Salute 3 settembre 2018

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qualità di vita e delle condizioni di lavoro, firmano anzitempo la risoluzione del rapporto di lavoro». Tra le cause anche blocco del turnover e giovani disincentivati

Immagine articolo

Una prova di resistenza, fisica e mentale. Un’amante esigente, che ti prosciuga tutte le energie, impedendoti di dedicarti appieno ad altre attività. È la vita di molti medici ospedalieri: soprattutto medici di Pronto soccorso e di medicina d’urgenza, internisti, anestesisti, specialisti in chirurgia generale. Ma anche infermieri e operatori sanitari, ovviamente. Una vita di reperibilità, urgenze e notti, che non conosce il significato della parola festivo né, troppo spesso, della parola riposo.

Lo sanno bene, gli ospedalieri, che cosa significa essere chiamati di notte per un’urgenza, a cui magari ne segue un’altra; tornare a casa alle 6 di mattina e poi, facendo finta di aver dormito, ripresentarsi in ospedale alle 8 ed affrontare un’altra giornata di Pronto soccorso, visite o sala operatoria. E si va avanti così, di anno in anno, trascurando inevitabilmente se stessi e i propri cari. Finché si arriva al limite e si prende la difficile decisione di cambiare vita, di lasciare quel posto per il quale si è lottato e sacrificato tanto. Si lascia l’ospedale.

Abbiamo intervistato Giovanni Leoni, vicepresidente della FNOMCeO e segretario di CIMO Veneto, che ha chiamato questa scelta “autodimissione”: «È un termine – spiega ai microfoni di Sanità Informazione – normalmente riferito ai pazienti quando rifiutano le cure e firmano la cartella clinica, ma ho coniato questo neologismo per illustrare la posizione dei medici che, visto il basso livello della qualità di vita e delle condizioni di lavoro, firmano anzitempo la risoluzione del rapporto di lavoro con l’ospedale».

In una lunga chiacchierata, il dottor Leoni ha raccontato cosa significa veramente lavorare in un ospedale. Significa esser costretti anche a due settimane di reperibilità consecutive (pagate un euro netto l’ora), che impediscono di andare in palestra, o al ristorante, o al cinema, e costringono a dormire con il cellulare acceso e un occhio aperto, in attesa di una possibile chiamata. Significa discutere con i colleghi per organizzare turni e ferie, perché c’è il battesimo del nipote, o la laurea dei figli, o un concerto atteso da anni, un compleanno o un anniversario.

Significa lavorare anche 48 ore di seguito, con la vita delle persone nelle proprie mani e la stanchezza che si accumula. Significa rendersi conto, ogni anno, che le energie inesorabilmente diminuiscono, e che avere 60 anni non è come averne 40. Significa aiutarsi a vicenda, perché quella dell’ospedale, alla fine, è una seconda famiglia, e ci sono solo i tuoi colleghi, con cui trascorri gran parte della tua vita, che possono tenderti una mano quando capiscono che quel limite lo hai già superato. E quando qualcuno si prende l’influenza, o si rompe una gamba, o rimane incinta (e in teoria dovrebbe capitar spesso, per fortuna, visto che il 60% dei medici under 35 è donna), quella torta di turni, sempre la stessa, deve essere divisa in meno fette. Più larghe, consistenti, pesanti. Faticose. E arriva il momento che non ce la fai più. Vivi per mesi nel dilemma tra andar via o restare per cercare di provare a cambiare qualcosa. Ma poi non cambia niente, anzi magari peggiora, e ti “autodimetti”.

Sono queste le conseguenze del blocco del turnover o del numero insufficiente di contratti per le scuole di specializzazione o il corso di formazione in medicina generale. Non sono solo le liste d’attesa più lunghe, i Pronto soccorso affollati o l’assenza di determinati specialisti in alcuni ospedali. Sono anche la qualità e la sicurezza delle cure che possono esserne condizionate. E lasciando l’ospedale non si fa che alimentare il problema della carenza di medici che già affligge le corsie dei nostri ospedali e che in parte è causa della vita frenetica ed estenuante condotta dagli ospedalieri. Un cane che si morde la coda. Un circolo vizioso da cui è difficile uscire.

Ma un modo per migliorare le condizioni di vita e di lavoro di chi, prima o poi, dovrà prendersi cura della salute di noi tutti forse c’è: «È una questione di impegno, di incentivazione, di risorse che devono essere investite per sbloccare il turnover generazionale – risponde Leoni -. È necessario che ci siano più specialisti e che si qualifichino più giovani, mettendo a loro disposizione più posti per le scuole di specializzazione ed il corso di formazione in medicina generale, consentendo a tutti i laureati in medicina di proseguire il loro percorso formativo».

«I giovani – prosegue il vicepresidente della Federazione degli Ordini dei Medici e degli Odontoiatri – arrivano alla professione con le più svariate motivazioni, prima tra tutte aiutare i pazienti. Poi, se vedono i più anziani che hanno condizioni di vita particolarmente pesanti, possono avere delle perplessità sul futuro che li attende. Trascorreranno la maggior parte della vita facendo quel lavoro, affrontando tutte queste difficoltà e facendo tutti questi sacrifici, ed è fondamentale che quel lavoro gli piaccia e li appassioni. Se l’assegnazione alla scuola di specializzazione, in base alla graduatoria, non corrisponde a quella desiderata, si otterrà un titolo non voluto o, magari, al secondo anno di corso si abbandonerà quella strada per tentare di inseguire altrove il proprio sogno e la propria passione. Se non si cambia qualcosa – conclude amaro Leoni – cercheranno sempre più all’estero quello che non trovano nel nostro Paese».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

 

Articoli correlati
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
Rappresentatività sindacale, nell’Area sanità aumento deleghe di Cimo, FVM e Uil Fpl
In testa confermato Anaao-Assomed, con il 24,41% della rappresentatività. Per il Comparto, i confederali guadagnano il podio, con Fp Cgil sul gradino più alto
Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn
Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»
Contratto medici, Quici (CIMO): «Partita denuncia a Corte europea. Chiudiamo subito quello scaduto e pensiamo al nuovo»
«La denuncia alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e la class action, a cui i medici potranno aderire da aprile, sono atti dovuti nei confronti dei colleghi, che attendono il rinnovo contrattuale da 10 anni». Intervista al presidente della CIMO Guido Quici, che sullo spot sui ricorsi per errore medico aggiunge: «Se le strutture affogano nei contenziosi legali, ridurranno i servizi ai cittadini» 
Sanità, Giulio Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Siamo primi per capacità di curare, ma investiamo poco. Così medici rischiano tanto»
L’assessore è intervenuto a un convegno per fare il punto sulla riforma sociosanitaria lombarda del 2015. Emilio Fossali, Direttore del Pronto soccorso pediatrico e Presidente della fondazione De Marchi, lancia una proposta per ridurre le liste d’attesa: «Creare un percorso diagnostico terapeutico gestito direttamente da una equipe medica per gli acuti e due diversi reparti di degenza: uno per acuti direttamente collegati al Pronto soccorso e uno per cronici collegato agli ambulatori e al day hospital»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano