Lavoro 9 Ottobre 2018

Autodimissioni degli ospedalieri e fuga dal SSN, le reazioni dei lettori al racconto di una vita soffocante

L’intervista al vicepresidente della FNOMCeO Giovanni Leoni è stata l’articolo più letto di settembre ed il più condiviso sui social network. È il sintomo della diffusione del malessere di una categoria che, a lavorare nel sistema sanitario pubblico, proprio non ce la fa più

In un mese, l’articolo sulle “autodimissioni” dei medici e la fuga dal servizio sanitario pubblico è stato letto da più di 30mila persone e, dato ancor più impressionante, condiviso su Facebook da circa 10mila utenti. Sono numeri che fanno ben comprendere quanto sia diffuso il malcontento degli ospedalieri nei confronti di una vita che li strangola, tanto da portare sempre più professionisti ad abbandonarla. Sono dati che evidenziano quanto il bel racconto di Giovanni Leoni, vicepresidente della FNOMCeO e segretario di CIMO Veneto, non sia un caso isolato, ma sia appunto condiviso e condivisibile da migliaia di medici e professionisti sanitari.

Vanno in tal senso, infatti, le decine di commenti sui social, in cui medici e pazienti sottolineano che le situazioni raccontate siano «tutte vere» e raccontano le proprie esperienze personali. «A gennaio anche io andrò in una clinica privata a Bari – scrive un lettore su Facebook -. Mi danno 1000 euro in più. Lavoriamo con grandi responsabilità e in condizioni di lavoro schiavizzanti, e ci danno stipendi di dieci anni fa», riferendosi al mancato rinnovo del contratto della categoria.

«Io sono una di quelli che si sono dimessi – racconta Silvana Baldini -. Ho cambiato vita e sono felice della decisione presa, vista l’insostenibilità dei ritmi negli ultimi tempi». «Anche io ho aperto uno studio privato a km 0 – scrive Angela Gherela -. La vita è cambiata completamente. Sono datore di lavoro di me stessa e sono felicissima». «Vorrei tanto trovare il coraggio per farlo anche io», risponde un’altra utente.

«Non c’è nulla che incoraggi a portare avanti la passione per questa professione: dalla lotta per accedere agli studi, alle difficoltà per la specializzazione, allo sfruttamento del personale – elenca Virginia Bellina -. Non lamentiamoci se poi molti se ne vanno fuori».

«A fare il bilancio dei pro e dei contro ad essere oggi dei medici, vincono inesorabilmente, purtroppo, i contro – rincara la dose Tommasina Carinola -. Oltre a turni massacranti, reperibilità non pagate e la possibilità negata a molti di conseguire una specializzazione, oggi si aggiungono le varie aggressioni durante i turni. I medici arrivano quindi all’esasperazione e decidono di cambiare tutto, pur ricordando benissimo i sacrifici affrontati per arrivare a fare uno dei lavori più belli del mondo».

«Stanno eliminando la sanità pubblica a favore di quella privata. Si arriverà come in America, dove se non non hai l’assicurazione puoi anche morire per strada…» scrive Roger Melax. «E chi ci rimette – aggiunge Elisabetta Damin – è sempre il paziente».

Anche i pazienti hanno scritto la loro, come Maura Petranizzi: «Personalmente penso che non vorrei essere visitata da un medico in queste condizioni. Il rischio di errore è molto alto e non per colpa sua. Credo che la lucidità del medico e dell’infermiere sia indispensabile».

«I tagli e la spending review hanno prodotto e continuano a produrre anche questo – scrive Giuseppe Billè -. Dopo la riduzione dei posti letto e delle strutture sanitarie pubbliche ed il blocco delle assunzioni nella sanità pubblica, non sono solo gli utenti cittadini, almeno quelli che possono, ad affidarsi sempre più alle strutture private sanitarie, ma anche gli operatori, che a quanto sembra non ne possono più».

Infine, Paola Ron quasi urla digitando sulla tastiera: «Stanno riuscendo a distruggere la sanità pubblica migliore al mondo».

PER RACCONTARE LA TUA ESPERIENZA, SCRIVICI SU FACEBOOK O A redazione@sanitainformazione.it

Articoli correlati
ECM, Pensionati Cisl: «Perché il Sistema sanitario non investe in questo ambito?»
Emilio Didone, segretario dell’associazione pensionati della Cisl Lombardia, sottolinea come i pazienti non si sentano adeguatamente tutelati: «Ad una richiesta, lecita, di aggiornamento, non è seguito un investimento delle strutture nella formazione, mentre i medici in organico sono sempre meno...»
di Federica Bosco
Formazione ECM, società scientifiche: «Senza aggiornamento diagnosi e terapie errate»
Inchiesta ANSA sulla formazione ECM e sul 20% di medici non in regola. Anche le associazioni dei pazienti e dei consumatori in pressing: «Sia fatta rispettare la legge». Gli accademici: «Un medico non adeguatamente aggiornato - sottolineano - si rischia di ritardare la diagnosi di una malattia importante»
ECM, Giacomelli (CODICI): «Sistema dei controlli non funziona, medico presenti ai pazienti ‘curriculum’ con aggiornamenti»
Il segretario nazionale di CODICI - Centro per i diritti del cittadino torna sul tema del mancato adempimento dell’obbligo formativo e rilancia: «È bene che appunto il consumatore venga messo nelle condizioni di conoscere chi è il professionista e le competenze che ha acquisito su quel caso specifico caso o su una determinata patologia»
“Furbetti dell’Ecm”, Giario Conti (Auro): «No a proroghe. Non esiste che un medico non sia costantemente aggiornato»
Dal XXVI Congresso Nazionale dell'Auro (Associazione Urologi Italiani) in corso a Bologna arriva il monito di Giario Conti, urologo e coordinatore del comitato scientifico dell'Auro, sull'aggiornamento professionale per i medici: «No a ulteriori proroghe per la formazione. Solo quando ci sarà equità a livello nazionale a livello formativo, si potranno valutare sanzioni»
“Furbetti dell’ECM”, Cittadinanzattiva: «Paziente deve sapere se medico è in regola con aggiornamento o no»
Dopo l’inchiesta di Striscia la Notizia, le associazioni dei pazienti prendono posizione sull’obbligo dell’aggiornamento professionale per i medici. Mandorino (Cittadinanzattiva): “Noi tuteliamo i diritti dei malati, vogliamo verifiche sulla formazione corretta dei camici bianchi”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...