Lavoro 9 ottobre 2018

Contratto medici, il 17 ottobre sit-in a Montecitorio. Di Tullio (Fassid): «Basta improvvisazioni in sanità»

La coordinatrice nazionale della federazione spiega i motivi dello stato di agitazione proclamato dall’intersindacale, che vanno al di là del contratto della dirigenza: «Avvertiamo una precisa volontà contraria alla sanità pubblica»

Immagine articolo

Inizierà il 17 ottobre la protesta di medici e dirigenti sanitari, che dalle ore 11.00 si ritroveranno in piazza Monte Citorio, a Roma“per la sanità pubblica e la dignità del loro lavoro” e perché “colpire la sanità è colpire la salute”, come recita la locandina dell’intersindacale.

«Non protesteremo solo per il nostro contratto, ma soprattutto perché avvertiamo una precisa volontà contraria al Servizio Sanitario Nazionale». Sono le parole pronunciate ai nostri microfoni da Alessandra Di Tullio, coordinatore nazionale della Federazione Fassid, a margine della conferenza stampa dell’intersindacale in cui sono stati annunciati l’interruzione delle trattative con l’Aran per il rinnovo del contratto della dirigenza medica e sanitaria e lo stato di agitazione, che dopo il sit-in della prossima settimana culminerà in scioperi e manifestazioni.

Unica donna seduta al tavolo, la dottoressa Di Tullio ha dato voce ai sindacati riuniti nella federazione (Simet – Sindacato italiano medici del territorio, Snr – Sindacato nazionale area radiologica, Aipac – Associazione sindacale patologi clinici, Aupi – Associazione unitaria psicologi italiani e Sinafo – Sindacato nazionale farmacisti dirigenti del SSN): «Io mi batto particolarmente per questo, non perché l’aspetto economico ed il contratto di noi medici non siano importanti – ha precisato la dottoressa Di Tullio – ma sono fortemente preoccupata per la tenuta del SSN».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, VERGALLO (AAROI-EMAC): «SCIOPERO DI UN ANESTESITA BLOCCA DIECI PROFESSIONISTI. FAREMO SENTIRE PESO DELLA CATEGORIA»

Arriva quasi come una minaccia, quindi, il messaggio che la coordinatrice lancia al Governo e, in generale, al mondo della politica: «Vorrei ricordare che tutti i 60 milioni di italiani fruiranno, prima o poi, del Servizio Sanitario Nazionale, e molti esercitano il diritto di voto. Il SSN rappresenta anche la salute del Governo».

«Non vogliamo più improvvisazioni nella sanità – prosegue la Di Tullio -, vogliamo che tutto il problema venga risolto in maniera strutturale». A partire dall’ondata di pensionamenti cui il SSN sta assistendo e assisterà in maniera ancor più massiccia in caso di approvazione della “quota 100”, che rischia di lasciare vuote le corsie degli ospedali italiani: «Ma lo stipendio di un medico che sta per andare in pensione – spiega la dottoressa – ha un’entità che va dai 3mila ai 4mila euro; un giovane costa 2300 euro. Perché non sostituirlo, allora? Perché perdurare in questo blocco del turnover?».

Altro problema, poi, è quello dei posti letto per numero di abitanti, «inferiore a tutto il resto d’Europa. Abbiamo i Pronto soccorso pieni di gente – continua la Di Tullio – perché non abbiamo i posti dove ricoverarli». Centrale, in questo ragionamento, anche il ruolo del territorio, che «non è pronto a risolvere tutte le emergenze. Anche perché – spiega – sul territorio non è possibile ottenere una diagnosi multidisciplinare quale quella che si ottiene al Pronto soccorso, quindi chi ha un’emergenza andrà in ospedale ma poi non avrà un posto letto perché il numero è troppo basso».

La coordinatrice Fassid presenta quindi la ricetta in tre punti – ardua impresa – che potrebbe aiutare a risollevare il Sistema Sanitario Nazionale: «Migliorare le condizioni di lavoro, organizzare i servizi in modo da non dover più intervenire attraverso cooperative e sistemi di lavoro interinali e dare un pochino di soddisfazione economica agli operatori, perché un operatore soddisfatto è un operatore che lavora meglio e in tranquillità. E la nostra tranquillità – conclude – è la tranquillità del paziente».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, FILIPPI (FP CGIL): «ABBIAMO DIRITTO ALL’AUMENTO DEL 3,48%. REGIONI E GOVERNO VENGANO ALLO SCOPERTO»

Articoli correlati
Legge di Bilancio, il duro giudizio dell’intersindacale medica: «Se promesse tradite, nuovi scioperi»
Dall’«emendamento beffa» sull’inclusione dell’indennità di esclusività nella massa salariale e la «precarizzazione di ritorno» causata dai contratti di lavoro autonomo, fino alla «criminalizzazione e militarizzazione dell’intramoenia», i sindacati di medici e dirigenti sanitari avvertono: «Il rimedio rischia di essere peggiore del male»
Legge di Bilancio, le novità in sanità: più soldi per le liste d’attesa, rinvio del Patto per la salute e norme per assunzioni individuali
La manovra approda alla Camera e sono tanti gli emendamenti arrivati in Commissione Bilancio. Tra le proposte di modifica anche il cambio della contrattazione farmaceutica e più fondi per Cnr e l’Ebri fondato dalla Montalcini. Cittadini (Aiop) contro norma che limita pubblicità sanitaria
Contratto medici, il nodo è la Ria. Palermo (Anaao): «Bene impegno Ministro, ora risposte. Problemi sono tecnici, c’è qualcuno che fa finta di non capire»
Il segretario si dice «pessimista» sul rinnovo. Poi chiede di utilizzare la Retribuzione individuale di anzianità: «Si tratta di prendere questa quota economica che attualmente è nelle casse aziendali dispersa in molle rivoli e di finalizzarla su servizi che siano utili ai cittadini»
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Sciopero medici, adesione tra 80 e 90%. Sindacati: «Senza risposte ci fermeremo anche a dicembre». E Grillo li convoca: «Accoglieremo loro istanze»
Forte adesione anche tra gli anestesisti: hanno aderito in 12mila. Il Ministro della Salute annuncia: «Passi avanti su contratto, nelle prossime settimane ci sarà annuncio». Anelli (Fnomceo): «Medici stufi, ma dimostrano loro attaccamento a SSN»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...