Giovani 27 Marzo 2019 19:03

Stati generali del giovane medico, Quici (CIMO): «Insistere sul certificato curriculare del singolo»

Diletta Duranti di CIMO Lab racconta la sua storia: «Ho provato a formarmi al meglio, ma sono sempre stata svantaggiata»

di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Stati generali del giovane medico, Quici (CIMO): «Insistere sul certificato curriculare del singolo»

È la generazione di medici che ha dovuto fare i conti con l’imbuto formativo, il blocco del turnover, il precariato, la carenza di personale, i turni impossibili e la ‘medicina amministrata’. Dagli Stati generali del giovane medico, svoltosi oggi a Roma, lanciano un grido di allarme: le cose così non vanno, bisogna cambiare.

Sul palco si susseguono gli interventi dei rappresentanti di diverse associazioni e sindacati medici come Cimo, Anaao giovani, Sigm, Fimmg, Federspecializzandi, Chi si cura di te, Als, Smi e Snami. Ad ascoltare, la FNOMCeO, che ha organizzato la giornata, e i colleghi più grandi, «venuti per cercare di capire le esigenze dei colleghi», come dichiara a Sanità Informazione il presidente di CIMO Guido Quici. «La cosa più importante ora – prosegue – è vedere cosa dicono i colleghi e capire quale visione hanno le altre organizzazioni sindacali per poter poi trarre le conclusioni. Ma una cosa è certa: noi di CIMO spingeremo molto sul certificato curriculare del singolo, che elenchi le sue attività, le sue competenze e le sue conoscenze, perché se un collega è bravo deve potere dimostrarlo ed entrare facilmente nel mondo del lavoro. Ma non abbiamo volutamente portato una proposta strutturata, che presenteremo a novembre agli stati generali conclusivi e a cui la nostra sezione dedicata ai giovani, CIMO Lab, sta già lavorando».

A portare la voce di CIMO Lab agli Stati generali del giovane medico è Diletta Duranti, che ha scelto di raccontare la sua esperienza personale: «Mi sono laureata nel 2009 a Firenze e sognavo di diventare un medico legale – spiega ai nostri microfoni -. All’epoca il concorso per accedere alla scuola di specializzazione era ancora interno, e per una serie di combinazioni il primo anno non sono riuscita ad entrare. Ho quindi iniziato a lavorare da volontaria in ospedale, a Medicina legale, e dopo un anno mi hanno offerto una collaborazione esterna che ho portato avanti per tre anni nella mia città, ad Arezzo. Nel frattempo mi ero però allontanata dal contesto universitario, quando i concorsi per le specialità erano ancora interni, quindi ho cercato contatti con l’università di Modena che mi ha accolto subito. Ma proprio in quell’anno è arrivato il concorso nazionale e sono cambiate completamente le logiche di ingresso, particolarmente svantaggianti per la mia situazione».

«Sono comunque riuscita ad entrare – continua la dottoressa Duranti – ma a Patologia clinica, non a Medicina legale. Ora sono al quarto anno e ho avuto un percorso totalmente disomogeneo. Ho fatto di tutto per formarmi al meglio e rivendermi sul mercato del lavoro, ma sono stata osteggiata in tutti i modi possibili, cambiandomi le carte in tavola all’ultimo momento. Ho dovuto subire le logiche del sistema a discapito della mia formazione e della mia soddisfazione».

Quando infine le chiediamo della proposta di richiamare in servizio i medici pensionati, Diletta Duranti scoppia a ridere: «La trovo una cosa ridicola. Se si intende assumere delle figure di riferimento che possano formare e aiutare i giovani medici ha un senso, ma se deve diventare una scusa per non erogare nuovi contratti e non prendersi la responsabilità di inserire le nuove leve sul lavoro, allora è qualcosa di totalmente inutile».

 

Articoli correlati
“Medici eroi”, ma mancano finanziamenti per aumentare personale. Le richieste di CIMO alla politica
In occasione della presentazione di "Giuro di non dimenticare" il presidente CIMO Quici incontra la senatrice Castellone. Un punto comune sopra tutti: servono finanziamenti per nuove assunzioni, che il PNRR non garantisce. La soluzione forse nella Legge di Bilancio
Gli anestesisti contestano Anelli: «Il documento Fnomceo disegna contorni aberranti per il 118»
Aaroi Emac disapprova l’audizione in Senato della Federazione degli Ordini dei Medici sulla riforma del 118
Medici e infermieri no vax sospesi, chi li sostituisce? Ne parliamo con Leoni (CIMO) e De Palma (Nursing Up)
Chi prende il posto degli operatori sanitari non vaccinati che vengono sospesi in questi giorni? Da Nursing Up un messaggio critico verso il carico aumentato sui colleghi rimasti a lavoro, da CIMO la certezza sui numeri ancora bassi
La proposta FNOMCeO: chiedere status vaccinale a chi accede a SSN e provare a convincere indecisi
Come convincere chi non vuole fare il vaccino? Prima di pensare all'obbligo il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici Anelli fa una proposta a Speranza
Facoltà di Medicina, FNOMCeO: «Oltre 14000 posti ma tra sei anni meno della metà riuscirà a specializzarsi»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici Filippo Anelli: «Far corrispondere, per legge, ogni laurea a una borsa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco