adeguato la retribuzione dei turni di Guardia». A denunciarlo è […]
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio
Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l'abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»
Spalle al palazzo e via il camice, la protesta degli specializzandi a Montecitorio: «Troppe poche borse, si rischia un esercito di camici grigi»
Sit-in di un centinaio di giovani medici davanti la Camera dei deputati a cui hanno aderito 11 sigle. Di Silverio (Anaao): «Pronto ad incatenarmi se non si risolve l’imbuto formativo». Solidarietà e vicinanza dai parlamentari di tutti i partiti, in piazza anche gli ex ministri Lorenzin e Grillo
Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»
Il presidente dell'Accademia dei Lincei ha poi sottolineato l’importanza, per l'autunno, di aumentare di dieci volte la capacità di fare tamponi. Per Filippo Anelli (FNOMCeO) è necessario «mettere i risultati dei test, nel rispetto della privacy, a disposizione di medici di famiglia e pediatri». Ascoltati anche Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici) e Gualano (Università di Torino)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 giugno, sono 6.185.523 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 372.377 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 31 maggio: Ne...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco