Lavoro 9 Ottobre 2018

Contratto medici, il 17 ottobre sit-in a Montecitorio. Di Tullio (Fassid): «Basta improvvisazioni in sanità»

La coordinatrice nazionale della federazione spiega i motivi dello stato di agitazione proclamato dall’intersindacale, che vanno al di là del contratto della dirigenza: «Avvertiamo una precisa volontà contraria alla sanità pubblica»

Immagine articolo

Inizierà il 17 ottobre la protesta di medici e dirigenti sanitari, che dalle ore 11.00 si ritroveranno in piazza Monte Citorio, a Roma“per la sanità pubblica e la dignità del loro lavoro” e perché “colpire la sanità è colpire la salute”, come recita la locandina dell’intersindacale.

«Non protesteremo solo per il nostro contratto, ma soprattutto perché avvertiamo una precisa volontà contraria al Servizio Sanitario Nazionale». Sono le parole pronunciate ai nostri microfoni da Alessandra Di Tullio, coordinatore nazionale della Federazione Fassid, a margine della conferenza stampa dell’intersindacale in cui sono stati annunciati l’interruzione delle trattative con l’Aran per il rinnovo del contratto della dirigenza medica e sanitaria e lo stato di agitazione, che dopo il sit-in della prossima settimana culminerà in scioperi e manifestazioni.

Unica donna seduta al tavolo, la dottoressa Di Tullio ha dato voce ai sindacati riuniti nella federazione (Simet – Sindacato italiano medici del territorio, Snr – Sindacato nazionale area radiologica, Aipac – Associazione sindacale patologi clinici, Aupi – Associazione unitaria psicologi italiani e Sinafo – Sindacato nazionale farmacisti dirigenti del SSN): «Io mi batto particolarmente per questo, non perché l’aspetto economico ed il contratto di noi medici non siano importanti – ha precisato la dottoressa Di Tullio – ma sono fortemente preoccupata per la tenuta del SSN».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, VERGALLO (AAROI-EMAC): «SCIOPERO DI UN ANESTESITA BLOCCA DIECI PROFESSIONISTI. FAREMO SENTIRE PESO DELLA CATEGORIA»

Arriva quasi come una minaccia, quindi, il messaggio che la coordinatrice lancia al Governo e, in generale, al mondo della politica: «Vorrei ricordare che tutti i 60 milioni di italiani fruiranno, prima o poi, del Servizio Sanitario Nazionale, e molti esercitano il diritto di voto. Il SSN rappresenta anche la salute del Governo».

«Non vogliamo più improvvisazioni nella sanità – prosegue la Di Tullio -, vogliamo che tutto il problema venga risolto in maniera strutturale». A partire dall’ondata di pensionamenti cui il SSN sta assistendo e assisterà in maniera ancor più massiccia in caso di approvazione della “quota 100”, che rischia di lasciare vuote le corsie degli ospedali italiani: «Ma lo stipendio di un medico che sta per andare in pensione – spiega la dottoressa – ha un’entità che va dai 3mila ai 4mila euro; un giovane costa 2300 euro. Perché non sostituirlo, allora? Perché perdurare in questo blocco del turnover?».

Altro problema, poi, è quello dei posti letto per numero di abitanti, «inferiore a tutto il resto d’Europa. Abbiamo i Pronto soccorso pieni di gente – continua la Di Tullio – perché non abbiamo i posti dove ricoverarli». Centrale, in questo ragionamento, anche il ruolo del territorio, che «non è pronto a risolvere tutte le emergenze. Anche perché – spiega – sul territorio non è possibile ottenere una diagnosi multidisciplinare quale quella che si ottiene al Pronto soccorso, quindi chi ha un’emergenza andrà in ospedale ma poi non avrà un posto letto perché il numero è troppo basso».

La coordinatrice Fassid presenta quindi la ricetta in tre punti – ardua impresa – che potrebbe aiutare a risollevare il Sistema Sanitario Nazionale: «Migliorare le condizioni di lavoro, organizzare i servizi in modo da non dover più intervenire attraverso cooperative e sistemi di lavoro interinali e dare un pochino di soddisfazione economica agli operatori, perché un operatore soddisfatto è un operatore che lavora meglio e in tranquillità. E la nostra tranquillità – conclude – è la tranquillità del paziente».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, FILIPPI (FP CGIL): «ABBIAMO DIRITTO ALL’AUMENTO DEL 3,48%. REGIONI E GOVERNO VENGANO ALLO SCOPERTO»

Articoli correlati
Contratto medici, sentenza Corte costituzionale: «Oneri contrattazione collettiva sono a carico delle regioni»
La Consulta ha respinto il ricorso del Veneto per l'assistenza in favore dell’autonomia degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali
CIMO-FESMED abbandona tavolo tecnico su RIA per assenza MEF: «Dimostrazione di indifferenza a problemi medici»
La Federazione CIMO-FESMED abbandona il tavolo tecnico sulla Retribuzione Individuale di Anzianità (RIA) istituito presso il Ministero della Salute con tutte le OO.SS. della dirigenza, le Regioni, la Funzione Pubblica ed il Ministero dell’Economia e delle Finanze. Il motivo? «L’assenza ingiustificata del principale interlocutore, il MEF, il cui ruolo tecnico e politico assume valenza assoluta […]
Contratto medici, CIMO lancia petizione per sbloccare trattativa
Pubblicata su change.org, l'iniziativa ha già raggiunto le 5mila sottoscrizioni. «Questa petizione – spiega CIMO – è un dovere morale nei confronti di chi, in questi anni, si è fatto carico di “coprire” i vistosi buchi assistenziali creati dal progressivo sotto finanziamento del SSN»
Contratto medici, riprendono trattative in Aran ma ancora nulla di fatto. Sindacati sul piede di guerra: «Risposte o abbandoneremo tavolo»
Tutto rimandato alla riunione del 21 marzo. Quici (Cimo): «Vogliamo certezze sui problemi economici: RIA, emendamento Gelli, aumento del 3,48%. Solo dopo potremo discutere della parte normativa». Palermo (Anaao-Assomed: «Risorse per remunerazione del disagio e carriera professionale, condizioni di lavoro sono peggiorate»
Contratto medici, per CIMO-FESMED si deve chiudere parte economica e rinviare parte normativa al CCNL 2019-21
La Federazione lancia anche una petizione su change.org per difendere i medici e supportare la class action contro ARAN e Regioni che entrerà nel vivo in questi giorni