Lavoro 22 Marzo 2019 12:00

Intramoenia, CIMO-FESMED: «Bene proposta sciopero per dimostrare assenza legame con liste d’attesa»

La federazione spiega: «I nodi non sono nella possibilità di esercitare visite fuori dai propri turni ospedalieri, che invece supportano il flusso della domanda di prestazioni che arrivano ai CUP, ma nella mancanza di medici sufficienti nei turni e di investimenti in tecnologie sanitarie efficienti»

Intramoenia, CIMO-FESMED: «Bene proposta sciopero per dimostrare assenza legame con liste d’attesa»

Pieno appoggio di CIMO-FESMED alla proposta di “sciopero dell’intramoenia” dell’OMCeO di Lecce per dimostrare come «l’attività dei medici in libera professione non sia minimamente connessa con il problema delle liste d’attesa e che criminalizzare i medici è solo un paravento per deviare l’attenzione e lo scontento da responsabilità politiche e inefficienze gestionali».

LEGGI ANCHE: INTRAMOENIA, QUICI (CIMO): «È UN RISPARMIO MA NON VIENE REINVESTITO SULLE LISTE D’ATTESA, ANZI…»

«Sin dallo scorso novembre – scrive la federazione in una nota – abbiamo infatti invitato i medici pugliesi all’ “autosospensione dalla libera professione” per dimostrare polemicamente che il fermo di tali attività, che pur rappresentano una percentuale irrisoria dell’attività ambulatoriale erogata in una struttura ospedaliera, porterebbe ad ulteriori allungamenti delle liste di attesa».

«I nodi infatti – prosegue – non sono nella possibilità di esercitare visite fuori dai propri turni ospedalieri, che invece supportano il flusso della domanda di prestazioni che arrivano ai CUP, ma nella mancanza di medici sufficienti nei turni e in particolare di medici specializzati, oltre che di investimenti in tecnologie sanitarie efficienti. La storia vera è quella di una forte carenza di medici e assistenza di fronte alle richieste dei pazienti. Che peggiorerà se si blocca la libera professione».

LEGGI ANCHE: INTRAMOENIA, PARLA IL PRESIDENTE DEL COLLEGIO CHIRURGHI FILIPPO LA TORRE: «NESSUN COLLEGAMENTO CON LISTE D’ATTESA, DIBATTITO IN CORSO E’ FUORVIANTE»

«Il nostro invito dei mesi passati e la proposta dell’Omceo di Lecce – conclude CIMO-FESMED – ricordano al Governo e alle Regioni che siamo disposti anche da domani a un banco di prova. L’unico scrupolo che ci trattiene è la nostra responsabilità verso i pazienti, che vivrebbero un ulteriore peggioramento delle liste di attesa conseguente ad una strategia di governo – nazionale e regionale – sbagliata, pericolosa e incosciente. O forse cosciente di voler peggiorare a tal punto la sanità pubblica da renderla residuale rispetto a quella privata o convenzionata».

 

Articoli correlati
Dopo i medici cubani, la Calabria apre agli specializzandi. Viola (Federspecializzandi): «Servono cambiamenti strutturali»
Per contrastare la grave carenza di medici, la Regione Calabria ha pubblicato un avviso per reclutare specializzandi da tutta italia. Federspecializzandi: «Positivo, ma per specializzandi non è una scelta facile»
Liste d’attesa: Piemonte rivoluzione sistema presa in carico e punta ad abbatterle entro fine anno
Grazie ad un budget supplementare di 50 milioni di euro già recuperati il 45 percento dei ricoveri e il 44 percento delle prestazioni ambulatoriali arretrate. A settembre al via la fase pilota del nuovo sistema per mammografie e visite cardiologiche
Elezioni, CIMO-FESMED: «No a slogan o promesse irrealizzabili. Proposte concrete per salvare SSN»
«Le domande sono numerose, e le risposte di certo non semplici – commenta Guido Quici, Presidente CIMO-FESMED-. Ma ci auguriamo che trovino spazio nei programmi elettorali di tutti gli attori in campo, in attesa del dibattito pubblico organizzato dall’intersindacale della dirigenza medica e sanitaria in programma per il prossimo 14 settembre»
Lazio, via a piano straordinario per recuperare le liste di attesa
La Giunta regionale del Lazio presenta il Piano di recupero delle liste d'attesa per un investimento pari a 48 milioni di euro. Previste strutture aperte la sera e nel weekend
Liste d’attesa, la proposta CIMO-FESMED per recuperare 22 milioni di ore di assistenza l’anno
Il sindacato: «Dedicare le 4 ore a settimana previste per attività non assistenziali a prestazioni mediche aggiuntive per abbattere le liste d’attesa, prevedendo una retribuzione extra-contrattuale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi