Lavoro 15 Novembre 2018

Contratto medici, il pressing di Guido Quici (CIMO) sulle istituzioni: «Intasiamo i social dei politici»

Un tweetmob per puntare i riflettori sulla protesta della categoria: «Ci sono strumenti che stanno facendo la fortuna di alcuni, utilizziamoli anche noi». Ma il presidente della CIMO si dice «moderatamente ottimista» per lo sblocco della RIA

Immagine articolo

C’è un misto di ottimismo e paura nelle parole che Guido Quici, presidente della CIMO, ha utilizzato per raccontare l’incontro con la Commissione Affari Sociali sull’annosa questione del rinnovo del contratto di medici, veterinari e dirigenti sanitari. Ottimismo per la «disponibilità dimostrata» e l’intenzione della presidente Marialucia Lorefice (M5S) di intervenire per sbloccare la Retribuzione Individuale di Anzianità. Paura, anzi, «terrore» che le Regioni si oppongano allo sblocco, poiché «la RIA è un avanzo di amministrazione in prima istanza per le aziende, e in seconda istanza per le Regioni».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, SPIRAGLIO NELLA TRATTATIVA. PALERMO (ANAAO): «C’È APERTURA DI COMMISSIONE AFFARI SOCIALI PER SBLOCCO»

L’intenzione di incrociare le braccia il 23 novembre dunque rimane e, anzi, in assenza di cambiamenti concreti Quici si augura che «sia l’inizio di una serie di iniziative. Se fosse per me – ci ha rivelato Quici a margine dell’assemblea pubblica in cui i sindacati si sono confrontati con esponenti di diversi partiti politici – farei uno sciopero a scacchiera, bloccando tutti i servizi con cadenza periodica. Se fosse per me – ha continuato – intaserei i social di tutti i parlamentari e degli assessori regionali. Ci sono strumenti che stanno facendo la fortuna di alcuni, non vedo per quale motivo non possiamo utilizzarli anche noi».

Un tweetmob per puntare i riflettori social sulle lotte della categoria, quindi, che vanno al di là del rinnovo del contratto di lavoro: tra i temi che hanno portato i sindacati a proclamare lo stato di agitazione ci sono infatti anche lo smantellamento del Servizio Sanitario Nazionale, il peggioramento delle condizioni di lavoro, la mancanza delle assunzioni, l’incertezza del futuro dei giovani lasciati fuori dalla formazione post laurea. È il possibile sblocco della RIA, però, a catalizzare l’attenzione di chi è intervenuto agli incontri.

«La RIA, oggi – ha spiegato Quici -, rimane nella pancia delle aziende e delle Regioni e viene utilizzata per tanti scopi, tranne che per la progressione di carriera di medici e dirigenti sanitari. Da un lato quindi non c’è nessun risparmio; dall’altro si preclude la carriera dei dirigenti, e quindi si impedisce al medico di lavorare con maggiore stimolo, che sarà poi facilmente portato ad uscire dalla struttura pubblica e andare nella struttura privata».

LEGGI ANCHE: AUTODIMISSIONI DEGLI OSPEDALIERI E FUGA DAL SSN, LE REAZIONI DEI LETTORI AL RACCONTO DI UNA VITA SOFFOCANTE

«Sbloccarla è una questione politica – ha proseguito – e con un emendamento si può risolvere la questione. Al Ministero per la Pubblica Amministrazione stanno lavorando nell’ottica di inserire un emendamento all’interno del decreto Concretezza e rimettere così la RIA in gioco. Ci consentirebbe di retribuire il disagio, quindi tutto quello che riguarda, ad esempio, il lavoro straordinario, le guardie o le reperibilità. In un contesto in cui gli ospedali sono gravemente sotto organico, è normale che queste risorse, stimate in diversi milioni di euro, siano vitali».

C’è anche una questione di tempistica, da tenere in considerazione: «La gobba pensionistica sta iniziando adesso e proseguirà nei prossimi anni – ha spiegato il presidente della CIMO -. Tutti i colleghi che andranno in pensione hanno una RIA elevata che poi scomparirà, visto che fu bloccata nel 1993 e i neo assunti, quindi, non ce l’hanno proprio. Se non si interviene adesso, tutte queste risorse verranno riassorbite dalle aziende e non verranno impegnate per la progressione di carriera. Significa che un medico andrà in pensione con lo stesso stipendio di quando ha iniziato la sua attività, 30 anni prima. E questo la dice lunga sulla predisposizione dei più giovani e dei più bravi ad andare a lavorare nel privato. Poi, se Governo e Regioni vogliono che le strutture pubbliche chiudano, basta dirlo».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, QUICI (CIMO): «MANCATO RINNOVO ACCENTUERÀ FUGA CAMICI BIANCHI. DA POLITICA DISINTERESSE TOTALE»

Articoli correlati
Coronavirus, Cimo-Fesmed: «Finalmente chiaro il vero fabbisogno di medici e sanitari»
«Un vero e prolungato stress test quello che il Paese e in particolare la sanità italiana sta affrontando con tutte le sue energie, che sono però oggi troppo esigue a causa del continuo dissanguamento di personale e fondi del SSN». Il commento del presidente della Federazione Cimo-Fesmed Guido Quici
«Siamo come soldati che vanno al fronte a mani nude». Il grido d’allarme dei sindacati: «Mancano dispositivi di protezione»
I sindacati di categoria lamentano le difficoltà organizzative nell’emergenza Coronavirus. Onotri (SMI): «Mancano protocolli standardizzati, in periferie non tutto sta andando per il meglio». Quici (Cimo-Fesmed): «Ospedali impreparati, mancano aree per l’isolamento. Carenza medici può peggiorare». Bottega (Nursind): «In alcune realtà c’è già carenza cronica, grande stress organizzativo». E aggiungono in coro: «Politici, ricordatevi di noi anche fuori dall’emergenza»
#DestinazioneSanità | Viaggio in Veneto, il miglior sistema sanitario regionale d’Italia (?)
GUARDA IL VIDEO | Un sistema che assicura ottimi risultati ma che non è più attrattivo per i medici, che scappano all’estero o si rifugiano nella medicina generale. Dal Sasso (Cimo Veneto): «Ci sarà un motivo se ad un concorso per 10 posti di postino si presentano 20mila candidati e per 80 posti di medici di pronto soccorso se ne presentano solo tre…»
CIMO impugna la delibera del Veneto sulle competenze avanzate delle professioni sanitarie
«La deliberazione impugnata è in pretesa applicazione del contratto collettivo nazionale del comparto Sanità ed in contrasto con la normativa di legge nazionale», spiega il sindacato
Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»
Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della tornata precedente. In corso discussione Governo-sindacati se sono sufficienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 marzo, sono 533.416 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 24.082 i decessi e 122.710 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...