Lavoro 25 Ottobre 2018

Contratto medici, Quici (CIMO): «Mancato rinnovo accentuerà fuga camici bianchi. Da politica disinteresse totale»

Il Presidente di CIMO punta il dito contro le Regioni: «Non hanno accantonato le risorse, è una situazione incresciosa». Poi sottolinea: «Capisco che non ci siano soldi e che ci siano altre priorità, però quando la salute non c’è aumentano i costi e diventa un boomerang. La sanità è un fattore produttivo, non un costo»

Immagine articolo

«Se non vogliono rinnovare il contratto non si venissero a lamentarsi che mancano i medici…». È quasi amareggiato Guido Quici, presidente del sindacato CIMO, anche lui sceso in piazza Montecitorio a protestare per il mancato rinnovo del contratto della dirigenza medica e per l’inadeguato rifinanziamento del Fondo sanitario nazionale e pronto ad incrociare le braccia, il 9 novembre, prima giornata di sciopero della categoria. Quici è stato tra i primi ad annunciare che senza risorse aggiuntive non avrebbe firmato accordi al ribasso e ha da sempre puntato il dito contro le Regioni: «Non hanno accantonato le risorse – spiega Quici a Sanità Informazione -, tant’è vero che sono partite una serie di pec ai vari assessori per conoscere l’entità del finanziamento, e quindi degli accantonamenti 2016, 2017 e quota parte 2018. È una situazione incresciosa. Dopo dieci anni è davvero triste assistere a una mancata volontà di rinnovare il contratto, e credo sia la cartina di tornasole di quello che si vuol fare in sanità».

LEGGI ANCHE: SIT IN MEDICI, PRESENTE ANCHE LA FNOMCEO. IL PRESIDENTE ANELLI: «SENZA FINANZIAMENTI AL SSN AUMENTERANNO DISUGUAGLIANZE»

Presidente, la manovra ha stanziato 284 milioni per il contratto ma voi siete scesi in piazza…

«Certo, l’obolo che ci hanno dato, facendo un calcolo per il comparto sanitario, è di 33 euro pro capite, una inezia. Se questo serve per sanare il periodo che va da gennaio ad aprile del comparto e della dirigenza è un discorso, ma a noi mancano proprio le risorse perché le Regioni non le hanno accantonate. Tanto è vero che sono partite una serie di pec ai vari assessori per conoscere l’entità del finanziamento e quindi degli accantonamenti 2016, 2017 e quota parte 2018. È una situazione incresciosa. Dopo dieci anni è davvero triste assistere a una mancata volontà di rinnovare il contratto e io credo che il contratto nostro sia la cartina di tornasole di quello che si vuol fare in sanità: se i medici vanno in pensione per la ‘gobba’ pensionistica, o per quota 100, o vanno via perché vogliono andare in strutture private e sono fortemente demotivati, è chiaro che il mancato rinnovo del contratto accentuerà ulteriormente la fuga. Non si venissero a lamentare che mancano i medici. Se si rinnova il contratto, se si dà dignità alla nostra professione, sicuramente i colleghi lavoreranno con un po’ di entusiasmo in più, ma i benefici saranno per i cittadini, questo è fuori discussione. Noto da parte della politica in genere un disinteressamento totale, da parte delle Regioni altrettanto.  Mi auguro che i cittadini capiscano la delicatezza del momento, perché se in questi dieci anni tutti i governi che si sono succeduti hanno decretato il declino della sanità pubblica, vorrei capire cosa voglia fare oggi questo Governo: se vuole continuare lo stesso percorso o se vuole dare una svolta definitiva. Capisco che non ci sono risorse, capisco che ci sono altre priorità, però quando la salute non c’è aumentano i costi e diventa un boomerang. Perché poi la sanità è un fattore produttivo, non è certamente un costo».

LEGGI ANCHE: PROTESTA MEDICI, MAGLIOZZI (CISL): «PREOCCUPATI DA COMPLETA ASSENZA DI ISTITUZIONI. CITTADINI INCONSAPEVOLI DI RISCHI SSN»

Ci sono state reazioni da parte delle istituzioni dopo l’annuncio del vostro stato di agitazione?

«Siamo stati convocati dalle Regioni. Però è davvero indegno che non siano state accantonate risorse per il nostro contratto quando lo prevede la Legge. Quando si tratta di far fare dei turni in più, o di far fare dei turni a cavallo tra più presidi ospedalieri, o quando si tratta di penalizzare la libera professione, o di introdurre strumenti tipo sanzioni disciplinari o altro, le Regioni sono bravissime. Quando si tratta di riconoscere diritti negati, allora fanno finta di nulla e sono latitanti. Quindi il problema con le Regioni è un problema serio, che va affrontato. Chiedono più soldi al Governo ma il Governo glieli aveva già dati, e non riesco a capire per quale motivo vadano bene per tutto tranne che per il rinnovo contrattuale dei medici, neanche del comparto. Quindi questo la dice lunga sulla volontà da parte delle Regioni e sulla loro visione rispetto al nostro mondo».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, QUICI (CIMO): «A QUESTE CONDIZIONI NON FIRMIAMO». E PROPONE PASSAGGIO MEDICI SOTTO MINISTERO SALUTE

Articoli correlati
Assunzioni SSN, Leoni (FNOMCeO): «Bene iniziare a parlarne, ma bisogna verificare se annuncio avrà conseguenze concrete»
Il vicepresidente della Federazione degli Ordini dei Medici teme che il superamento del tetto di spesa per il personale calcolato sui parametri dello scorso anno non sia sufficiente a risolvere il problema della carenza di medici e professionisti sanitari: «Se in Veneto mancano 1300 camici bianchi e non calcolo l’incremento sul personale originario, c’è il rischio di non recuperare granché»
Contratto medici, CIMO lancia petizione per sbloccare trattativa
Pubblicata su change.org, l'iniziativa ha già raggiunto le 5mila sottoscrizioni. «Questa petizione – spiega CIMO – è un dovere morale nei confronti di chi, in questi anni, si è fatto carico di “coprire” i vistosi buchi assistenziali creati dal progressivo sotto finanziamento del SSN»
Carenza medici, Anaao stila mappa delle ‘sofferenze’ fino al 2025: 16500 medici in meno, Piemonte, Toscana e Sicilia in testa
I risultati dello studio: dall’analisi delle curve di pensionamento e dei nuovi specialisti formati nel periodo 2018-2025, è previsto un ammanco di circa 16.700 medici. Le specialità in cui la programmazione risulta più deficitaria sono la medicina d’urgenza e la pediatria
Patto salute, Fugatti (Trentino): «Rimodulare rete punti nascita alla luce del calo demografico e intervenire su carenza medici specialisti»
«I cittadini trentini chiedono maggiori servizi e nuovi investimenti: se non interveniamo, anche a causa della denatalità, rischiamo lo spopolamento della montagna». E sulla carenza degli specialisti: «Il Governo deve adoperarsi o mancheranno, soprattutto, pediatri, medici di base, guardie mediche e anestetisti» così il Presidente della Provincia autonoma di Trento
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Contratto medici, riprendono trattative in Aran ma ancora nulla di fatto. Sindacati sul piede di guerra: «Risposte o abbandoneremo tavolo»
Tutto rimandato alla riunione del 21 marzo. Quici (Cimo): «Vogliamo certezze sui problemi economici: RIA, emendamento Gelli, aumento del 3,48%. Solo dopo potremo discutere della parte normativa». Palermo (Anaao-Assomed: «Risorse per remunerazione del disagio e carriera professionale, condizioni di lavoro sono peggiorate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone