Salute 28 Marzo 2023 05:57

Straordinari a 100 euro l’ora e aumenti in Pronto soccorso. I dettagli del decreto Schillaci

Approvato in Consiglio dei Ministri il decreto con le nuove misure che dovrebbero dare un po’ di respiro alla sanità italiana. Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, in accordo con il collega dell’Economia, ha messo insieme un pacchetto di riforme

di Mario Zimbalo
Straordinari a 100 euro l’ora e aumenti in Pronto soccorso. I dettagli del decreto Schillaci

Approvato in Consiglio dei Ministri il decreto con le nuove misure che dovrebbero dare un po’ di respiro alla sanità italiana. Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, in accordo con il collega dell’Economia, ha messo insieme un pacchetto di riforme approvato dal Governo. Tra le novità contenute nel decreto sono previsti incentivi agli operatori sanitari che lavorano nei reparti di urgenza/emergenza, limiti al ricorso ai medici «gettonisti», maggiore flessibilità per l’arruolamento dei medici specializzandi e dei camici bianchi stranieri e per stabilizzare chi, anche senza una specializzazione, ha maturato esperienza sul campo. Inoltre, nel pacchetto con le nuove misure dovrebbe trovare spazio anche un nuovo «compromesso» sul payback, la norma fortemente contestata dai fornitori di dispositivi medici.

Nel decreto stipendi più alti in Pronto soccorso e un aumento dell’indennità specifica

Secondo il decreto, i camici bianchi che lavorano nei Pronto soccorso avranno diritto a un aumento di stipendio. Verrà inoltre incrementato il compenso per gli straordinari: un’ora di lavoro aggiuntivo sarà pagata 100 euro, invece degli attuali 60. Sarà inoltre anticipato l’aumento dell’indennità specifica prevista per i medici in prima linea: doveva scattare dal 2024, invece partirà già dal prossimo giugno. Un aumento dell’indennità specifica è prevista anche per gli infermieri attivi nei reparti di emergenza. Sempre per quest’ultimi professionisti è prevista l’abolizione al vincolo di esclusività previsto dalla legge Bindi. Oltre che per i Pronto soccorso, il decreto dovrebbe introdurre incentivi anche per chi presta in altri servizi considerati disagiati e usuranti.

Pene più severe per chi aggredisce il personale sanitario

Sono confermate, inoltre, le misure rivolte a tutelare i professionisti sanitari dalle aggressioni, sempre più numerose nei reparti d’urgenza. A loro difesa, viene introdotta un’aggravante specifica nel codice penale, a carico di chi commette violenze o minacce ai danni del personale sanitario. Saranno anche creati presidi di polizia: secondo quanto ha annunciato il ministro dell’Interno Piantedosi, gli agenti arriveranno in quasi 200 ospedali italiani.

Il nuovo decreto prevede nuove stabilizzazione degli specializzandi e dei medici stranieri

Nel decreto del ministro della Salute è prevista anche un’estensione del ricorso e delle stabilizzazioni dei giovani laureati in medicina che stanno affrontando il loro periodo di formazione specialistica. Potranno essere inseriti nei Pronto soccorso prestando servizio nelle 8 ore di lavoro settimanale. Le aziende sanitarie, inoltre, potranno stabilizzare quei medici che non hanno una specializzazione, ma che già hanno lavorato nei reparti d’emergenza. In deroga alle regole sul riconoscimento delle qualifiche professionali ottenute all’estero, nelle strutture sanitarie pubbliche potranno lavorare anche i medici stranieri, sia comunitari che provenienti da Paesi extra Unione europea.

Limiti al ricorso ai medici gettonisti, tetti orari e rispetto delle competenze

Il decreto introduce specifici limiti al ricorso ai cosiddetti medici gettonisti, professionisti a cui gli ospedali ricorrono sempre più spesso per sopperire alla carenza di personale. Sono quindi stati fissati tetti al numero di professionisti esterni e alla durata del loro servizio. Inoltre, ci sarà un tetto anche alla loro età. In questo modo il ministro Schillaci vuole mettere i paletti al ricorso a medici ultrasettantenni. Infine, il decreto di Schillaci stabilisce che il ricorso a professionisti esterni deve essere rispettoso delle singole qualifiche e competente. Quello che si vuole evitare è che un medico a gettone specializzati in dermatologia venga impiegato in cardiologia o che a un ortopedico venga richiesto di eseguire prestazioni da «pneumologo».

Il Governo si fa carico di un pezzo dei costi del payback

Il nuovo decreto dovrebbe finalmente mettere fine alla spinosa questione relativa al payback. Sarebbe infatti stato stanziato 1 miliardo di euro per limitare l’impatto dei 2,2 miliardi di euro previsti a carico delle imprese che da mesi stanno protestando contro una norma che ritengono ingiusta. La scadenza per le aziende del settore biomedicale per saldare il pregresso è stata fissata al 30 aprile con il decreto Milleproroghe.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dalle mutue al Covid, Rai Teche racconta i 45 anni del Servizio sanitario. Schillaci: “E’ tempo di revisione”
Un viaggio nel Servizio sanitario nazionale lungo 45 anni per capire da dove siamo partiti e verso quale direzione andare. E' la raccolta antologica intitolata “45 anni di Servizio Sanitario Nazionale” di Rai Teche disponibile su RaiPlay e presentata questa mattina al ministero della Salute
Terapie avanzate, necessario un nuovo sistema di finanziamento pubblico
A livello globale entro il 2030 saranno trattati oltre 500.000 pazienti terapie innovative (genica, cellulare e dei tessuti) con costi che si aggirano tra 1 e 3 milioni di euro a dose. Presentata una nuova proposta di finanziamento per i farmaci di domani, in anteprima europea dal gruppo di lavoro dell’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari (ALTEMS) - Facoltà di Economia dell’Università Cattolica, campus di Roma, insieme a LS CUBE Studio Legale
di V.A.
Schillaci: da esami inappropriati alle pensione dei medici, “il sistema sanitario va ammodernato”
Esami e visite inappropriate, la "gobba" pensionistica, il ricorso a strutture private convenzionate e, in generale, la necessità di ammodernare il sistema sanitario nazionale. Sono questi i temi affrontati da Orazio Schillaci, ministro della Salute, in un'intervista a 24 Mattino su Radio 24
Il CNT operativo compie 10 anni. In Italia 1 trapianto ogni 2 ore e mezza
Compie dieci anni il CNT operativo, la struttura del Centro nazionale trapianti attiva 24 ore su 24 che si occupa dell’assegnazione degli organi e del coordinamento dei prelievi per tutti i programmi nazionali di trapianti. Alla cerimonia ha preso parte il ministro della Salute Orazio Schillaci
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.