Lavoro 14 Dicembre 2018

Intramoenia, Quici (Cimo): «È un risparmio ma non viene reinvestito sulle liste d’attesa, anzi…»

«L’intramoenia è un’attività marginale dei medici, svolta al di fuori dell’orario di lavoro, che in sette anni ha fatto guadagnare alle aziende sanitarie oltre 1 miliardo di euro. Soldi che dovevano essere destinati anche alla riduzione delle liste d’attesa. Lo hanno fatto?». Intervista al presidente della Cimo Guido Quici

Immagine articolo

Il messaggio emerso dall’incontro dedicato all’intramoenia, organizzato dal Collegio italiano dei chirurghi, intende ribaltare l’idea secondo cui la libera professione contribuirebbe all’allungamento delle liste d’attesa. Al contrario, si tratta di «un’attività marginale a cui i medici, vista l’organizzazione dei turni e dell’orario di servizio, non possono dedicare molte ore, svolta ad ogni modo al di fuori dell’orario di lavoro, che fa guadagnare al professionista il 30% del costo sostenuto dal paziente e che indirettamente contribuisce, al contrario di quel che si pensa, alla riduzione delle liste d’attesa», ha dichiarato il presidente della Cimo Guido Quici, tra i relatori intervenuti al convegno.

È questo il nocciolo del discorso, il fil rouge di tutta la discussione. Il nuovo Piano nazionale liste d’attesa e la prima bozza del decreto legge ‘Semplificazione’, infatti, intervengono a gamba tesa sull’intramoenia: ne prevedono una interruzione in caso di superamento dei limiti temporali previsti per l’erogazione di prestazioni ambulatoriali e ricoveri. Se quindi l’attesa è troppo lunga, il medico non potrà fornire la prestazione in regime di libera professione. Si instaura allora un legame di causa-effetto tra intramoenia e liste d’attesa che, a detta dei partecipanti del convegno, in realtà non c’è.

LEGGI ANCHE: ROSY BINDI, MADRE DELL’INTRAMOENIA, RICORDA: «È NATA PER ABBATTERE LE LISTE D’ATTESA, MA È STATA GESTITA DA APPRENDISTI STREGONI»

«Anche se la libera professione venisse sospesa – spiega Quici a Sanità Informazionele liste d’attesa non ne beneficerebbero in alcun modo, perché se l’offerta sanitaria istituzionale è limitata, i tempi di attesa saranno sempre lunghi. Bisogna invece aumentare il personale, adeguare le tecnologie e motivare i medici. Questo disegno di legge, invece – prosegue il presidente Cimo – fa esattamente l’opposto, e tende inoltre ad incentivare i medici a lavorare nel privato, e quindi i pazienti a non rivolgersi più a strutture pubbliche. Inoltre – continua – si pone fine al rapporto fiduciario medico-paziente che, senza la possibilità dell’intramoenia e con tempi di attesa biblici per una prestazione, si troverebbe costretto a pagare un altro professionista, che magari non l’ha seguito durante il ricovero. Insomma, è un meccanismo demenziale».

Ma l’intramoenia, si diceva al convegno, contribuisce anche alla riduzione delle liste d’attesa e all’ammodernamento delle strutture, ad esempio. È ancora Quici a corredare queste dichiarazioni di numeri e tabelle: «Tra il 2010 ed il 2016 – spiega – in media le aziende sanitarie hanno ricavato dalla libera professione tra i 164 ed i 228 milioni di euro l’anno; in totale, secondo i nostri calcoli, hanno accumulato un tesoretto pari a 1 miliardo 225 milioni che dovevano essere destinati a ridurre le liste d’attesa o ad adeguare il parco tecnologico. Lo hanno fatto? Sono stati stanziati 350 milioni per la riduzione delle liste d’attesa, ma oltre ai nuovi finanziamenti bisognerebbe vedere per cosa le aziende hanno utilizzato questi soldi».

Infatti, come anticipato, solo una percentuale del costo della prestazione va nelle tasche del medico: «Se una visita ortopedica in regime di intramoenia costa al paziente 124 euro – dichiara Quici – il medico ne guadagna 40. Perché è supertassata, ci si paga la quota Enpam e una parte va, appunto, all’azienda. Inoltre il 5% della tariffa va a finire nel fondo per ridurre le liste d’attesa, che quindi, in caso di eliminazione dell’intramoenia, sarebbe definanziato. Bel paradosso, no?».

LEGGI ANCHE: LISTE D’ATTESA, BOLOGNA (M5S): «ORA DG SARANNO VALUTATI ANCHE PER QUESTO. SANITÀ PIÙ TRASPARENTE E FUNZIONALE CI AIUTERÀ A PREVENIRE ANCHE LE AGGRESSIONI»

Articoli correlati
Contratto medici, Quici (CIMO-FESMED): «Proposte Aran inaccettabili, rimandiamo la parte normativa»
Il presidente della Federazione: «Accorpamento fondi danneggia i medici e favorisce la dirigenza sanitaria non medica». Sulla doppia carriera: «Se si attinge alla posizione variabile dello stipendio del singolo medico, lo stipendio di chi non ha un incarico di alta specialità verrà decurtato»
#DestinazioneSanità | Liguria, lavori in corso: si sta costruendo una nuova sanità
La sanità ligure sta attraversando un momento di grande trasformazione. Per raccontarlo, siamo andati a Genova e abbiamo incontrato istituzioni, medici, direzioni ospedaliere e sindacalisti che ci hanno raccontato in che direzione sta andando la sanità della Regione tra privatizzazioni, nuovi ospedali, nuove politiche e nuovi modelli assistenziali. Ma con medici sempre più anziani. Cecchini (CIMO): «Sono cambiamenti importanti che richiedono al sindacato una forte attenzione e un forte impegno»
Emergenza-urgenza, CIMO-FESMED al ministro Grillo: «Necessario tavolo per migliorare procedure di assistenza»
Il Presidente federale Guido Quici: «La presenza di un medico sui mezzi di soccorso avanzato è fondamentale. La carenza di medici non sia una scusa»
Nuovo patto federativo CIMO-Fesmed e CIMOP, Quici: «Ospedalieri pubblici e privati insieme per la centralità della professione»
Il primo accordo di sinergia del mondo sanitario pubblico e privato in Italia, che porta ad una rappresentanza sindacale convergente di circa 17mila medici ospedalieri. Il segretario CIMOP De Rango: «L’unione rafforza rappresentanza e rappresentatività per i diritti di tutti i medici»
Formazione, Cimo diffida strutture sanitarie: troppi medici costretti a rinunciare a ECM per coprire turni e carenze
«Le aziende - sottolinea il Presidente CIMO Guido Quici - impegnano sempre meno risorse per la formazione, tanto che tra il 2010 e il 2016 la spesa delle aziende sanitarie e ospedaliere è diminuita del 32,55% passando da 147,8 mln a 99,7 mln di euro». Il sindacato chiede che entro 30 giorni siano attivati o ripristinati gli strumenti e i tempi a disposizione dei medici da dedicare ad un effettivo aggiornamento professionale nell’ambito delle ore lavorative istituzionali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano