Lavoro 25 Settembre 2018

Contratto medici, Filippi (Fp Cgil): «Abbiamo diritto all’aumento del 3,48%. Regioni e Governo vengano allo scoperto»

In ballo anche le Retribuzioni di Indennità di Anzianità, un miliardo di euro bloccato dalla Legge Madia che potrebbe ridar ossigeno ai fondi dei dirigenti medici e sanitari. L’intervista a tutto tondo al segretario nazionale di Fp Cgil Medici Andrea Filippi, che avverte il ministero della Salute: «L’audizione sulle borse di specializzazione fatta al calar dell’estate non è confronto con i sindacati»

Immagine articolo

Ci sono o non ci sono le risorse per il rinnovo del contratto della dirigenza medica? Rispondere “questo è il problema” potrà sembrare banale e scontato, ma la questione sta tutta lì. L’accordo del 30 novembre di due anni fa prevedeva un aumento del 3,48% per tutti i dipendenti pubblici, medici compresi. Ma non è ancora chiaro se i soldi, per i medici, ci sono. Altra questione sono le Retribuzioni di Indennità di Anzianità, un miliardo di euro bloccato dalla Legge Madia che potrebbe ridare ossigeno ai fondi dei dirigenti medici e sanitari. Sarà possibile utilizzare queste risorse? Ancora non si sa. Con la discussione sulla Legge di Bilancio in corso, le domande sono tante, le risposte poche e poco chiare. «Il Fondo Sanitario Nazionale è nell’ordine del giorno delle discussioni?», si chiede Andrea Filippi, segretario nazionale Fp Cgil Medici. Perché parte tutto da lì, è tutto inesorabilmente legato al finanziamento della sanità e alle retribuzioni dei suoi professionisti, tanto che l’Intersindacale ha annunciato la protesta per chiedere il salvataggio del SSN. Ma sono anche altri i temi che abbiamo affrontato con Andrea Filippi nella sede romana di Fp Cgil, che ci ha lasciato parlando dell’aumento delle borse di specializzazione e dell’incontro avvenuto sul tema qualche settimana fa al Ministero: «Non accetteremo che un’audizione fatta di sfuggita al calar dell’estate gli consenta di dire che c’è stato un confronto con i sindacati. Questo non è confronto».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, L’INTERSINDACALE AL GOVERNO: «IN ASSENZA DI NOVITA’ STOP A CONTRATTAZIONE». E ANNUNCIA PROTESTA

Segretario, la trattativa per il contratto della dirigenza è ancora bloccata. Come mai?

«La risposta è molto semplice: stiamo aspettando ormai da mesi che si faccia chiarezza sulle risorse. Ancora non sappiamo se ci sono i soldi per garantire l’aumento del 3,48% per tutti i dipendenti pubblici previsto dall’accordo ottenuto dai sindacati confederali il 30 novembre 2016. Ci sono le risorse per garantirlo ai dirigenti medici e sanitari del Servizio Sanitario Nazionale? Sia Regioni che Governo ci hanno sempre detto di sì, ma ancora non ne abbiamo la certezza. Che poi il 3,48% dovrebbe essere per il 2018, e dovrebbe quindi partire dal 1 gennaio 2018: stiamo attenti a non giocare troppo sulle decorrenze, perché se la decorrenza è da luglio 2018 stiamo parlando di un’altra cosa».

Quali sembrano le intenzioni del Governo?

«In questa fase è fondamentale capirlo. Il Servizio Sanitario Nazionale e il Fondo Sanitario Nazionale sono all’ordine del giorno della Legge di Bilancio? Il ministro Grillo garantisce di sì e ha anche detto di non essere ostaggio del ministero dell’Economia e delle Finanze, ma da quello che leggiamo sulle trattative fra le due sponde del Governo ed il MEF, il Fondo Sanitario Nazionale non compare mai».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, PARLA CARLO PALERMO (ANAAO): «PER FIRMARE VA SBLOCCATA LA RETRIBUZIONE INDIVIDUALE DI ANZIANITA’. ECCO COME FARE…»

In ballo per il rinnovo del contratto c’è anche lo sblocco della RIA.

«Diciamo di sì. Bisogna capire se le Retribuzioni di Indennità di Anzianità accantonate nei diversi anni, che ammontano a circa un miliardo di euro, possono essere utilizzati per ristorare i fondi dei dirigenti medici e sanitari e superare il blocco sancito dall’articolo 23 della Legge Madia. Ma per noi confederali il tema principale è capire se ci sono le risorse per garantire anche ai dirigenti medici il 3,48% con cui sono stati rinnovati tutti i comparti del pubblico impiego. E su questo Regioni e Governo devono venire allo scoperto. Partiamo da qui, non spostiamo l’asticella in avanti prima di aver capito se c’è la base. Se la base c’è, possiamo ragionare su tutto il resto».

E se venisse fuori che la base non c’è?

«Come abbiamo già annunciato, saremo pronti a scendere a scendere in piazza. Chiameremo a raccolta tutti gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale e gli utenti, perché la valorizzazione della professionalità dei dirigenti medici è centrale per il buon funzionamento del SSN».

Intanto però assistiamo ad una vera emorragia di medici che al servizio pubblico preferiscono il privato.

«E questo è un tema strettamente legato al contratto: le retribuzioni ormai sono basse, non reggono il confronto con quelle europee né tantomeno con qualsiasi attività che si possa svolgere come libero professionista, anche a prestazione, presso qualsiasi struttura privata. È chiaro che a questo punto l’attività che un medico svolge con grande sacrificio presso il servizio pubblico e che rappresenta in qualche modo una mission è talmente mortificata in termini economici e di disagio lavorativo che i giovani colleghi non vogliono più lavorare per il servizio pubblico».

Un disagio lavorativo legato anche alla carenza di specialisti.

«Sì, un disagio provocato soprattutto dalla carenza di medici e di tutti gli operatori del SSN. Chi continua a sacrificarsi per il Servizio Sanitario Nazionale, lavora in condizioni di carenza di personale, in strutture fatiscenti e a rischio di continue aggressioni legate al fatto che non si riesce a rispondere alle esigenze dell’utenza. Fp Cgil nazionale sta chiedendo, oltre alle stabilizzazioni ottenute sempre dall’accordo del 30 novembre 2016, un piano straordinario di assunzioni, anche in previsione dei pensionamenti che si avvicinano: ormai l’età media degli operatori supera i 55 anni e se verrà approvata la quota 100 ci sarà una vera emorragia di operatori dal SSN».

Il piano di assunzioni può prevedere anche l’ingresso nel SSN di specializzandi del quarto anno?

«Questo non è legalmente possibile, ma temo che sia un progetto portato avanti dalle Regioni. Noi come Cgil, Cisl e Uil siamo assolutamente contrari, così come qualche tempo fa ci siamo opposti all’assunzione di specializzandi con un contratto del comparto e non della dirigenza, creando quindi medici di serie A e di serie B. È inaccettabile perché è soltanto un meccanismo tappabuchi che non risolve il problema. Bisogna prima di tutto, come dicevo, dar vita ad un piano assunzionale straordinario utilizzando tutte le graduatorie oggi esistenti, come quelle della specialistica ambulatoriale, per fare contratti di dipendenza. Ed è stata questa la proposta che abbiamo presentato al Ministro. Dopodiché va aumentato il numero delle borse per le scuole di specializzazione, ma questo è un percorso che va affrontando sedendoci ad un tavolo e ragionando insieme. Non accetteremo che un’audizione fatta di sfuggita al calar dell’estate dal Ministero gli consenta di fare un programma dicendo che c’è stato un confronto con i sindacati. Questo non è confronto, il confronto significa aprire un tavolo tecnico».

 

 

 

Articoli correlati
I sindacati della dirigenza medica e sanitaria sospendono lo sciopero ma mantengono lo stato di agitazione
Nel corso dell’incontro con l’intersindacale, il ministro della Salute Giulia Grillo ha mostrato l’emendamento che annulla la retroattività del comma 687 della Legge di Bilancio e si è impegnata a far convocare i sindacati dall’Aran. Sul tavolo, anche confronto per lo sblocco della RIA
Contratto medici, sindacati soddisfatti da incontro Funzione Pubblica, ma per ora scioperi confermati
Un emendamento al decreto Semplificazione, in discussione al Senato martedì 22, posticiperà gli effetti del comma 687 della legge di Bilancio al contratto 2019-2021. Ma rimane il nodo della RIA, su cui c'è il blocco del ministero dell'Economia
Salute e fattori sociali, il legame c’è ed è stretto. Marmot (UCL): «Crisi economica ha frenato aumento aspettativa vita»
L’intervento dell’autorevole professore di epidemiologia e salute pubblica dell’università londinese al Congresso della Fp Cgil in corso a Perugia: «Le azioni dei governi possono fare la differenza. Ed è necessario partire dall’istruzione»
Sciopero medici, adesione tra 80 e 90%. Sindacati: «Senza risposte ci fermeremo anche a dicembre». E Grillo li convoca: «Accoglieremo loro istanze»
Forte adesione anche tra gli anestesisti: hanno aderito in 12mila. Il Ministro della Salute annuncia: «Passi avanti su contratto, nelle prossime settimane ci sarà annuncio». Anelli (Fnomceo): «Medici stufi, ma dimostrano loro attaccamento a SSN»
Sciopero medici, ecco le ragioni. Troise (Anaao): «Bene segnali di attenzione, ma produrranno risultati?»
Mancato rinnovo del contratto, aumento borse di specializzazione insufficiente, scarso finanziamento del Fondo Sanitario Nazionale, assenza di un piano di assunzioni straordinario. Ecco perché venerdì medici, dirigenti sanitari e veterinari incroceranno le braccia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone