Lavoro 14 Dicembre 2018

Intramoenia, Quici (Cimo): «È un risparmio ma non viene reinvestito sulle liste d’attesa, anzi…»

«L’intramoenia è un’attività marginale dei medici, svolta al di fuori dell’orario di lavoro, che in sette anni ha fatto guadagnare alle aziende sanitarie oltre 1 miliardo di euro. Soldi che dovevano essere destinati anche alla riduzione delle liste d’attesa. Lo hanno fatto?». Intervista al presidente della Cimo Guido Quici

Immagine articolo

Il messaggio emerso dall’incontro dedicato all’intramoenia, organizzato dal Collegio italiano dei chirurghi, intende ribaltare l’idea secondo cui la libera professione contribuirebbe all’allungamento delle liste d’attesa. Al contrario, si tratta di «un’attività marginale a cui i medici, vista l’organizzazione dei turni e dell’orario di servizio, non possono dedicare molte ore, svolta ad ogni modo al di fuori dell’orario di lavoro, che fa guadagnare al professionista il 30% del costo sostenuto dal paziente e che indirettamente contribuisce, al contrario di quel che si pensa, alla riduzione delle liste d’attesa», ha dichiarato il presidente della Cimo Guido Quici, tra i relatori intervenuti al convegno.

È questo il nocciolo del discorso, il fil rouge di tutta la discussione. Il nuovo Piano nazionale liste d’attesa e la prima bozza del decreto legge ‘Semplificazione’, infatti, intervengono a gamba tesa sull’intramoenia: ne prevedono una interruzione in caso di superamento dei limiti temporali previsti per l’erogazione di prestazioni ambulatoriali e ricoveri. Se quindi l’attesa è troppo lunga, il medico non potrà fornire la prestazione in regime di libera professione. Si instaura allora un legame di causa-effetto tra intramoenia e liste d’attesa che, a detta dei partecipanti del convegno, in realtà non c’è.

LEGGI ANCHE: ROSY BINDI, MADRE DELL’INTRAMOENIA, RICORDA: «È NATA PER ABBATTERE LE LISTE D’ATTESA, MA È STATA GESTITA DA APPRENDISTI STREGONI»

«Anche se la libera professione venisse sospesa – spiega Quici a Sanità Informazionele liste d’attesa non ne beneficerebbero in alcun modo, perché se l’offerta sanitaria istituzionale è limitata, i tempi di attesa saranno sempre lunghi. Bisogna invece aumentare il personale, adeguare le tecnologie e motivare i medici. Questo disegno di legge, invece – prosegue il presidente Cimo – fa esattamente l’opposto, e tende inoltre ad incentivare i medici a lavorare nel privato, e quindi i pazienti a non rivolgersi più a strutture pubbliche. Inoltre – continua – si pone fine al rapporto fiduciario medico-paziente che, senza la possibilità dell’intramoenia e con tempi di attesa biblici per una prestazione, si troverebbe costretto a pagare un altro professionista, che magari non l’ha seguito durante il ricovero. Insomma, è un meccanismo demenziale».

Ma l’intramoenia, si diceva al convegno, contribuisce anche alla riduzione delle liste d’attesa e all’ammodernamento delle strutture, ad esempio. È ancora Quici a corredare queste dichiarazioni di numeri e tabelle: «Tra il 2010 ed il 2016 – spiega – in media le aziende sanitarie hanno ricavato dalla libera professione tra i 164 ed i 228 milioni di euro l’anno; in totale, secondo i nostri calcoli, hanno accumulato un tesoretto pari a 1 miliardo 225 milioni che dovevano essere destinati a ridurre le liste d’attesa o ad adeguare il parco tecnologico. Lo hanno fatto? Sono stati stanziati 350 milioni per la riduzione delle liste d’attesa, ma oltre ai nuovi finanziamenti bisognerebbe vedere per cosa le aziende hanno utilizzato questi soldi».

Infatti, come anticipato, solo una percentuale del costo della prestazione va nelle tasche del medico: «Se una visita ortopedica in regime di intramoenia costa al paziente 124 euro – dichiara Quici – il medico ne guadagna 40. Perché è supertassata, ci si paga la quota Enpam e una parte va, appunto, all’azienda. Inoltre il 5% della tariffa va a finire nel fondo per ridurre le liste d’attesa, che quindi, in caso di eliminazione dell’intramoenia, sarebbe definanziato. Bel paradosso, no?».

LEGGI ANCHE: LISTE D’ATTESA, BOLOGNA (M5S): «ORA DG SARANNO VALUTATI ANCHE PER QUESTO. SANITÀ PIÙ TRASPARENTE E FUNZIONALE CI AIUTERÀ A PREVENIRE ANCHE LE AGGRESSIONI»

Articoli correlati
#DestinazioneSanità | Viaggio in Veneto, il miglior sistema sanitario regionale d’Italia (?)
GUARDA IL VIDEO | Un sistema che assicura ottimi risultati ma che non è più attrattivo per i medici, che scappano all’estero o si rifugiano nella medicina generale. Dal Sasso (Cimo Veneto): «Ci sarà un motivo se ad un concorso per 10 posti di postino si presentano 20mila candidati e per 80 posti di medici di pronto soccorso se ne presentano solo tre…»
CIMO impugna la delibera del Veneto sulle competenze avanzate delle professioni sanitarie
«La deliberazione impugnata è in pretesa applicazione del contratto collettivo nazionale del comparto Sanità ed in contrasto con la normativa di legge nazionale», spiega il sindacato
Contratto, Quici (CIMO-Fesmed): «Firmiamo e poi disdiciamo». E sulle risorse alla sanità: «2 miliardi insufficienti, serve shock»
Il presidente della Federazione CIMO-Fesmed fa il bilancio dell’anno che sta per concludersi: «Un anno faticoso e importante, che ha posto le basi di un’aggregazione sindacale che rappresenterà 19mila medici»
#DestinazioneSanità | Lombardia, come tutelare un’eccellenza: istruzioni per l’uso
La nuova puntata del reportage #DestinazioneSanità, in collaborazione con il sindacato CIMO, è dedicata ad uno dei sistemi sanitari più qualificati d’Europa, quello lombardo. Abbiamo visitato gli ospedali, parlato con i medici e incontrato le istituzioni. Quello che ne è emerso è un quadro in chiaroscuro e un libretto di istruzioni dal titolo: come tutelare un’eccellenza
«Riaprire tavolo negoziale per correggere il contratto dei medici». La richiesta di Cimo-Fesmed ad ARAN
La Federazione presieduta da Guido Quici denuncia modifiche unilaterali di ARAN alla preintesa. Inoltre chiederà il supporto delle associazioni nazionali per i disabili per ottenere la modifica dell’articolo della preintesa che ha cancellato le tutele per i medici portatori di handicap
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano