Lavoro 15 novembre 2018

Contratto medici, il pressing di Guido Quici (CIMO) sulle istituzioni: «Intasiamo i social dei politici»

Un tweetmob per puntare i riflettori sulla protesta della categoria: «Ci sono strumenti che stanno facendo la fortuna di alcuni, utilizziamoli anche noi». Ma il presidente della CIMO si dice «moderatamente ottimista» per lo sblocco della RIA

Immagine articolo

C’è un misto di ottimismo e paura nelle parole che Guido Quici, presidente della CIMO, ha utilizzato per raccontare l’incontro con la Commissione Affari Sociali sull’annosa questione del rinnovo del contratto di medici, veterinari e dirigenti sanitari. Ottimismo per la «disponibilità dimostrata» e l’intenzione della presidente Marialucia Lorefice (M5S) di intervenire per sbloccare la Retribuzione Individuale di Anzianità. Paura, anzi, «terrore» che le Regioni si oppongano allo sblocco, poiché «la RIA è un avanzo di amministrazione in prima istanza per le aziende, e in seconda istanza per le Regioni».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, SPIRAGLIO NELLA TRATTATIVA. PALERMO (ANAAO): «C’È APERTURA DI COMMISSIONE AFFARI SOCIALI PER SBLOCCO»

L’intenzione di incrociare le braccia il 23 novembre dunque rimane e, anzi, in assenza di cambiamenti concreti Quici si augura che «sia l’inizio di una serie di iniziative. Se fosse per me – ci ha rivelato Quici a margine dell’assemblea pubblica in cui i sindacati si sono confrontati con esponenti di diversi partiti politici – farei uno sciopero a scacchiera, bloccando tutti i servizi con cadenza periodica. Se fosse per me – ha continuato – intaserei i social di tutti i parlamentari e degli assessori regionali. Ci sono strumenti che stanno facendo la fortuna di alcuni, non vedo per quale motivo non possiamo utilizzarli anche noi».

Un tweetmob per puntare i riflettori social sulle lotte della categoria, quindi, che vanno al di là del rinnovo del contratto di lavoro: tra i temi che hanno portato i sindacati a proclamare lo stato di agitazione ci sono infatti anche lo smantellamento del Servizio Sanitario Nazionale, il peggioramento delle condizioni di lavoro, la mancanza delle assunzioni, l’incertezza del futuro dei giovani lasciati fuori dalla formazione post laurea. È il possibile sblocco della RIA, però, a catalizzare l’attenzione di chi è intervenuto agli incontri.

«La RIA, oggi – ha spiegato Quici -, rimane nella pancia delle aziende e delle Regioni e viene utilizzata per tanti scopi, tranne che per la progressione di carriera di medici e dirigenti sanitari. Da un lato quindi non c’è nessun risparmio; dall’altro si preclude la carriera dei dirigenti, e quindi si impedisce al medico di lavorare con maggiore stimolo, che sarà poi facilmente portato ad uscire dalla struttura pubblica e andare nella struttura privata».

LEGGI ANCHE: AUTODIMISSIONI DEGLI OSPEDALIERI E FUGA DAL SSN, LE REAZIONI DEI LETTORI AL RACCONTO DI UNA VITA SOFFOCANTE

«Sbloccarla è una questione politica – ha proseguito – e con un emendamento si può risolvere la questione. Al Ministero per la Pubblica Amministrazione stanno lavorando nell’ottica di inserire un emendamento all’interno del decreto Concretezza e rimettere così la RIA in gioco. Ci consentirebbe di retribuire il disagio, quindi tutto quello che riguarda, ad esempio, il lavoro straordinario, le guardie o le reperibilità. In un contesto in cui gli ospedali sono gravemente sotto organico, è normale che queste risorse, stimate in diversi milioni di euro, siano vitali».

C’è anche una questione di tempistica, da tenere in considerazione: «La gobba pensionistica sta iniziando adesso e proseguirà nei prossimi anni – ha spiegato il presidente della CIMO -. Tutti i colleghi che andranno in pensione hanno una RIA elevata che poi scomparirà, visto che fu bloccata nel 1993 e i neo assunti, quindi, non ce l’hanno proprio. Se non si interviene adesso, tutte queste risorse verranno riassorbite dalle aziende e non verranno impegnate per la progressione di carriera. Significa che un medico andrà in pensione con lo stesso stipendio di quando ha iniziato la sua attività, 30 anni prima. E questo la dice lunga sulla predisposizione dei più giovani e dei più bravi ad andare a lavorare nel privato. Poi, se Governo e Regioni vogliono che le strutture pubbliche chiudano, basta dirlo».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, QUICI (CIMO): «MANCATO RINNOVO ACCENTUERÀ FUGA CAMICI BIANCHI. DA POLITICA DISINTERESSE TOTALE»

Articoli correlati
Liste d’attesa, approvato il nuovo Piano nazionale. Il ministro Grillo esulta, ma per i sindacati è «un gioco di prestigio»
Il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini: «È meritorio che sia stato trovato un accordo tra Regioni e Governo». CIMO: «Il nodo reale da affrontare è il ridotto finanziamento su sanità e personale». Anaao: «È la fiera dell’ipocrisia»
Si uniscono CIMO e FESMED: nasce sindacato da 15mila iscritti. Il presidente della Federazione Quici: «Ora dritti ai problemi con spirito rinnovato»
Le due organizzazioni della dirigenza medica danno vita alla Federazione CIMO-FESMED. Il presidente vicario Giuseppe Ettore: «Evento importante per dare vita ad un progetto ancora più forte ed efficace. Tutto quello che sta accadendo nella sanità rende necessaria minore frammentarietà sindacale». Tra le priorità da affrontare rinnovo del contratto, libera professione, disagio lavorativo e formazione
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
Contenziosi, Quici (CIMO): «Spostiamo i costi per assicurazioni e processi verso la formazione ECM»
Nel 2016 sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni e i contenziosi, ma solo 100 milioni per la formazione. Il presidente del sindacato: «Le cause vanno ridotte e il rischio va prevenuto, anche investendo di più sulla formazione degli operatori, altrimenti saranno maggiori le risorse sottratte al SSN. Bene Arbitrato della Salute»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Ministro Grillo: a che punto è la notte?
di Aldo Grasselli, Presidente FVM – Federazione Veterinari, medici farmacisti e Dirigenti sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...