Lavoro 9 Ottobre 2018 09:10

Autodimissioni degli ospedalieri e fuga dal SSN, le reazioni dei lettori al racconto di una vita soffocante

L’intervista al vicepresidente della FNOMCeO Giovanni Leoni è stata l’articolo più letto di settembre ed il più condiviso sui social network. È il sintomo della diffusione del malessere di una categoria che, a lavorare nel sistema sanitario pubblico, proprio non ce la fa più

In un mese, l’articolo sulle “autodimissioni” dei medici e la fuga dal servizio sanitario pubblico è stato letto da più di 30mila persone e, dato ancor più impressionante, condiviso su Facebook da circa 10mila utenti. Sono numeri che fanno ben comprendere quanto sia diffuso il malcontento degli ospedalieri nei confronti di una vita che li strangola, tanto da portare sempre più professionisti ad abbandonarla. Sono dati che evidenziano quanto il bel racconto di Giovanni Leoni, vicepresidente della FNOMCeO e segretario di CIMO Veneto, non sia un caso isolato, ma sia appunto condiviso e condivisibile da migliaia di medici e professionisti sanitari.

Vanno in tal senso, infatti, le decine di commenti sui social, in cui medici e pazienti sottolineano che le situazioni raccontate siano «tutte vere» e raccontano le proprie esperienze personali. «A gennaio anche io andrò in una clinica privata a Bari – scrive un lettore su Facebook -. Mi danno 1000 euro in più. Lavoriamo con grandi responsabilità e in condizioni di lavoro schiavizzanti, e ci danno stipendi di dieci anni fa», riferendosi al mancato rinnovo del contratto della categoria.

«Io sono una di quelli che si sono dimessi – racconta Silvana Baldini -. Ho cambiato vita e sono felice della decisione presa, vista l’insostenibilità dei ritmi negli ultimi tempi». «Anche io ho aperto uno studio privato a km 0 – scrive Angela Gherela -. La vita è cambiata completamente. Sono datore di lavoro di me stessa e sono felicissima». «Vorrei tanto trovare il coraggio per farlo anche io», risponde un’altra utente.

«Non c’è nulla che incoraggi a portare avanti la passione per questa professione: dalla lotta per accedere agli studi, alle difficoltà per la specializzazione, allo sfruttamento del personale – elenca Virginia Bellina -. Non lamentiamoci se poi molti se ne vanno fuori».

«A fare il bilancio dei pro e dei contro ad essere oggi dei medici, vincono inesorabilmente, purtroppo, i contro – rincara la dose Tommasina Carinola -. Oltre a turni massacranti, reperibilità non pagate e la possibilità negata a molti di conseguire una specializzazione, oggi si aggiungono le varie aggressioni durante i turni. I medici arrivano quindi all’esasperazione e decidono di cambiare tutto, pur ricordando benissimo i sacrifici affrontati per arrivare a fare uno dei lavori più belli del mondo».

«Stanno eliminando la sanità pubblica a favore di quella privata. Si arriverà come in America, dove se non non hai l’assicurazione puoi anche morire per strada…» scrive Roger Melax. «E chi ci rimette – aggiunge Elisabetta Damin – è sempre il paziente».

Anche i pazienti hanno scritto la loro, come Maura Petranizzi: «Personalmente penso che non vorrei essere visitata da un medico in queste condizioni. Il rischio di errore è molto alto e non per colpa sua. Credo che la lucidità del medico e dell’infermiere sia indispensabile».

«I tagli e la spending review hanno prodotto e continuano a produrre anche questo – scrive Giuseppe Billè -. Dopo la riduzione dei posti letto e delle strutture sanitarie pubbliche ed il blocco delle assunzioni nella sanità pubblica, non sono solo gli utenti cittadini, almeno quelli che possono, ad affidarsi sempre più alle strutture private sanitarie, ma anche gli operatori, che a quanto sembra non ne possono più».

Infine, Paola Ron quasi urla digitando sulla tastiera: «Stanno riuscendo a distruggere la sanità pubblica migliore al mondo».

PER RACCONTARE LA TUA ESPERIENZA, SCRIVICI SU FACEBOOK O A redazione@sanitainformazione.it

Articoli correlati
Enpam, per medici e dentisti via libera a domande per esonero contributi
L'Enpam avvia la procedura online per ricercare medici e odontoiatri potenzialmente beneficiari dell’esonero dei contributi previdenziali
Come capire se un medico riceve (o riceverà) la giusta pensione
È possibile che un professionista sanitario che non esercita più riceva una pensione più bassa di quanto gli spetterebbe. Errori nelle pratiche amministrative possono portare ad una rata mensile sensibilmente meno corposa di quanto maturato. Abbiamo parlato con Francesco Russo, amministratore Con.Ser.Imp srl, studio associato a Consulcesi & Partners, per capire cosa deve fare un medico per farsi restituire quanto ingiustamente tolto
Dad per i figli dei sanitari, medici contrari. Anelli (Fnomceo): «Siamo sconcertati, ripristinare la deroga»
I figli dei professionisti sanitari erano stati esentati dalla didattica a distanza per dar modo ai genitori di non doversi assentare dal lavoro. Il dietrofront del ministero dell’Istruzione causa la protesta di medici e operatori sanitari e comitati di genitori, docenti e studenti
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Sit-in al Ministero della Salute di medici e odontoiatri libero professionisti: «Noi ancora senza vaccino»
I camici bianchi in piazza per protestare contro l’ineguale trattamento con gli altri medici: «Perché siamo stati esclusi dalla fascia prioritaria del piano vaccinale?». A guidare la protesta Paolo Mezzana: «Nel Lazio differenze anche tra ASL. Ministro Speranza è consapevole della nostra condizione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...