Politica 14 Dicembre 2018 19:40

Intramoenia, Quici (Cimo): «È un risparmio ma non viene reinvestito sulle liste d’attesa, anzi…»

«L’intramoenia è un’attività marginale dei medici, svolta al di fuori dell’orario di lavoro, che in sette anni ha fatto guadagnare alle aziende sanitarie oltre 1 miliardo di euro. Soldi che dovevano essere destinati anche alla riduzione delle liste d’attesa. Lo hanno fatto?». Intervista al presidente della Cimo Guido Quici

Intramoenia, Quici (Cimo): «È un risparmio ma non viene reinvestito sulle liste d’attesa, anzi…»

Il messaggio emerso dall’incontro dedicato all’intramoenia, organizzato dal Collegio italiano dei chirurghi, intende ribaltare l’idea secondo cui la libera professione contribuirebbe all’allungamento delle liste d’attesa. Al contrario, si tratta di «un’attività marginale a cui i medici, vista l’organizzazione dei turni e dell’orario di servizio, non possono dedicare molte ore, svolta ad ogni modo al di fuori dell’orario di lavoro, che fa guadagnare al professionista il 30% del costo sostenuto dal paziente e che indirettamente contribuisce, al contrario di quel che si pensa, alla riduzione delle liste d’attesa», ha dichiarato il presidente della Cimo Guido Quici, tra i relatori intervenuti al convegno.

È questo il nocciolo del discorso, il fil rouge di tutta la discussione. Il nuovo Piano nazionale liste d’attesa e la prima bozza del decreto legge ‘Semplificazione’, infatti, intervengono a gamba tesa sull’intramoenia: ne prevedono una interruzione in caso di superamento dei limiti temporali previsti per l’erogazione di prestazioni ambulatoriali e ricoveri. Se quindi l’attesa è troppo lunga, il medico non potrà fornire la prestazione in regime di libera professione. Si instaura allora un legame di causa-effetto tra intramoenia e liste d’attesa che, a detta dei partecipanti del convegno, in realtà non c’è.

LEGGI ANCHE: ROSY BINDI, MADRE DELL’INTRAMOENIA, RICORDA: «È NATA PER ABBATTERE LE LISTE D’ATTESA, MA È STATA GESTITA DA APPRENDISTI STREGONI»

«Anche se la libera professione venisse sospesa – spiega Quici a Sanità Informazionele liste d’attesa non ne beneficerebbero in alcun modo, perché se l’offerta sanitaria istituzionale è limitata, i tempi di attesa saranno sempre lunghi. Bisogna invece aumentare il personale, adeguare le tecnologie e motivare i medici. Questo disegno di legge, invece – prosegue il presidente Cimo – fa esattamente l’opposto, e tende inoltre ad incentivare i medici a lavorare nel privato, e quindi i pazienti a non rivolgersi più a strutture pubbliche. Inoltre – continua – si pone fine al rapporto fiduciario medico-paziente che, senza la possibilità dell’intramoenia e con tempi di attesa biblici per una prestazione, si troverebbe costretto a pagare un altro professionista, che magari non l’ha seguito durante il ricovero. Insomma, è un meccanismo demenziale».

Ma l’intramoenia, si diceva al convegno, contribuisce anche alla riduzione delle liste d’attesa e all’ammodernamento delle strutture, ad esempio. È ancora Quici a corredare queste dichiarazioni di numeri e tabelle: «Tra il 2010 ed il 2016 – spiega – in media le aziende sanitarie hanno ricavato dalla libera professione tra i 164 ed i 228 milioni di euro l’anno; in totale, secondo i nostri calcoli, hanno accumulato un tesoretto pari a 1 miliardo 225 milioni che dovevano essere destinati a ridurre le liste d’attesa o ad adeguare il parco tecnologico. Lo hanno fatto? Sono stati stanziati 350 milioni per la riduzione delle liste d’attesa, ma oltre ai nuovi finanziamenti bisognerebbe vedere per cosa le aziende hanno utilizzato questi soldi».

Infatti, come anticipato, solo una percentuale del costo della prestazione va nelle tasche del medico: «Se una visita ortopedica in regime di intramoenia costa al paziente 124 euro – dichiara Quici – il medico ne guadagna 40. Perché è supertassata, ci si paga la quota Enpam e una parte va, appunto, all’azienda. Inoltre il 5% della tariffa va a finire nel fondo per ridurre le liste d’attesa, che quindi, in caso di eliminazione dell’intramoenia, sarebbe definanziato. Bel paradosso, no?».

LEGGI ANCHE: LISTE D’ATTESA, BOLOGNA (M5S): «ORA DG SARANNO VALUTATI ANCHE PER QUESTO. SANITÀ PIÙ TRASPARENTE E FUNZIONALE CI AIUTERÀ A PREVENIRE ANCHE LE AGGRESSIONI»

Articoli correlati
“Medici eroi”, ma mancano finanziamenti per aumentare personale. Le richieste di CIMO alla politica
In occasione della presentazione di "Giuro di non dimenticare" il presidente CIMO Quici incontra la senatrice Castellone. Un punto comune sopra tutti: servono finanziamenti per nuove assunzioni, che il PNRR non garantisce. La soluzione forse nella Legge di Bilancio
Medici e infermieri no vax sospesi, chi li sostituisce? Ne parliamo con Leoni (CIMO) e De Palma (Nursing Up)
Chi prende il posto degli operatori sanitari non vaccinati che vengono sospesi in questi giorni? Da Nursing Up un messaggio critico verso il carico aumentato sui colleghi rimasti a lavoro, da CIMO la certezza sui numeri ancora bassi
In Sardegna tornano i “medici in affitto” per fronteggiare la carenza di personale
Una società esterna fornirà i medici per il Punto di Primo Intervento dell’ospedale di Delogu (Oristano). I presidenti degli OMCeO sardi non ci stanno: «Scelta inopportuna, serve attivare un nuovo corso di formazione». Quici (Cimo): «Così si creano medici di serie A e medici di Serie B»
“Giuro di non dimenticare”, ventotto storie di medici dal fronte
Il libro, curato da Cimo Lab, vuole essere una testimonianza che vada al di là di come viene raccontata sui media la pandemia da Covid-19
CIMO-FESMED: «98% di Aziende sanitarie non hanno applicato contratto. Medici penalizzati e con condizioni di 15 anni fa»
La Federazione: «Bene patto per lavoro e coesione sociale, ma in sanità servono tempi certi per contrattazione decentrata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco