Lavoro 9 ottobre 2018

Autodimissioni degli ospedalieri e fuga dal SSN, le reazioni dei lettori al racconto di una vita soffocante

L’intervista al vicepresidente della FNOMCeO Giovanni Leoni è stata l’articolo più letto di settembre ed il più condiviso sui social network. È il sintomo della diffusione del malessere di una categoria che, a lavorare nel sistema sanitario pubblico, proprio non ce la fa più

In un mese, l’articolo sulle “autodimissioni” dei medici e la fuga dal servizio sanitario pubblico è stato letto da più di 30mila persone e, dato ancor più impressionante, condiviso su Facebook da circa 10mila utenti. Sono numeri che fanno ben comprendere quanto sia diffuso il malcontento degli ospedalieri nei confronti di una vita che li strangola, tanto da portare sempre più professionisti ad abbandonarla. Sono dati che evidenziano quanto il bel racconto di Giovanni Leoni, vicepresidente della FNOMCeO e segretario di CIMO Veneto, non sia un caso isolato, ma sia appunto condiviso e condivisibile da migliaia di medici e professionisti sanitari.

Vanno in tal senso, infatti, le decine di commenti sui social, in cui medici e pazienti sottolineano che le situazioni raccontate siano «tutte vere» e raccontano le proprie esperienze personali. «A gennaio anche io andrò in una clinica privata a Bari – scrive un lettore su Facebook -. Mi danno 1000 euro in più. Lavoriamo con grandi responsabilità e in condizioni di lavoro schiavizzanti, e ci danno stipendi di dieci anni fa», riferendosi al mancato rinnovo del contratto della categoria.

«Io sono una di quelli che si sono dimessi – racconta Silvana Baldini -. Ho cambiato vita e sono felice della decisione presa, vista l’insostenibilità dei ritmi negli ultimi tempi». «Anche io ho aperto uno studio privato a km 0 – scrive Angela Gherela -. La vita è cambiata completamente. Sono datore di lavoro di me stessa e sono felicissima». «Vorrei tanto trovare il coraggio per farlo anche io», risponde un’altra utente.

«Non c’è nulla che incoraggi a portare avanti la passione per questa professione: dalla lotta per accedere agli studi, alle difficoltà per la specializzazione, allo sfruttamento del personale – elenca Virginia Bellina -. Non lamentiamoci se poi molti se ne vanno fuori».

«A fare il bilancio dei pro e dei contro ad essere oggi dei medici, vincono inesorabilmente, purtroppo, i contro – rincara la dose Tommasina Carinola -. Oltre a turni massacranti, reperibilità non pagate e la possibilità negata a molti di conseguire una specializzazione, oggi si aggiungono le varie aggressioni durante i turni. I medici arrivano quindi all’esasperazione e decidono di cambiare tutto, pur ricordando benissimo i sacrifici affrontati per arrivare a fare uno dei lavori più belli del mondo».

«Stanno eliminando la sanità pubblica a favore di quella privata. Si arriverà come in America, dove se non non hai l’assicurazione puoi anche morire per strada…» scrive Roger Melax. «E chi ci rimette – aggiunge Elisabetta Damin – è sempre il paziente».

Anche i pazienti hanno scritto la loro, come Maura Petranizzi: «Personalmente penso che non vorrei essere visitata da un medico in queste condizioni. Il rischio di errore è molto alto e non per colpa sua. Credo che la lucidità del medico e dell’infermiere sia indispensabile».

«I tagli e la spending review hanno prodotto e continuano a produrre anche questo – scrive Giuseppe Billè -. Dopo la riduzione dei posti letto e delle strutture sanitarie pubbliche ed il blocco delle assunzioni nella sanità pubblica, non sono solo gli utenti cittadini, almeno quelli che possono, ad affidarsi sempre più alle strutture private sanitarie, ma anche gli operatori, che a quanto sembra non ne possono più».

Infine, Paola Ron quasi urla digitando sulla tastiera: «Stanno riuscendo a distruggere la sanità pubblica migliore al mondo».

PER RACCONTARE LA TUA ESPERIENZA, SCRIVICI SU FACEBOOK O A redazione@sanitainformazione.it

Articoli correlati
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
Sanità trasparente, parla il relatore Provenza (M5S): «Nessuna incombenza per i medici. Trasparenza affinché il cittadino torni a fidarsi degli operatori sanitari»
Il Provvedimento, approvato in Commissione Affari Sociali, deve ora ricevere il parere delle altre Commissioni competenti. Nel registro pubblico saranno rese note anche le motivazioni delle transazioni tra imprese e operatori del settore. Alzate le soglie minime: 50 euro per ogni singola donazione (500 euro all’anno). «Nessuna idea vessatoria o persecutoria della classe medica. Il nostro è un progetto culturale che mira sostanzialmente a sostenere il diritto alla conoscenza dei rapporti», sottolinea il deputato M5S
La nazionale italiana di medici sciatori è campione d’Europa | GUARDA IL VIDEO
A Moena, le gare di Super-G, Slalom Speciale e Slalom Gigante. Prossima tappa, i mondiali, previsti a Vipiteno per fine marzo. Luigi Bertinato, presidente della Squadra italiana medici sciatori: «Grandi professionisti nell'arte medica ma anche grandi atleti, che oltre a curare gli altri curano anche se stessi»
Intramoenia, medici che la esercitano in calo dal 48% al 43,3%. Record nelle Marche, Bolzano in coda
Secondo la Relazione annuale sull’esercizio dell’attività libero professionale intramuraria tocca i valori minimi in Sardegna, Sicilia, Calabria, Umbria. 17 le Regioni che hanno provveduto ad emanare/aggiornare le linee guida regionali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...