Giovani 27 Marzo 2019

Stati generali del giovane medico, Quici (CIMO): «Insistere sul certificato curriculare del singolo»

Diletta Duranti di CIMO Lab racconta la sua storia: «Ho provato a formarmi al meglio, ma sono sempre stata svantaggiata»

di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Immagine articolo

È la generazione di medici che ha dovuto fare i conti con l’imbuto formativo, il blocco del turnover, il precariato, la carenza di personale, i turni impossibili e la ‘medicina amministrata’. Dagli Stati generali del giovane medico, svoltosi oggi a Roma, lanciano un grido di allarme: le cose così non vanno, bisogna cambiare.

Sul palco si susseguono gli interventi dei rappresentanti di diverse associazioni e sindacati medici come Cimo, Anaao giovani, Sigm, Fimmg, Federspecializzandi, Chi si cura di te, Als, Smi e Snami. Ad ascoltare, la FNOMCeO, che ha organizzato la giornata, e i colleghi più grandi, «venuti per cercare di capire le esigenze dei colleghi», come dichiara a Sanità Informazione il presidente di CIMO Guido Quici. «La cosa più importante ora – prosegue – è vedere cosa dicono i colleghi e capire quale visione hanno le altre organizzazioni sindacali per poter poi trarre le conclusioni. Ma una cosa è certa: noi di CIMO spingeremo molto sul certificato curriculare del singolo, che elenchi le sue attività, le sue competenze e le sue conoscenze, perché se un collega è bravo deve potere dimostrarlo ed entrare facilmente nel mondo del lavoro. Ma non abbiamo volutamente portato una proposta strutturata, che presenteremo a novembre agli stati generali conclusivi e a cui la nostra sezione dedicata ai giovani, CIMO Lab, sta già lavorando».

A portare la voce di CIMO Lab agli Stati generali del giovane medico è Diletta Duranti, che ha scelto di raccontare la sua esperienza personale: «Mi sono laureata nel 2009 a Firenze e sognavo di diventare un medico legale – spiega ai nostri microfoni -. All’epoca il concorso per accedere alla scuola di specializzazione era ancora interno, e per una serie di combinazioni il primo anno non sono riuscita ad entrare. Ho quindi iniziato a lavorare da volontaria in ospedale, a Medicina legale, e dopo un anno mi hanno offerto una collaborazione esterna che ho portato avanti per tre anni nella mia città, ad Arezzo. Nel frattempo mi ero però allontanata dal contesto universitario, quando i concorsi per le specialità erano ancora interni, quindi ho cercato contatti con l’università di Modena che mi ha accolto subito. Ma proprio in quell’anno è arrivato il concorso nazionale e sono cambiate completamente le logiche di ingresso, particolarmente svantaggianti per la mia situazione».

«Sono comunque riuscita ad entrare – continua la dottoressa Duranti – ma a Patologia clinica, non a Medicina legale. Ora sono al quarto anno e ho avuto un percorso totalmente disomogeneo. Ho fatto di tutto per formarmi al meglio e rivendermi sul mercato del lavoro, ma sono stata osteggiata in tutti i modi possibili, cambiandomi le carte in tavola all’ultimo momento. Ho dovuto subire le logiche del sistema a discapito della mia formazione e della mia soddisfazione».

Quando infine le chiediamo della proposta di richiamare in servizio i medici pensionati, Diletta Duranti scoppia a ridere: «La trovo una cosa ridicola. Se si intende assumere delle figure di riferimento che possano formare e aiutare i giovani medici ha un senso, ma se deve diventare una scusa per non erogare nuovi contratti e non prendersi la responsabilità di inserire le nuove leve sul lavoro, allora è qualcosa di totalmente inutile».

 

Articoli correlati
Da FNOMCeO e SIAARTI le linee guida per l’accesso in terapia intensiva in caso di crisi
Il documento congiunto che aiuterà i medici nelle eventuali tragiche scelte sull'accesso in terapia intensiva in situazione di crisi. Criteri rigorosi, espliciti, concorrenti e integrati, valutati sempre caso per caso
Microteam e multidisciplinarietà: le idee di medici e infermieri per la medicina territoriale
In audizione al Senato, sia la Federazione degli Ordini dei Medici che quella degli Infermieri hanno presentato le loro idee per rispondere alla domanda di salute presente e futura del Paese
Seconda ondata, Quici (Cimo-Fesmed): «Sono molto preoccupato. In questi mesi non è stato fatto niente»
Secondo il Presidente del sindacato dei medici, nel lasso di tempo trascorso tra la prima e la seconda ondata di Covid «non è stato fatto nulla: nessun intervento strutturale né sul personale né, soprattutto, sulla formazione». La soluzione? «Lockdown di due settimane»
Manovra 2021, alla sanità 4 miliardi: contratti prorogati e fondo per l’acquisto dei vaccini
Il Consiglio dei Ministri ha approvato ‘salvo-intese’ la manovra economica 2021: 39 miliardi complessivi di cui 24 in deficit e 15 di aiuti europei. Aumentata di un miliardo di euro la dotazione del Fondo Sanitario Nazionale. FNOMCeO approva: «Ottimo segnale, ora avviare stagione rinnovi contratti e convenzioni»
FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni
Il presidente Anelli invita a usare l'esperienza come un insegnamento. I medici morti per Covid lavoravano a Napoli e Roma. Nursing Up protesta contro i nuovi contagi tra infermieri: 10 in 72 ore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...